Crea sito

Mostaccioli di Oristano

Mostaccioli di Oristano, dolci sardi, ricetta facile, senza lievito, senza uova, senza latte, biscotti morbidissimi, mustazzolus, dolci al limone, biscotti tradizionali.

Mostaccioli di Oristano

I mostaccioli di Oristano sono dei biscotti sardi a forma romboidale molto facili da realizzare resta solo il fatto che hanno una lenta lievitazione, io li ho realizzati senza lievito e sono decisamente favolosi!

I tempi di lievitazione dei mostaccioli di Oristano dipendono dalla temperatura dell’ambiente, appena l’impasto incomincia a presentare le bolle è pronto per essere steso, tagliato e infornato, niente di più semplice, se non avete le formine come me potete procedere manualmente al taglio.

Seguimi in cucina oggi ci sono i mostaccioli di Oristano!

La ricetta dei mostaccioli di Oristano qui l’originale è stata da me modificata, eliminato il lievito e ho usato farina 00 anzichè farina di grano fiore sardo che qui purtroppo non riesco a trovare ed è finita la mia scorta.

Ricetta: Mostaccioli di Oristano

Ingredienti

  • Per 25 mostaccioli circa
  • Ingredienti per il primo impasto:
  • 350 gr di farina 00 (o di grano tenero fiore sardo)
  • 225 gr di acqua
  • (25 gr di pasta madre omessa)
  • il succo di 1 limone
  • Ingredienti per il secondo impasto:
  • 300 gr di farina 00 (o di grano tenero fiore sardo)
  • 300 gr di zucchero (di canna per i vegani)
  • la scorza grattugiata di 2 limoni
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • Ingredienti da aggiungere prima della cottura:
  • 7 gr di bicarbonato di sodio<
  • Ingredienti per la glassatura:
  • 500 g di zucchero (di canna per i vegani)
  • 1 bicchiere d’acqua

Mostaccioli di Oristano ricetta arte in cucina

Mostaccioli di Oristano ricetta arte in cucina

Procedimento:

  1. Il primo giorno:
  2. Versate la farina (la pasta madre se la utilizzerete) e l’acqua e il succo di un limone nell’impastatrice e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio e sodo.
  3. Sistemate in una ciotola capiente e coprite con un panno umido, una coperta e mettetela la ciotola in un luogo tiepido.
  4. Secondo giorno:
  5. Prelevate l’impasto e aggiungete lo zucchero intervallandolo alla farina.
  6. Impastate finchè l’impasto non avrà assorbito tutto lo zucchero e la farina.
  7. L’impasto deve risultare morbido poi aggiungete la scorza di limone e la cannella, all’inizio è piuttosto duro quasi  impossibile da lavorare ma con l’aggiunta dello zucchero ammorbisce.
  8. Prelevate l’impasto formate una palla e incidetela a croce poi sistematelo in una ciotola e copritelo con un panno umido e una coperta in luogo tiepido per 15 gg circa.
  9. Controllate l’impasto tutti i giorni spennellandolo con acqua.
  10. Nel caso dovesse avere qualche accenno di muffetta togliete subito la parte superiore e lasciatelo riposare.
  11. La lievitazione qui può variare dai 5 ai 10-15 giorni, appena lo vedrete con tante bolle e gonfio è pronto non raddoppia di volume.
  12. Quando l’impasto sarà pronto versate nell’impastatrice o a mano e aggiungete il bicarbonato.
  13. Accendete il forno a 180°
  14. Impastate qualche minuto e dividetelo in pezzi di circa 40 gr.
  15. Schiacciateli all’interno delle formine e ribaltateli sulla carta forno, se non avete le formine come me stendete un po’ l’impasto svolverando con farina, e ritagliateli, l’impasto è leggermente appiccicoso e morbido quindi fate attenzione a quando li prelevate perchè rischiano di disfarsi.
  16. Infornate per 20 minuti circa o comunque fino a doratura.
  17. Toglieteli dal forno e lasciateli freddare, spolverateli bene per eliminare la farina.
  18. Preparate la glassa di zucchero cotto o la glassa classico con albume.
  19. Versate lo zucchero e l’acqua in un pentolino.
  20. Portate a ad ebollizione lentamente e lasciate cuocere fino a raggiungere 116°- 118° C, circa 7-8 minuti dopo l’ebollizione.
  21. In un altro pentolino mettete dell’acqua e fatela bollire.
  22. Quando lo zucchero è pronto spostate il pentolino su un fornello tenuto al minimo e spennellate i dolci in modo da passare avanti e indientro più volte fino a che lo zucchero inizierà ad asciugarsi.
  23. Oppure preparate la classica glassa bianca come ho fatto io QUI
  24. Bon appétit..

7 Risposte a “Mostaccioli di Oristano”

  1. Buonissimi come aspetto non come contenuto assomigliano a dei dolcetti austro/tedeschi che vengono fatti per questo periodo e si chiamano Lebkuchen. Proverò anche questi ma non per me per i miei golosi. Ciaooo e buona fine settimana.

  2. Io li ho fatti una volta sola, con la ricetta classica, 20 giorni di lievitazione, ma sono venuti davvero bene…è solo questione di organizzazione…ottima anche la tua versione!!!!

  3. buonissimi i mostaccioli di oristano!!!! non li ho mai fatti ma con la tua ricetta missà missà che provo!!! bravissima come sempre e complimenti per le foto 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.