Ciabatta di farro e quinoa, un pane croccante fuori e soffice ed alveolato dentro. Pochissimo lievito, lunga lievitazione e molto idratato: un impasto davvero particolare e leggerissimo. La ciabatta di farro e quinoa è molto saporita, infatti la farina di farro oltre a dare morbidezza interna e croccantezza esterna, dona sapore all’impasto. E la quinoa è un’aggiunta particolare che dona un tocco di colore e croccantezza. Per la ricetta ho trovato ispirazione dal sito GreenStyle in quanto avevo il dubbio che la quinoa dovessi metterla cruda o cotta.

Che dire, un pane favoloso che vi consiglio di provare! 🙂

ciabatta di farro e quinoa

Ciabatta di farro e quinoa

INGREDIENTI (per una ciabatta da 500 gr circa):

  • 200 gr di farina di farro
  • 200 gr di farina tipo 00
  • due pizzichi di sale
  • 2 gr di lievito di birra in cubetto
  • 300 gr di acqua tiepida
  • 100 gr di quinoa tricolore BIO Cerreto
  • olio extravergine d’oliva per ungere
  • farina di semola rimacinata per la spianatoia

PROCEDIMENTO:

Sciacquiamo la quinoa tricolore e versiamola in un pentolino, coprendola con acqua (il doppio del suo volume) ed un pizzico di sale. Portiamo a bollore a cuociamo 20 minuti. Sgoccioliamola e facciamola freddare completamente.

Sciogliamo il lievito di birra nell’acqua tiepida. In una terrina capiente versiamo la farina di farro e la farina tipo 00 e misceliamole tra loro. Aggiungiamo la quinoa cotta e fredda, due pizzichi di sale e poi versiamo l’acqua in cui avremo sciolto il lievito.

Con le mani impastiamo molto bene, l’impasto sarà morbidissimo e poco appiccicoso, versiamo l’impasto su una spianatoia infarinata con semola rimacinata, rotoliamo leggermente l’impasto e rimettiamolo nella terrina coperto da pellicola per alimenti. Lasciamolo riposare un’ora a temperatura ambiente.

Passata l’ora di lievitazione, versiamo l’impasto sulla spianatoia infarinata ed allarghiamo l’impasto. Pieghiamo in tre portando la parte sinistra verso il centro, pieghiamo poi la parte destra e sovrapponiamola verso il centro e poi arrotoliamo su se stesso il panetto. Mettiamolo in una ciotola unta di olio extravergine d’oliva e copriamo con pellicola. Lasciamo riposare in frigorifero 8 ore.

Passate le ore, adagiamo l’impasto di nuovo sulla spianatoia infarinata, allarghiamo leggermente il panetto e portiamo i quattro angoli verso il centro, arrotolando poi di nuovo su se stesso formando un filone. Adagiamo il filone delicatamente su una placca rivestita di carta forno, con la chiusura del panetto verso il basso.

CLICCA QUI PER VEDERE COME SI EFFETTUANO LE PIEGHE DELL’IMPASTO—> QUI

Copriamo con un telo di cotone e, ai bordi del filone, appoggiamo dei pesi per non far lievitare eccessivamente l’impasto in larghezza (essendo estremamente morbido ed idratato rischiate di ottenere una pizza 🙂 )

Lasciamo lievitare tre ore circa a temperatura ambiente. Una volta lievitato, accendiamo il forno alla massima temperatura, ossia 250° e facciamolo scaldare molto bene. Pratichiamo con un coltello affilato dei tagli sulla superficie dell’impasto ed inforniamo per circa 45-50 minuti. Una volto cotto, estraiamo dal forno la nostra ciabatta di farro e quinoa e facciamola freddare su una gratella.

La ciabatta di farro e quinoa si conserva tre giorni avvolta in un panno di cotone in un luogo fresco ed asciutto.

(Nella foto Coltello Sanelli linea Premana Pasticceria)

Per questa ricetta ha collaborato:

Logo Cerreto Bio

sanelli

SEGUI SABRY IN CUCINA

SU FACEBOOK 

SU GOOGLE + 

SU PINTEREST 

SU TWITTER 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.