Frutta martorana

La frutta martorana è un dolce tipico siciliano che si prepara per le festività dei defunti. Frutta, ortaggi e anche pesci, vengono riprodotti in maniera artistica e golosa con la pasta di mandorle. Da buona siciliana questa è una ricetta che devo assolutamente farvi conoscere, la frutta martorana è deliziosa e facilissima da preparare, poi è davvero stupenda! Questa è la ricetta di mia suocera per preparare la vera ed originale frutta martonara siciliana, è sempre una garanzia 🙂

Ecco gli ingredienti che vi serviranno, queste sono le dosi per 2 kg di Frutta Martorana:
1 kg di mandorle pelate (o farina di mandorle)
1 kg di zucchero
250 g di acqua
12 chiodi di garofano
mezza fialetta di aroma alla vaniglia (o 6 bustine di vanillina)
un cucchiaino scarso di aroma di mandorla amara

Per la decorazione:
coloranti alimentari (meglio se in polvere)
foglioline varie
chiodi di garofano

Procedimento:
• Preparare la frutta martorana è molto semplice, se utilizzerete le mandorle pelate intere, dovrete tritarle molto finemente fino ad ottenere una farina.

• In un pentolino, versate l’acqua, i chiodi di garofano e portate ad ebollizione. Non appena l’acqua comincerà a bollire, versate lo zucchero e mescolate per qualche minuto per farlo sciogliere completamente. Togliete il pentolino dal fuoco, eliminate i chiodi di garofano e aggiungete l’aroma alla vaniglia e quello di mandorla amara.

• Mettete la farina di mandorle nel cestello di un’impastatrice o di una planetaria, aggiungete l’acqua insieme allo zucchero sciolto e fate lavorare per 30 minuti, gli ingredienti dovranno legare per bene.

• Una volta pronto il composto della frutta martorana, formate dei salsicciotti di circa 500 g ed avvolgeteli con della pellicola trasparente, dovranno riposare per un’oretta.

• Trascorso il tempo, potrete realizzare la frutta martorana utilizzando le formine apposite, che generalmente sono realizzate in gesso, terracotta o silicone: prendete un pezzettino di pasta di mandorle, inseritelo nello stampo, premete per imprimere la forma ed estraete la frutta martorana, facendo attenzione a non romperla. Per agevolarvi nell’operazione, potete rivestire le formine della frutta martorana con della pellicola trasparente.

• Non appena tutta la frutta martorana sarà pronta, disponetela su un vassoio e lasciatela asciugare per un giorno prima di colorarla. Per decorare la frutta martorana io preferisco utilizzare coloranti alimentari in polvere, da diluire eventualmente con qualche goccina di acqua.

• La frutta martorana colorata, dovrà asciugare per almeno un paio di ore prima di essere confezionata o mangiata 🙂

Spero che questa ricetta sia stata di vostro gradimento, se vi va seguitemi anche su Facebook su CucinafacileconElena per rimanere sempre aggiornati <3
 
Precedente Torta mele e limone Successivo Frittelle di patate e zucca con pancetta

19 thoughts on “Frutta martorana

  1. Fulvia il said:

    sono toscana, esattamente di Livorno. Qui è tradizione che l’uomo regali i fruttini alla donna il giorno dei morti, ma tutti i giorni vanno bene per mangiarli, perché sono buonissimi! ora cerco gli stampini e provo anch’io, ciao!

  2. nancy il said:

    Ciao elena come stai?!!:)anch’io l’ho fatta come da tradizione..oggi devo colorarla e ti volevo chiedere se hai qualche consiglio da darmi perche’ la tua e’ colorata benissimo invece ogni anno la mia frutta sembra che si assorbe il colore e poi quando asciuga il colore non e’ cosi’ acceso :(!qualche dritta da darmi?:DP.s.:uso i colori in polvere.Baciii

    • Ciao cara, bene grazie tu? Io uso i coloranti in polvere, la maggior parte delle volte non li diluisco, intingo il pennello nel colorante e lo passo sulla martorana per creare delle leggere sfumature di colore. Se devo colorare tutto il frutto più intensamente, aggiungo una goccina di acqua per volta, non diluisco molto il colorante per non ottenere l’effetto ”acquerello”, cioè molto bagnato ma poco colorato 😛

  3. paola torquati il said:

    ciao grazie per la bellissima ricetta, volevo soltanto sapere dove è possibile trovare le formine, io sono a Roma grazie

Lascia un commento

*