Tricotti, ricetta biscotti siciliani

tricotti, biscotti tipici siciliani

Tricotti, ovvero non BIScotti bensì TRIcotti….. E se i biscotti vengono cotti una volta, i tricotti “subiscono” due cotture….

Ma cominciamo dalla storia di questi biscottoni particolari…. I tricotti in Sicilia erano destinati ai bambini con dentizione in corso! La loro particolare consistenza, soda, non friabile, con poco zucchero, li rende infatti adatti ai più piccoli che non possono ancora mordere e masticare, donando allo stesso tempo sollievo alle gengive gonfie e doloranti.

I panettieri usavano prepararli a fine giornata. Dopo una prima cottura ad alta temperatura, li cuocevano nuovamente a temperatura bassa, praticamente a forno spento tenendoli fino al giorno dopo, o meglio fino al mattino presto, è risaputo che la giornata di un panettiere comincia alle 4 del mattino se non prima! 🙂

Attualmente solo difficilmente si riescono a trovare, così mi sono affidata a questa ricetta di Alba Allotta che mi è sembrata molto valida. I piccolini di casa ne sono andati matti ^_^

Ingredienti per 16 tricotti

farina 00, 250 g

lievito madre rinfrescato, 100 g

strutto, 40 g
(se proprio vi tremano le orecchie a sentirlo nominare utilizzate 40 g di olio)

zucchero semolato, 50 g

sale, mezzo cucchiaino

tricotti, biscotti tipici siciliani

Sciogliete il lievito madre in 80 ml di acqua tiepida e versatelo al centro della farina che avrete messo in una ciotola insieme allo zucchero. Unite anche lo strutto a pezzetti e cominciate ad impastare.

Aggiungete anche il sale e impastate con vigore questo impasto che risulterà abbastanza sodo. Continuate ad impastare a lungo fino a renderlo elastico e omogeneo.

Ricavate 16 pezzetti circa di impasto, e formate dei bastoncini lisci di circa 10 cm. Posizionateli sulla leccarda del forno ricoperta con carta da forno e coprite con pellicola trasparente.

Ponete a lievitare nel forno spento con la lucina accesa fino al raddoppio del loro volume. Ci vorranno tre ore circa.

Infornate a 250 °C per 10 minuti e sfornateli. Abbassate la temperatura del forno a 150 °C e infornateli nuovamente per un’ora circa. Poi spegnete il forno e lasciateli dentro fino a raffreddamento. I tricotti dovranno risultare molto ben dorati e asciutti.

 

5 commenti su “Tricotti, ricetta biscotti siciliani

  1. Non ti dico mai nulla, ma sei stupenda … le tue preparazioni le apprezzo
    sempre. Purtroppo il tempo è sempre poco ma sappi che le tue ricette le
    apprezzo sempre, così come apprezzo il sorriso della tua foto.
    Complimenti sei bravissima.
    Buon pomeriggio
    Mandi

  2. sono molto belli ed invitanti,oltre che semplici e rustici,come piacciono a me!! al prossimo rinfresco del lievito madre,li provero’!!un caro saluto ^__^

  3. Francesca il said:

    Ciao,
    complimentissimi!!! Tempo fa ho fatto la tua ricetta della cassata al forno… Un successone!!
    Grazie doppio, per la prelibatezza delle tue ricette e per il fatto che fai conoscere anche quelle, preziosissime, siciliane.
    Fatta questa premessa, ti volevo chiedere se posso sostituire il lievito madre e in caso positivo in che quantità.
    Grazie mille.
    Francesca

    • maniamore il said:

      Ciao sono proprio contenta per la cassata al forno! ^_^
      Per quanto riguarda questa ricetta, nasce proprio per consumare il lievito madre in esubero nei panifici palermitani antichi. Di solito il lievito madre può essere sostituito dal 10% del suo peso con quello di birra, in questo caso 10 g. Puoi provare ma non ho la più pallida idea di come possano venire. Prova e fammi sapere 😀

Lascia un commento