Pachino spadellati

Pachino spadellati

Contorno stra veloce, ma gustoso a base di erbe aromatiche e pomodorini di Pachino.

Pomodoro di Pachino (IGP) è un prodotto ortofrutticolo italiano a Indicazione geografica protetta. In certe aree d’Italia l’ortaggio è noto anche con il nome di pendolino.

Caratteristico per l’aspetto “a ciliegia” su un grappolo a spina di pesce con frutti tondi, piccoli, dal colore eccellente.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il cosiddetto “pomodoro di Pachino” non è nato nella zona di Pachino (in particolare le varianti note come “ciliegino” e quella “a grappolo”): qui le coltivazioni di pomodori risalgono al 1925] ma si trattava di normali pomodori da insalata dalle dimensioni ordinarie e variabili.

Pomodori simili a quello di Pachino, di forma rotonda e taglia abbastanza ridotta, a volte di caratteristico colore giallo-rossastro, erano invece coltivati a livello familiare in tutto il Meridione d’Italia, senza alcun sbocco commerciale: erano pomodori «da serbo», destinati all’autoconsumo durante il periodo invernale proprio perché dotati di particolari doti di serbevolezza: a tal fine, si conservavano uniti in grappoli tenuti al riparo dalle intemperie stagionali, appesi all’interno o all’esterno delle abitazioni, in quest’ultimo caso protetti dalle precipitazioni grazie allo spiovente dei tetti.

  • Difficoltà:Molto Bassa
  • Preparazione:10 minuti
  • Cottura:10 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Pomodorini di Pachino 500 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Prezzemolo 1 ciuffo
  • Erba cipollina 1 ciuffo
  • Basilico 5 foglie
  • Peperoncino 1
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. In una padella sistemare i pomodorini puliti, l’aglio tritato il peperoncino e l’olio d’oliva. Accendere la fiamma a fuoco vivo e incoperchiare.

    Far cuocere sempre a fuoco vivace per circa 10 minuti.

    Spegnere ed aggiungere il trito di erba cipollina, prezzemolo e basilico.

    Far riposare e servire tiepidi, sono ottimi anche freddi!

Contorni

Informazioni su lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare ed ora la mia passione è diventata un lavoro, gestisco dal 2010 il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Precedente Torta fragole e mirtilli Successivo Crescione alle erbette e mozzarella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.