Crea sito

Immatricolare l’auto in Romania , ecco come ho fatto

Immatricolare l’auto in Romania

alzi la mano chi ha pensato di farlo .

In parecchi hanno pensato ad immatricolare l’auto in Romania ;  vedendo sfrecciare sulle nostre strade macchine targate targate Romania o Bulgaria .Se poi ci si metta la bufala (si BUFALA) che quelle auto NON pagano l’assicurazione e il bollo, multe , e che non vengono mai fermate per controlli…potete ben capire che l’italiano medio ,e poco informato direi, brami al pensiero di possedere un’auto potente da mantenere con pochi soldi.Insomma tutto guadagno poca spesa.

Primo errore !!!!!! In 6 mesi la Polizia mi ha controllato per ben 4 volte l’auto ,ogni posto di blocco mi fermano e solo perchè…è targata MM ovvero  Maramures distretto a Nord Ovest della Romania . Ben vengano i controlli , buona cosa direi . Ma dovreste vedere la  faccia del poliziotto di turno quando sente il mio ben marcato accento bergamasco 😀

Secondo errore e mito da sfatare …le multe arrivano  in Romania eccome . Il modo per non prendere le multe?Non delinquere 😀

Terzo errore italico : niente bollo e nessuna assicurazione ; scusate se rido ma nessun è così pirla da farsi sequestrare un’auto solo per risparmiare qualche euro, dovete calcolare che un 150 cv paga circa 150 euro di assicurazione RCA la quale comprende l’option KasKo ovvero si tratta di una copertura relativa ai danni per incidente che potrebbe subire la propria vettura, nel caso in cui si abbia torto. In pratica, in caso di sinistro con torto, l’assicurazione oltre a pagare i danni della controparte paga anche i danni della nostra auto, che altrimenti dovremmo sostenere “di tasca”(cosa che da noi non esiste se non a pagamento ). E poi come può arrivare un’auto dalla Romania se vengono controllate accuratamente in dogana .Vi ricordo che tra l’Ungheria e la Romania non c’è nessun trattato Schengen e vi fermeranno ,eccome se vi fermeranno a controllare voi e l’auto. E il bollo esiste ,ma non superbolli da 500 euro in su , bensì da 20 euro circa in poi .

Più facile trovare auto italiane con targa italiana senza bolli e assicurazioni che auto rumene fuori legge 😀

Io ho un ”macchinone” targato R0 , e perchè l’ho fatta targare…semplice…causa crisi non si riusciva a mantenerla . Assicurazione intestata al proprietario romeno: 1600 circa all’anno così solo RCA obbligatoria, senza furto nè nulla . Bollo? ….aiuto mazzate su mazzate . E allora abbiamo pensato di immatricolare in Romania ma immatricolarla bene , a norma di legge evitando di farmela sequestrare a ogni posto di blocco  . Con i controlli della polizia è facile incappare in auto intestate a bulgari/rumeni che con voi non hanno nulla a che fare,insomma  dei prestanome che hanno parchi auto da migliaia e migliaia veicoli.In quel caso l’auto verrà sequestrata e voi denunciati,diverso è se l’auto è intestata a un vostro parente (e qui lo dovete dimostrare che è vostro padre/zio/nonno ecc)

Ricordo che per legge un’auto con targa estera non può circolare in Italia per più di 12 mesi ,poi per legge il veicolo che circola nella nostra Repubblica DEVE essere re immatricolato con targa italiana.Questo perchè il proprietario del  sopra citato veicolo, avendo la residenza sul suolo italiano deve per legge guidare un’auto con targa di casa nostra. Inghippo baypassabile se l’auto è intestata a un cittadino residente in un’altro stato europeo .

