Crea sito

Moule frites – cozze e patatine fritte: piatto tipico del Belgio e delle friteries della Francia del nord 😍

Se vi è capitato di recarvi in Normandia, in Bretagna o in Belgio, sicuramente avrete avuto modo di gustare cozze e patatine fritte (Moule frites). In ogni zona, in ogni locale, avrete assaporato questo magnifico connubio in tutte le varianti. Io ho voluto replicare la versione “semplice”, quella belga 😉

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Porzioni3
  • CucinaInternazionale

Ingredienti moules

Ho acquistato 2,800 kg di cozze. Eliminate quelle rotte e quelle già aperte, una volta pulite, sono arrivata ad un peso di 2,576 kg. Poi, una decina, non si sono aperte durante la cottura. La porzione è stata sufficiente per 3 persone.
  • 2576 gcozze (pulite)
  • 40 gscalogno (tritato finemente)
  • 30 gburro
  • 1 spicchioaglio (tritato più piccolo possibile)
  • 35 gsedano (privato dei fili e tagliato a pezzettini)
  • 300 gvino bianco secco
  • q.b.prezzemolo tritato (porzione generosa)

Ingredienti frites

  • 900 gpatate (già sbucciate e tagliate a bastoncini)
  • q.b.olio di arachide (abbondante)

Preparazione

Per questa ricetta è bene usare cozze piccole.
  1. Occorre, innanzitutto, pulirle alla perfezione eliminando: incrostazioni, barbette e “sporcizia”. Si può usare un coltellino per raschiare ed uno spazzolino per perfezionare, il tutto sotto l’acqua fredda corrente.

  2. Non è difficile pulirle, occorre solo pazienza. Per mettervi avanti con i lavori, fate dare una pulita a macchina dal vostro pescivendolo di fiducia o compratele “già pulite” così dovrete solo ripassarle e sarà tutto più semplice 😉

  3. Non utilizzate le cozze già aperte o rotte. Una volta pulite, son pronte per essere cotte.

  4. Sarà per un eccesso di zelo, ma ho preferito non metterle subito nella pentola con il condimento. Ho preferito usare una casseruola ed, un po’ alla volta, ho fatto in modo che iniziassero ad aprirsi, quindi le ho tolte immediatamente una ad una, mettendole in una ciotola.

  5. Quelle che non si aprono, devono essere eliminate. Mentre quelle che iniziano ad aprirsi, devono essere prese con una pinza, senza privarle del loro liquido di cottura e tenute da parte. Intanto in una pentola abbastanza grande, va messo il burro, lo scalogno, l’aglio e il sedano.

  6. Appena il burro sarà fuso e le verdure inizieranno ad appassire, versate le cozze girando per farle insaporire. Si apriranno tutte ulteriormente. Bagnate con parte del vino bianco. Non lasciatele a lungo sul fuoco, diventerebbero gommose.

  7. Una volta aperte ed insaporite, raccoglietele in una pentola grande da contenerle tutte e procedete ad insaporire le altre.

  8. Finito anche questo non resta che cospargere con prezzemolo tritato e coprire con il liquido di cottura. Rimestate e mettete un coperchio per tenere in caldo.

  9. Veniamo ora alle patatine: tagliatele a bastoncini, sciacquatele abbondantemente con acqua corrente fredda, per eliminare l’amido in superficie e, dopo, asciugatele con uno strofinaccio pulito.

  10. Versate abbondante olio in una pentola, tuffate, dopo un po’, uno spicchio d’aglio, quando lo sentirete sfrigolare, potete inserire le patate ben asciutte. Fiamma medio-alta.

  11. Quando l’aglio sarà imbiondito, eliminatelo. Lasciate dorare le patate, quindi prendetele con una schiumarola a ragno e sistematele in una ciotola con della carta da cucina o carta paglia.

  12. Servite le cozze in una ciotola o in una pentola, con il loro intingolo. Predisponete un contenitore ogni due o tre persone, per eliminare le conchiglie.

  13. Anche le patatine saranno servite in mono porzioni. Il sale ed, eventualmente, il pepe, saranno messi sul momento, a tavola.

  14. Il risultato?

    Da leccarsi le dita 😉

3,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.