Patate fritte in padella

Patate fritte in padella credo in assoluto il piatto più conosciuto ed amato da tutti, come rinunciare ad un buon piatto di patate fritte, belle croccanti, dorate, ma morbide all’interno e con uno profumo mozzafiato.

Personalmente ho sempre seguito le regole delle mie nonne e posso dire che non hanno mai sbagliato un colpo. Loro friggevano rigorosamente con lo strutto, in modo abbastanza veloce, senza troppi accorgimenti, ma ci facevano sempre delle patate da leccarsi i baffi e, per quante ne friggessero, non bastavano mai!

Patate fritte in padella
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 800 gpatate (preferibilmente tipo Bologna)
  • 200 gstrutto
  • 1 ramettorosmarino
  • q.b.sale grosso

Preparazione delle Patate fritte in padella

  1. Sbucciare le patate e tagliarle a spicchi.

    Tenerle immerse in acqua freddo almeno 30 minuti.

  2. Trascorso il tempo di riposo, scolarle e tamponarle dall’acqua in eccesso con un panno carta.

  3. Sistemare in una padella non troppo ampia lo strutto con un rametto di rosmarino.

    Quando il rosmarino comincerà a formare delle bollicine estrarlo dallo strutto.

    A questo punto tuffare le patate poche per volta nel grasso.

  4. Farle andare a fiamma vivace fino a quando non saranno ben dorate da un lato.

    Poi mescolarle e girale sull’altro lato e proseguire la frittura.

  5. Man mano che sono pronte trasferirle su carta assorbente.

    Condire con sale grosso e se vi piace con pepe.

  6. Patate fritte in padella

    Portarle subito in tavole e buon appetito!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare e la mia passione è diventata anche un lavoro, ho gestito per 10 anni il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.