Ecco come ho (abbiamo) fatto ad immatricolare l’auto in Romania :

  • Vendere l’auto italiana al suocero con atto notarile di vendita tra privati .Costo circa 150 euro comprensivo di traduzione per i documenti redatti in italiano.
  • Portare l’auto con targa italiana e farla controllare presso la RAR ( Registrul Auto Roman ) dove rilasceranno un documento di identità dell’auto .I funzionari apriranno il cofano ,controlleranno i codici matrice stampati sul motore e pezzi dell’auto incrociando i dati con il libretto e atto di proprietà del veicolo in modo da verificare che non sia un’auto rubata . Controlleranno anche che l’auto non sia stata in qualche modo modificata , elaborata,assettata .Sarà effettuato un chec-in totale comprensivo di revisione veicolo. Solo dopo aver ricevuto ok presso la RAR si potrà effettuare le altre operazioni di sdoganamento ed nuova immatricolazione con targa romena . Costo : per auto dal 2004 in poi è di 100 euro , la mia è un 2001 e il documento RAR mi è costato circa 150 euro.
  • Abbiamo lasciato l’auto in Romania per un anno e abbiamo consegnato le targhe italiane all’Aci pagando circa 90 euro per la  cancellazione dei dati di proprietà e della targa .
  • Siamo andati  con il suocero alla Directia de Taxe si Impozite Administratia Locala in questo caso a Baia Mare.Qui verrà effettuata una dichiarazione fiscale comprensiva di tasse per l’iscrizione temporanea poichè l’auto era con targa italiana . Qui abbiamo pagato una piccola multa poichè dall’atto di vendita entro 60 gg si doveva procedere con la immatricolazione,alla fine 50 euro
  • In tutto questo periodo abbiamo corso e pagato ma c’è stata consegnata una targa prova per poter circolare con l’auto in quanto sprovvista di targa. Logicamente appena ottenuta la targa prova abbiamo pagato l’assicurazione obbligatoria valida. .A targa definitiva si è provveduto ad modificare i dati del contratto pagando una piccola penale. Il costo definitivo dell’assicurazione è stato di circa 160 euro ,contratto stipulato con la Ass. Generali Romania.
  • Rifatto il documento auto ripassando per il RAR in modo da far controllare e verificare che l’auto nel frattempo non abbia subito modifiche motore e quant’altro.Verranno inseriti i dati tecnici del veicolo e si potrà procedere  Calcolate  per la verifica abbiamo atteso dalle 9 di mattina alle 15 , nonostante l’appuntamento preso e concordato con gli uffici.Costo 150 euro circa.
  • Parallelamente bisogna andare presso gli uffici  dellAgenzia nazionale per l’amministrazione tributaria, che appartiene al Ministero delle Finanze. In rumeno Agentia Nationala de Administrare Fiscala .Qui verranno calcolati i costi per il bollo ambiantale (timbrului de mediu) .Prova di pagamento di tale tassa deve essere presentata al fascicolo di registrazione per ottenere la targa definitiva . Il calcolo fiscale varia da auto ad auto ed aumenta la cifra in base agli anni del veicolo,si tengono conto delle emissioni inquinanti , cilindrata ed altro .Di solito in 3 /4 gg si hanno i dati per effettuare il pagamento dell’imposta  alla tesoreria .Abbiamo pagato circa 1200 euro per un Bmw  150cv del 2001.
  • Passare al CEC BANK per pagare 37 lei  di quota iscrizione che abbiamo pagato ben due volte prima quota temporanea per auto importata ( e senza targhe italiane)  e poi per l’iscrizione permanente ovvero iscritta la Pubblico registro automobilistico  fino alla demolizione del veicolo in questione .
  • Riconsegnare tutti i documenti e cedolini di pagamento tasse e quote.
  • E finalmente andare dinnanzi all’addetto con tutti i documenti in regola per immatricolare l’auto in Romania
  1. Dossier del veicolo, completo dati  auto e del proprietario.Ottenuto con registrazione della Pubblica Amministrazione Locale
  2. Libretto (o carta identificativa dell’auto) consegnato dalla RAR
  3. Carta identità del proprietario
  4. Copia dell’assicurazione obbligatoria
  5. Prova del pagamento quota iscrizione
  6. Prova pagamento carta di circolazione
  7. Prova del pagamento timbro/bollo ambientale

E finalmente si potrà chiudere la procedura ed ottenere la targa definitiva, nel mio caso targa personalizzata . Si ,ho personalizzato la pagandola circa 45 euro . E in meno di 3 ore la targa definitiva è stata consegnata. Questo sbattimento lo abbiamo concentrato in 10 giorni, dieci giorni di corse da un ufficio all’altro ,ma decisamente i costi di nuova immatricolazione sono stati recuperati in meno di un anno ,risparmiando su bolli ed assicurazioni italiane.

