Crescione alle erbette e mozzarella

Crescione alle erbette e mozzarella

Un classico della tradizione romagnola, si trova praticamente in tutti i chioschi di piadina della Romagna, magari con alcune varianti, ma la sostanza è sempre quella: un ripieno di erbette e mozzarella avvolto da un impasto per piadina.

In alcune zone della Romagna viene chiamato cassone, ma il concetto è sempre quello, sostituisce un pranzo od una cena veloce ed è molto goloso.

Si può sostituire la mozzarella con tutti i tipi di formaggio, dal parmigiano, alla fontina, alla ricotta, oppure il gorgonzola, il pecorino ed anche il mascarpone, provateli nei vari abbinamenti e trovate il vostro preferito!!! 😉

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 10 pezzi
  • Costo: Economico

Ingredienti

Per l'impasto della piadina

  • 1 kg Farina
  • 5 g Bicarbonato
  • 250 g Strutto
  • 15 g Sale grosso
  • 200 ml Latte
  • 200 ml Acqua

Per il ripieno

  • 1 kg Spinaci
  • 1 spicchio Aglio
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Prima di tutto preparare l’impasto per la piadina.

    Impastare tutti gli ingredienti assieme, far riposare l’impasto circa 30 minuti.

    Dividerlo in 12-14 palline dipende da quanto volete grandi i crescioni.

    Lavare gli spinaci freschi sotto acqua corrente.

    Scaldare una padella con l’olio e far andare con gli spicchi d’aglio per un minuto aggiungere gli spinaci freschi o i cubetti di spinaci, mescolare e cuocere a fuoco moderato e con il coperchio per una decina di minuti. Se trascorsi il tempo necessario ci fosse ancora troppo liquido di cottura, togliere il coperchio ed alzare la fiamma.

  2. Formare con l’impasto della piadina una pallina di circa 180 gr. stenderla con il mattarello ad un spessore di circa 2 millimetri e su metà distribuirvi nell’ordine: le verdure e saltate e la mozzarella tagliata a cubetti, mi raccomando fatela sgocciolare per almeno trenta minuti in un cola pasta per eliminare l’eccesso di acqua.

  3. Chiudere il crescione e cuocere sul testo o in mancanza, su padella antiaderente ben calda un paio di minuti per parte rigirandolo almeno due volte.

  4. Non dimenticare di metterlo anche in “piedi” Per cucinare la base sotto.

    Ora aspettate, se ci riuscite, un paio di minuti e poi gustatelo!

    Buon appetito! 😉

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare e la mia passione è diventata anche un lavoro, ho gestito per 10 anni il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.