Graffe fritte alla grappa e rhum

Graffe fritte alla grappa e … dolci tipici campani che deliziano la prima colazione. Un impasto lievitato soffice,una ciambella fritta a base di farina, uova e ricoperte di zucchero, a cui ho aggiunto la grappa ed il rhum nell’impasto per renderle ancora più profumate, saporite e letteralmente irresistibili e talmente deliziose che quando le preparo finiscono letteralmente in un batter d’occhio. Questi dolci sono caratteristici del periodo di carnevale, ma a Napoli si trovano oramai tutto l’anno per accompagnare una cioccolata calda, un cappuccino o semplicemente un caffè. Le graffe sono talmente deliziose che a casa mia finiscono letteralmente in un batter d’occhio. Vi domanderete qual è il segreto per una ciambella così buona, soffice e alta, la risposta è semplice, una lunga lievitazione.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione3 Ore
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni14 pezzi
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Ingredienti per 14 graffe
  • 25 gLievito di birra fresco
  • 120 mlLatte
  • 2Tuorli
  • 60 gZucchero
  • 60 gBurro
  • 2 cucchiaiGrappa
  • 1 cucchiainoRum
  • 2 pizzichiSale
  • 500 mlOlio di semi di arachide
  • 500 gFarina 00

Strumenti

  • Ciotole
  • 1 Planetaria
  • Pellicole per alimenti
  • Carta forno
  • Coppapasta (tondo in acciaio inox dal diametro di 8 cm)
  • Bocchette liscia per sacca poche
  • Termometri

Preparazione

Graffe fritte alla grappa

  1. Preparate il primo impasto inserendo in una ciotola o nella planetaria il latte appena tiepido. Unite il lievito sbriciolato e 120 g di farina. Mescolate amalgamando bene il tutto. Coprite con un foglio di pellicola per alimenti e lasciate lievitare per 30 minuti; vedrete che il composto raddoppierà di volume.

  2. Riprendete l’impasto ed unite il resto della farina, i tuorli, il burro ammorbidito, i due cucchiai di grappa ed il cucchiaino di rhum, lo zucchero ed il sale. Lavorate il composto con il gancio per 5 minuti. Trasferitelo all’interno di una ciotola, coprite nuovamente con la pellicola per alimenti e lasciate lievitare per circa due ore fino al raddoppio del volume.

  3. Trascorse le due ore riprendete l’impasto e sgonfiatelo leggermente, stendetelo su un piano di lavoro leggermente infarinato se necessario in una sfoglia spessa circa 1 cm. Con l’aiuto di un coppa pasta tondo ed il beccuccio di una sacca a poche ricavate tante ciambelle che posizionerete su tanti fogli di carta forno. Impastate i ritagli e ripetete il passaggio fino ad esaurimento del composto. Coprite con un telo e lasciate riposare per circa una ventina di minuti.

  4. A questo punto è arrivato finalmente il momento di friggere le graffe, quindi scaldate abbondante olio in una padella fino a portarlo alla temperatura di 170 °C. Friggette le ciambelle una alla volta girandole di tanto in tanto. Quando saranno ben dorate, scolatele per bene e passatele in una ciotola o in un piatto con lo zucchero semolato e servite.

Note

Le graffe alla grappa e rhum sono buone da mangiare sia calde che fredde. Potete conservarle per qualche ora in un contenitore ben chiuso. E’ sconsigliato il congelamento.   Seguimi sulla pagina di facebook cliccando Qui e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME  PAGE

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lefragrantidelizie

ciao, mi chiamo Silvana, le mie passioni sono la cucina ma non solo. Mi piace creare, quindi, oltre alla cucina, che presuppone creatività, mi piace dipingere, lavorare la creta, ricamare, lavorare ai ferri ed all'uncinetto, cucire. Mi piace anche leggere e scrivere. Spero di poter trasmettere queste mie passioni, implementando sempre più questo blog. Ciao a tutti e buona lettura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.