Per sicurezza abbiamo stipulato un contratto di comodato d’uso del veicolo , effettuato con atto notarile da rinnovare tra 3 anni. Il suocero ci concede l’utilizzo esclusivo del veicolo ma giuridicamente e penalmente i due autisti sono responsabili dei danni,multe ecc.

Calcolate la taxa de mediu sui dati della vostra auto

http://www.calculweb.net/taxa-timbru/

Foto di Grazie Davvero

 

 

immatricolare l'auto in Romania

 

 

53 Risposte a “Immatricolare l’auto in Romania , ecco come ho fatto”

  1. Facevi prima se ti vendevi la macchina e te ne compravi una uguale direttamente in Romania intestata a tuo suocero… senza fare tutte ste trafile snervanti… e forse ti costava pure meno… Di certo non andavi a spendere 1200 euro e tutte le altre spese per la targa provvisoria ecc…

    1. 😀 lo dici tu al transilvano di cambiare auto? Infondo è un Bmw ….. e di quel modello in Ro non ne
      girano tante e quelle che circolano costano nonostante i 10 anni di vita ; e di solito sono
      immatricolate dalla Germania/Italia. Ciao Simo Ps io avrei preferito una bella Audi SW invece del
      Bmw 😀 in inverno è una bestia da garage , solo se disinserisco tutte le option riesco a farla camminare su 1 mm di neve :D:D 😀 😀 .

      1. ciao io vorrei prende una macchina gia tgargata in romania con il gpl e ha un motore da 306 cv come faccio a vedere quanto mi costa la tassa di circolazione con l’assicurazione inclusa?

        1. Ciao,non ho esperienza su auto di seconda mano .Mi daresti un paio di gg per informarmi al meglio?In modo da riuscire a risponderti in maniera adeguata : costi atto notarile , controllo se il veicolo è effettivamente del venditore , se quest’ultimo ha pagato la prima immatricolazione in Ro e se successivamente ha pagato le tasse nel suo paese .E il tipo di documentazione ecc per evitare bruttissime sorprese (auto rubate / con blocco fiscale). Scusami ma le mie info sono su auto nuove (prima immatricolazione) o importate dalla Germania o Italia.Sicuramente essendo già stata pagata la tassa di inquinamento non sarà comunque una cifra enorme.Per quanto riguarda l’assicurazione noi paghiamo sui 150 euro per un 150cv (110 KW) con massimali portati verso l alto visto che circola in Italia : dovresti contatatre alcune agenzie in loco per farti fare un preventivo .Sicuro non pagheresti come da noi.Adesso cerco di informarmi il più possibile e appena ho la risposta ti contatterà qui su blog.Grazie per la pazienza .Ciao Simona

  2. fammi capire perché con la nuova legge che hanno fatto lo scorso anno in Italia tutto e’ diventato più complicato
    mi trovo in Romania devo vedere un Golf ma per immatricolarlo qui in Ro vogliono la radiazione del auto in Italia cioè la copia del libretto con il timbro
    Italia non mi fa la radiazione se non ho la prova della immatricolazione avvenuta al estero
    barzelletta?

    1. La radiazione al Pra in Italia è stato fatto a Settembre 2013 . Semplicemente comunicando che l’auto è stata ceduta all’estero. E devi consegnare al Pra le targhe italiane per toglierla dall’albo italia.
      IN Romania si poteva immatricolare subito anche se aveva ancora le targhe italiane …. non capisco perchè a te hanno comunicato il contrario .
      Noi per scelta l’abbiamo lasciata un anno la in Romania ( e c’è stata li SENZA le targhe italiane, per poi essere targata ROmania nel Agosto 2014); ma è stata una scelta nostra.
      Mio cognato importa camion/ betoniere e katerpillar dall’Italia, le porta la con atto di vendita ,le immatricola e rispedisce giù dopo le targhe…..
      non capisco questo ulteriore cambio di posizione dei due paesi . cerco di informarmi velocemente per aiutarti il più possibile

      1. Di al funzionario romeno che l’auto è entrata dalla dogana con le sue ruote e con le targhe
        italiane ,non volando . E le targhe italiane verranno consegnate dopo aver immatricolato l’auto in
        Romania.Mi pare che ti stanno prendendo per i fondelli ; anche sul sito della RAR non da disposizioni se non quelli di portare atto di proprietà, libretto auto.STOP altro non deve servire

