Orecchiette con Borragine

Orecchiette con Borragine… un primo facile e veloce da preparare, condito con verdura fresca e poco altro. Piatto povero e gustoso proprio per la sua essenziale semplicità!Orecchiette con Borragine

Orecchiette con Borragine – di Rosalba Vazzana

Ingredienti (per 4 persone)

  • 500 gr di Borragine tenera (già nettata)
  • una Cipolla piccola
  • Olio extra vergine di Oliva
  • 350 gr di Orecchiette secche artigianali (oppure 500 gr di Orecchiette fresche)
  • Sale q.b.
  • Pepe nero. q.b. (a piacere)
  • Parmigiano Reggiano q.b. (a piacere)
  • qualche fiore di Borragine per la decorazione (a piacere)

Procedimento: Pulire la Borragine, mettere da parte e usare solo le cimette tenere (e qualcuno dei suoi fiori per la decorazione), quindi lavarla accuratamente sotto acqua corrente. Portare ad ebollizione una pentola con abbondante acqua salata, cuocere la Borragine per circa 7-10 minuti, fino a quando sarà cotta ma ancora al dente e integra. Prelevarla dalla pentola con un mestolo forato e metterla da parte. Nel frattempo in una padella antiaderente soffriggere leggermente in Olio d’Oliva la cipolla tritata finemente, appena è appassita e non troppo cotta aggiungere la Borragine precedentemente bollita, saltarla in padella per qualche minuto. In una capiente pentola mettere l’Acqua e portare a bollore. Salare, aggiungere le Orecchiette e cuocere per il tempo indicato sulla confezione di pasta, circa 13 minuti. Scolare le Orecchiette e unirle alla Borragine in padella, mescolando delicatamente in modo da amalgamare bene il tutto e regolare di Sale. Servire le Orecchiette con Borragine ben calde e a piacere spolverare un po’ di Parmigiano Reggiano, Pepe nero e decorare con qualche fiore di Borragine.

Nota: Un altro ottimo modo di gustare la Borragine è preparare delle Frittelle, ideali da servire anche per feste, aperitivi e buffet. Vi lascio la mia Ricetta delle Frittelle di Borragine, basta cliccare sul nome.

Un po’ di curiosità: La Borragine (Borago officinalis) è una pianta della famiglia delle Boraginaceae. I suoi semi sono ricchi di acidi grassi polinsaturi e sono utilizzati per le loro proprietà antinfiammatorie e protettive del sistema cardiovascolare. Il suo nome deriva dal latino borra (tessuto di lana ruvida), per la peluria che ricopre le foglie. Altri lo fanno derivare dall’arabo abu araq (padre del sudore), attraverso il latino medievale borrago, forse per le proprietà sudorifere della pianta. Nella medicina popolare antica venivano utilizzate le foglie e le sommità fiorite, per abbassare febbre e calmare la tosse secca. Era nota anche come diuretico ed emolliente per i tessuti molli, in virtù delle mucillagini. Fin dall’antichità la pianta ha fama di svegliare gli spiriti vitali. Secondo Plinio “Un decotto di borragine allontana la tristezza e dà gioia di vivere”.

Se ti piacciono le mie ricette… le hai provate… vuoi chiedermi o dare consigli… ti aspetto sulla mia Pagina Facebook “Il mondo di Rosalba”… a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.