Risotto al parmigiano e tartufo nero

Qualche settimana fa ho passato il week end tra Barolo,Barbera,Bra ed Alba potevo visitando questa città tornare a casa senza del fantastico tartufo nero ?

Abbiamo approfittato della nostra visita  a Barolo per il concerto di Mika durante il collisioni festival per fare del nostro week end un vero e proprio fine settimana all’insegna dell’enogastronomico.

Abbiamo visitato cantine,assaggiato cibi nuovi e visitato bellissimi centri come quello di Alba,la stessa Barolo,Bra e la bella Barbaresco.

Abbiamo acquistato vino come Barolo,Nebbiolo e Barbaresco e il protagonista della ricetta che vi andrò a presentare di seguito il Tartufo nero d’Alba.

Il tartufo estivo o Scorzone, è molto simile al tartufo nero pregiato, e talvolta può raggiungere dimensioni notevoli. La superficie esterna si presenta con verruce piramidali di colore bruno nerastro ed ha un odore aromatico intenso. Lo si distingue dal tartufo nero nel momento in cui si taglia, infatti la gleba non diventa scura, ma tende ad un giallo scuro. Cresce sia nei terreni argillosi che sabbiosi, nei boschi di latifoglie. Il periodo di raccolta solitamente avviene tra Maggio e Dicembre.

tartufo 2

Per realizzare il risotto al parmigiano  e tartufo nero per 4 persone vi serviranno:

  • 350 g di riso carnaroli
  • 1 tartufo nero da 50 g
  • 50 g di burro
  • 100 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • Brodo vegetale qb
  • 1 cipolla bionda piccola
  • 1 bicchiere di vino bianco

Tritate la  la cipolla mettete il burro all’interno della pentola nel quale cuocerete il riso e soffriggetr la cipolla, unite il riso ,fatelo tostare per qualche minuto e  sfumate con il vino bianco.

Lasciate che questo evapori e procedete la cottura come per il classico risotto sfumando con il brodo.

Quando il riso sarà pronto aggiungete il parmigiano grattugiato e una noce di burro mantecate bene  ma state attenti a non farlo asciugare troppo, dovrete servirlo all’onda.

Impiattate in un piatto piano e con l’aiuto dell’apposita Mandolina tagliate il tartufo a fettine sottili distribuendole su tutta la superficie del risotto.

Servite il risotto ben caldo accompagnandolo a piacere con dell’altro parmigiano grattugiato.

tartufo 3

A questo piatto potete abbinare un buon bicchiere di Bordeaux,oppure per non allontanarvi molto dalla zona di origine del tartufo potete abbinarci del Nebbiolo.

Questo risotto è molto semplice da preparare sicuramente la nota in più  è data dal  tartufo,buon appetito!!!

Precedente Pennoni carciofi pancetta e stracchino Successivo Tortillas Messicane a modo mio