        1. stavo leggendo tutta la trafila che hai fatto per immatricolare una BMW del 2001 che si e no varrà 2000 EURO.
          1200 EURO + un bel pò di giorni in romania dove presumo tu sia stato in albargo con tuo suocero,
          + il mangiare e chi sa quante altre spese.
          secondo me tu sei proprio fulminato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
          posso capire per una macchina da 15.000 EURO o anche di più ,ma di sicuro non per uno scassone di zero valore come la tua.

          1. 😀 ma che simpatico….. sono una donna ; e se immatricolo uno ”scassone” (che tanto non lo non è visto che nel listino auto vale ancora oltre i 4000 ),ma saranno solo fatti miei se o non …. mi hai dato tu i soldi?NO!!!!!!!!!! E se meglio immatricolare /comperare una da oltre 10000 ,sono state fatte le dovute valutazioni, o credi di aver a che fare con dei fessi? Di sicuro non averei immatricolato una Fiat o una piccola utilitaria 😀 hai letto l’articolo quindi presumo che la cosa ti interessi no? Stop 😀 ciao
            Ps prova a far il calcolo sulla tua di auto , è abbastanza in linea con i dati dei funzionari http://www.taxadetimbru.com/

  3. OK, ma tutto questo si può fare solo se si ha un’amico/parente residente all’estero… altrimenti nisba!

  4. caro palincasemidipapavero,
    ho bisogno di un tuo aiuto…come posso fare a ritrovare una macchina italiana portat in Romania nel 2001? Esiste un corrispettivo romeno del PRA?
    grazie mille

    1. Haiiii , qui è difficile .Presso la RAR (pubblico registro romeno ) esistono i documenti italiani con i dati della targa italiana ma poi se immatricolata in Romania cambia il libretto/targa e diventa romeno,quindi in caso di truffa ai tuoi danni è ben difficile ritrovarla a meno che tu sappia il numero di targa rumeno .Inserendo la targa in internet esce grosso modo la zona di provenienza .Esempio ho inserito la targa della mia auto romena appare giustamente la zona Maramures http://www.numere-auto.joo.ro/MM/09/R/

  5. La questione è questa il mio ex marito rumeno ha portato nel 2001 (quando eravamo ancora insieme) un’auto intestata a me in Romania..non so se l’ha immatricolata lì e mi arrivano i bolli da pagare qui perchè non è stata cancellata in Italia e non so come rintracciarlo perchè non si è mai fatto vivo quando ho fatto tutta la trafila per separazione/divorzio…infatti sui documenti è scritto che continua essere contumace!

    1. dovevi comunque passare all’ACI dichiarando che l’auto si trovava all’estero con la conseguenza della radiazione presso il nostro registro.Se poi di la in Romania controllavano e vedevano che la targa italiana era stata radiata c’era il sequestro del mezzo .Le polizie stradali , Interpool e polizie in generale da anni collaborano tra di loro . Se io prendo una multa in Romania con decurtamento punti patente immediatamente vengono comunicati alla nostra polizia .Quando arrivano i bolli di auto che non ci appartengono più è nostra cura dimostrare che queste sono state vendute/espatriate/rubate; questi documenti li dovevi fare anni fa. Anche se l’auto lui l’ha immatricolata in Romania NON è stata tolta da nessuno qui nei pubblici registri automobilistici italiani.Attenzione a queste cose; sarebbe come se io avessi tolto le targhe italiane senza comunicare a nessuno che l’ho fatto,logico che risulterei sempre proprietario di un’auto italiana con targhe italiane ; civilmente e penalmente IO sarai responsabile anche pagando bolli ed assicurazioni.Corri all’ACI paga il dovuto ma togliti da quest’impiccio…

  6. questo post sembra scritto dal ministro dell’economia ne disperato tentativo terrorizzare chi ha intenzione di immatricolare un auto all’estero, cosa effettivamente conveniente, anche se la taga fosse tedesca. il gverno tedesco infatti non riconosce le multe fatte in italia ed è cosi vero che c’è la convenienza che il nostro governo mrxista ha deciso di inasprire le sanzioni a costo di violare il principio della libera circolazione delle merci.

