Crema inglese

La Crema inglese oltre a essere un dessert molto goloso, ideale per inzuppare biscotti o da servire come crema d’accompagnamento (ad esempio per lo strudel di mele, per il pan di Spagna o torte al cioccolato), per fare la “Ile flottante” (dolce francese “Isola galleggiante”), ed è anche un’importantissima base della pasticceria.

Crema inglese

Tanto che, se mettiamo in gelatiera la crema inglese (fatta con latte e panna) diventerà un buonissimo gelato alla crema, oppure si può aggiungere un gusto (caffè, nocciola, pistacchio, cacao, cioccolato ecc).

La Crema inglese è anche la base per fare il bavarese. In questo caso si fa una crema inglese con solo latte (senza panna, perche viene aggiunta dopo), a cui si aggiunge un gusto a piacere (cioccolato bianco, fondente o al latte, caffè, frutta secca, frutta fresca ecc), la gelatina e la panna montata. Dopodiché va fatto raffreddare in frigo per qualche ora.

Mi viene in mente anche il cremoso di cioccolato, che va fatto sempre partendo da una crema inglese (con una dose maggiore di panna e poco latte), poi si aggiunge il cioccolato fondente con dose (100:40) e si monta il tutto.

Come avete visto in questi esempi, la Crema inglese è una base fondamentale della pasticceria, e non è così difficile da fare come si pensa. Bastano pochi accorgimenti per avere una Crema inglese perfetta! 😉

Questa ricetta prevede sia il latte che la panna, e quindi va bene come Crema inglese da dessert, crema d’accompagnamento, oppure per fare il gelato. Per altre preparazioni tipo bavaresi, cremoso al cioccolato o altro, mi regolo in base alla ricetta che voglio preparare.

Crema inglese

Crema inglese

INGREDIENTI:

  • 150 g di latte
  • 150 g di panna fresca
  • 70 g di tuorli (circa 4)
  • 60 g di zucchero semolato
  • 1/2 bacca di vaniglia

PREPARAZIONE:

Per la Crema inglese mettete sul fuoco in un pentolino il latte, la panna e la bacca di vaniglia svuotata dai semini.

In una ciotola rompete i tuorli d’uovo e mescolateli con lo zucchero semolato e i semini della vaniglia.

Appena un attimo prima che il latte e la panna inizino a bollire toglieteli dal fuoco e versateli a filo sui tuorli, mescolando bene.

Versare la crema nel pentolino e rimettete sul fuoco a fiamma molto bassa. Mescolate di continuo con una frusta o mestolo fino ad arrivare alla temperatura di 82-84°C.

Crema inglese

La crema non deve assolutamente bollire, altrimenti vi ritroverete con una frittata. Volendo si può anche fare a bagnomaria… forse è un po’ più semplice e non si rischia di farla attaccare sul fondo.

Se per caso non avete un termometro la potete fare lo stesso, basterà far andare la Crema inglese a fuoco bassissimo, mescolare di continuo e la cosa più importante è che non deve assolutamente bollire. La crema sarà pronta quando inizierà ad adensare leggermente e un altra prova efficace è quella di immergere il cucchiaio nella crema, se fa il cosiddetto “velo” vuol dire che è pronta.

Crema inglese

Toglietela dal fuoco e se volete la potete passare attraverso un colino.

Crema inglese

Coprite la Crema inglese con pellicola a contatto (meglio di quelle che si usano anche per microonde visto che è calda) e fatela raffreddare.

Crema inglese

In caso non la usiate subito, la potete conservare in frigorifero per un paio di giorni.

Seguitemi anche sulla mia pagina di Facebook Nonsolodolce di Lorena, grazie mille! ♡

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.