Treccia di panettone al thè ai frutti rossi

Treccia di panettone al thè ai frutti rossi

Treccia di panettone al thè ai frutti rossi

Ingredienti:

  • 300 gr di farina 00
  • 200 gr di farina manitoba
  • 150 gr di burro
  • 50 gr di strutto
  • 1 uovo (tuorlo e albume separati)
  • 1 pizzico di sale
  • vaniglia
  • 50 gr di zucchero
  • 5 gr di lievito di birra (o 80 gr di lievito madre)
  • 250 gr di latte tiepido
  • 20 gr di thè solubile ai frutti rossi (in alternativa 2 o 3 bustine di thè della stessa tipologia)
  • uvetta o gocce di cioccolato fondente e bianco
  • granella di nocciole (o di altra frutta secca)

Questo treccione squisito ricorda molto la consistenza ed il sapore del classico panettone che noi tutti amiamo: ma si sa che fare un buon panettone richiede lunghe, anzi lunghissime lievitazioni e moltissima pazienza e pratica per poi essere divorato in pochi minuti! Questa è una versione fattibilissima e di gran lunga più veloce di quella classica che di fatti richiede dalle 24 alle 48 ore di lievitazione!… poi l’aroma al thè ai frutti rossi infonderà sapore ed odori meravigliosi di Natale nelle vostre bocche e nelle vostre case!! Vi accorgerete come me che questo diventerà il vostro dolce lievitato preferito, che farete non solo a Natale ma anche per tutto il resto dell’anno!

Iniziate allora mettendo nella planetaria il latte tiepido, il thè solubile (se usate le bustine, scaldate a parte il latte; mettetevi in infusione le buste del thè fino a intiepidimento), il lievito, lo zucchero, i grassi e 200 gr della farina 00: amalgamate e lasciare lievitare per un’oretta.

Passato il tempo, unite al composto la vaniglia, i restanti 100 gr di farina 00, la manitoba, il tuorlo ed il sale: impastate per almeno 10 minuti, ossia fino a quando il panetto diventerà liscio. Fate lievitare un’altra ora, ora e mezza.

A questo punto, versate il composto lievitato sulla spianatoia con poca farina, amalgamatevi l’uvetta o, come ho fatto io, le scagliette di cioccolato bianco e fondente, e createne 3 filoncini uguali coi quali creerete una treccia da adagiare sulla placca da forno con carta oleata.

Lasciate lievitare dentro il forno spento con la luce accesa per un’altra oretta. Infine preriscaldate il forno statico al massimo; spennellate con l’albume avanzato ed un pennello, la superficie del treccione e cospargetevi sopra la granella di nocciole o altra frutta secca o zuccherini. Infornate abbassando la temperatura a 200° per circa 30 minuti (fuori sarà abbastanza scuro come un panettone); alla fine per sicurezza terminate la cottura solo sotto per altri 5 minuti. Sfornate e tagliate tiepido o freddo. Questa treccia di panettone burrosa, soffice, irresistibile e con una deliziosa superficie sfogliata, si conserva qualche giorno in credenza!!

N.B. Se lo desiderate potete anche insaporire anche solo con della semplice vaniglia o scorza di limone e farlo lievitare e cuocere nello stampo di carta forno adatto ai panettoni per ottenere la tradizionale forma da noi tutti conosciuta. Ovviamente però cambiano i tempi di cottura che saranno un pò più lunghi e consiglio anche di capovolgerlo, dopo averlo sfornato, a testa in giù grazie all’aiuto di stecchi di legno (gli spiedi) infilzati alla base.

pan3

pan4

Per seguirmi su fb clicca qui: https://www.facebook.com/nocediburrodolcesalato/?ref=hl

Precedente Cotolette di porro.."imbottite" con zucchine agrodolci Successivo Pane di grano duro coi "fiocchi"..al pecorino, noci&olive "cunzate"