    1. o nel mio caso un marito del Maramures 😀 .Comunque riflettevo sui euro 1-2- 3 ecc che verranno bloccati in tutta la Lombardia da Ottobre.. almeno in ROmania paghi la tassa inquinamento per intestarti la targa e il veicolo (più è vecchia e più paghi ) ma non costringono nessuno a cambiare il parco auto in modo forzato e sistematico … con i tempi che corrono costringere per legge a cambiare una vettura per forza mi pare veramente una ”cattiveria” .Diciamola tutta la maggior parte delle persone non ha 20.000 euro per comperarsi vetture di nuova generazione .Avendo un padre meccanico mi ha dato la certezza che i mega Suv ,pesanti, ingombranti e veloci e d inutili in città, potranno essere euro 5 ma sono sicuramente molto più inquinanti di una utilitaria diesel 2/3. Un saluto Simona

      1. Ciao Simona, nella tua chiarissima recensione parli di dimostrazione del grado di parentela ma si può fare se hai la fidanzata rumena? E’ necessario dimostrare il grado di parentela con la suocera o basta un comodato d’uso scritto da un notaio in Romania opportunamente tradotto in italiano e in inglese per poter circolare in Italia e in Europa?

      2. Ciao per me che ho la ragazza rumena e la macchina la intesto a mia suocera si può fare?
        devo portare con me i documenti di stato di famiglia che la ragazza vive con me?

        Attendo
        GIuseppe

  7. Un buongiorno Palinca 😉 ho letto con interesse il tuo post in quanto devo fare la stessa procedura ma un po’ semplificata in quanto sono io italiano che ho moglie rumena, ad ottobre emigro in Romania e prenderò io la residenza a casa sua.. stessa zona, sono a 20 km da Baia Mare quindi MM. Per quanto riguarda l’auto la mia è più sobria, trattasi di Golf IV del 2001 TDI 1900cc euro 3 al quale sono molto affezionato e quindi anche se il valore in se è irrisorio vorrei passarlo con targhe rumene.. Qui in Italia al momento pago euro 265 di bollo e 400 di assicurazione (sono in prima classe).
    Premesso questo, ho provato a usare il link che hai messo (Calculator TAXA AUTO 2016) e mi da un valore di euro 449.. ma questa somma è relativa a cosa? Ti chiedo cortesemente chiarezza in merito 🙂
    Infine ti chiedo se è una leggenda metropolitana o no il fatto che si possono recuperare gran parte delle spese per vie legali di oneri e tasse pagate per tutta la procedura (non chiedermi molto perchè ho solo sentito chiacchere da amici rumeni in loco).
    Un saluto!

    1. il link porta a calcolare quanto ti costa immatricolare la tua auto , devi inserire i dati CV del veicolo , emissioni C0 ecc e ti da il risultato .Più l’auto ha emissioni inquinanti più si paga la sostanza è questa alla fine.Per quanto riguarda le assicurazioni in RO paghi 150 circa comprese di CASKO per i danni alla tua auto .Bolli non ci sono anche se… se esci dalla città ed ti immetti in una strada extraurbana devi pagare una tassa irrisoria ,direi non mi ricordo di preciso, ma mi pare 7 euro al mese .Se non esci da comune a comune senza andare sulle strade principali non paghi nulla 😀 . Del rimborso ne ho sentito dire , già due anni fa quando dalla sera alla mattina hanno cambiato le leggi .Prima si poteva immatricolare con meno di 400 euro per tutti i tipi di veicolo poi ops si sono accorti che tutti venivano dal’estero con auto di grossa cilindrata ed hanno cambiato la legge introducendo leggi piu severe . Sapevamo che chi ha pagato a vuoto i famosi 400 euro e poi non ha potuto immatricolarla ha fatto alcune azioni legali ; ma non saprei dirti di più anche io ho sentito voci non confermate di azioni legali per rimborsi sulla immatricolazione ,credo che se si potesse aver successo (e relativi rimborsi)i cognati avrebbero avvertito noi in Italia .Appena ne saprò di più farò in modo di contattarti per darti più info.Per il resto vedrai che ti troverai bene in zona , si stà sviluppando bene il Maramures. Emm Nicu è nato nel distretto del Salaj(Cehu Silvaniei) ma cresciuto a Baia Mare. Un saluto ciao Simo

  8. Certo che le multe vengono spedite anche in Romania per essere pagate. Ma se non vengono pagate l’intestatario non rischia nulla a livello penale.. dunque…. L’unico paese con cui ha un accordo scritto l’Italia è l’Austria! La voce fuori dsal cora la fa la Svizzera dove se non paghi una multa contratta nel paese Elvetico parte la Rogatoria Internazionale!

