Pane non impastato

Delle mode sul web, in particolare nel mondo food ne ho già parlato altre volte, ogni tanto un argomento esplode in tutta la sua viralità e allora centinaia di versioni di questa o quella ricetta spopolano nei vari food blog.
ciabatta-orizOvviamente anche io non sono indenne da questo fenomeno e via via nel corso degli anni ho provato a rifare le varie ricette “virali”.

Ricordo che una delle prime nella quale mi sono imbattuta è stata il “no-knead bread” ovvero il pane non impastato.
Stiamo parlando degli albori di Giallozafferano, quindi il 2006; in quegli anni girava un video americano nel quale si poteva vedere come cucinare in casa, dedicandoci pochissimo tempo, uno squisito pane senza essere panettieri provetti.
Le particolarità di questo pane sono il lungo tempo di lievitazione e il pochissimo lievito utilizzato (1 grammo), il che lo rende perfetto per chi non sopporta molto i lieviti o problemi di digestione. E infine, cosa non trascurabile, il fatto che non serve impastarlo se non per pochissimi minuti.
Servono 18 ore di lievitazione dell’impasto prima di essere messo su una teglia per la cottura dove dovrà lievitare altre 2 ore: certo l’attesa non è proprio poca cosa ma il sapore e la sua digeribilità sapranno ricompensarvi.

Al tempo, questo pane l’ho chiamato ciabatta, più per l’aspetto molto simile che assume dopo la cottura che per l’ impasto e la tecnica con cui farlo, che è molto diversa. Se volete vedere come fare correttamente una ciabatta ecco il link cliccando qui.
Comunque, dopo tutto, fatto la prima volta vi affezionerete al pane non impastato e diventerà un vostro cavallo di battaglia. Suggerimento: provate a ungere abbondantemente di olio extravergine di oliva la teglia su cui posizionerete il pane e….sentirete che sapore!

Ecco il procedimento: http://ricette.giallozafferano.it/Ciabatta-non-impastata.html

Le mie ricette ,
Sonia Peronaci

Informazioni su Sonia Peronaci

Innamorata della cucina in tutte le sue forme, ho fatto di questa passione un lavoro creando GialloZafferano, ho condotto una trasmissione su Fox-Life e ogni tanto mi diverto a pubblicare dei libri di cucina. Nella mia vita, 3 figlie, un compagno, 2 simpaticissimi e rumorosissimi pincher, oltre a una ventina di ragazzi in redazione a Giallozafferano.

Precedente La torta della nonna Successivo I canestrelli, il mio cavallo di battaglia