Sfinci siciliani con le patate senza glutine

Gli Sfinci siciliani con le patate senza glutine sono dei dolcetti di pasta lievitata, fritti e ricoperti di zucchero che si preparano in Sicilia nel periodo Natalizio e a Carnevale.
Molto simili alle pettole pugliesi nella forma e nel metodo di cottura ma con un’impasto leggermente diverso.
Per preparare gli sfinci siciliani con le patate ho preso spunto da diverse ricette che mi sono arrivate su Instagram.
La video ricetta oggi pomeriggio sul mio canale YouTube => QUI

RICETTE da non perdere=>Torta rustica ai 4 formaggi e prosciutto cotto
Seguimi anche su INSTAGRAM => QUI

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 285 gpatate (crude con la buccia)
  • 300 gfarina per pane Nutrifree (senza glutine)
  • 7 glievito di birra secco (oppure 10 g di lievito fresco)
  • 40 gzucchero
  • 1arancia
  • 280 mllatte (tiepido)

inoltre

  • 300 mlolio di semi di girasole
  • zucchero

Preparazione

  1. Per prima cosa lessare con la buccia le patate in acqua bollente per 30 minuti a partire dal bollore oppure al microonde coperte con la pellicola in una ciotola in pirex, per 7 minuti.

  2. Ancora calda eliminare la buccia e schiacciarle con lo schiaccia patate.

  3. Versare in una ciotola le patate schiacciate e aggiungere la farina, il lievito, lo zucchero e versare un po per volta il latte.

    Aggiungere anche la scorza grattugiata dell’arancia e il suo succo spremuto.

    Continuare a impastare fino a ottenere un composto appiccicoso e omogeneo.

  4. Coprire con la pellicola e lasciar lievitare per 2/3 ore.

    Dve raddoppiare di volume.

  5. Scaldare l’olio in una padella del diametro di 24 cm e con l’aiuto di due cucchiai prelevare dei mucchietti d’impasto e farli scivolare nell’olio.

    Friggere da entrambi i lati gli sfinci di patate a fiamma medio bassa.

    Mi raccomando l’olio non dev’essere bollente altrimenti rischiano di non cuocere bene all’interno.

  6. Scolare su carta assorbente e passarle ancora calde nello zucchero semolato.

    Ricoprirle completamente di zucchero.

  7. Come tutte le frittelle di pasta lievitata vi consiglio di mangiarle calde e non fredde.

    Si conservano per due giorni ma è consigliabile riscaldarle qualche secondo al microonde per farle ritornare soffici.

Video ricetta

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Pesto di zucca e noci Successivo Crostata di mele al cucchiaio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.