    1. Inesatto : le multe inviate vengono inviate a casa , anche se di un’altro paese e te li porta la polizia (che culo vero? ). L’intestatario auto che riceve una multa dall’estero deve pagarla e ti spiego perchè 😀 se vuole rinnovare la carta d’identità , passaporto ecc deve essere ”pulito” senza pendenze fiscali . Che siano multe il loco od estere , anche più semplicemente tasse per la casa non pagate ti impediscono di avere qualsiasi documento . Sai che ho rischiato un decurtamento di 4 punti patente in Romania immediatamente i dati e il motivo venivano inviati alla nostra polizia di Stato ,fortunatamente la polizia stradale romena ha capito il mio errore involontario e mi ha solo dato una piccola ammenda .Ma se ci cascavo un’altra volta aavrei pagato doppio con gli interessi 😛 ho incorniciato l’ammenda come monito ahhaha

  9. Quindi un cittadino italiano che fa un noleggio o della sua vettura reimmatricolata in nazione estera oppure la prende lì già con targa straniera…. e con delega alla guida….. non avrebbe via di scampo a un posto di blocco, specie dalla guardia di finanza??…. l’auto verrebbe sequestrata, in particolar modo se di grossa cilindrata e potenza, mentre il cittadino verrebbe denunciato??

    1. L’auto estera non deve essere intestata ad un cittadino italiano (e non ) residente qui in Italia.Io sono italiana il mio moroso rumeno auto targata Romania.Abbiamo la delega del padrone vettura che è residente all Estero.ci hanno controllato almeno 50 volte ,nulla da contestarci se non quello di voler sapere chi fosse il proprietario e che rapporti avesse con noi.La delega alla guida ci obbliga ad assumerci le nostre responsabilità in caso di incidenti,multe.La stessa cosa che succede qui con gli autisti Tir ,furgoni se superano tot gg di uso del mezzo devono aver la delega.Ben diverso il discorso di auto con targhe estere di proprietà di pesta nome….persone (magari poveri cristi ) che hanno intestato parchi auto di lusso.Ad un conrollo incrociato risulterà questa truffa ed chi ha l utilizzo qui in Italia avrà sequestro e denunce.Noi abbiamo fatt le cose secondo la legge .L intestario estero e il padre di uno degli autisti con delega

  10. Scusate io lavoro a Bucarest e ci rimarrò almeno per 3/4 anni
    Come faccio a comprare una macchina qui in modo perfettamente legale?
    Oppure
    Posso portare la mia macchina dall’Italia e magari mettere targa rumena ?
    Basta solo cambiare la residenza o domicilio qui a Bucarest?
    Grazie per i vostri chiarimenti

    1. I residenti in Romania possono tranquillamente immatricolare un’auto.Il mio post era per quelli( come noi) che abitano in Italia e vogliono tranquillamente circolare nel nostro paese senza vedersi sequestrata l’auto targata Romania . Come tranquillamente puoi circolare in Italia con la macchina intestata a te (o la ditta) basta che la residenza sia a Bucarest o dintorni .Buona permanenza nella capitale

  11. Ciao volevo cortesemente un informazione.. Sono italiano la mia auto è immatricolata in Italia.. Se vorrei fare immatricolazione in Romania cosa posso fare? Visto che tu sei di Bergamo e io di Varese cosa mi consigli? Grazie buona serata

    1. ciao , non puoi fare nient’alto che continuare a pagare l’assicurazione in Italia. Un cittadino italiano (romeno o altro ) che è residente in Italia può immatricolare un’auto all’estero ma dopo 11 mesi deve PER LEGGE re-immatricolarla italiana…il gioco non vale la candela.L’unica maniera per guidare un’auto targata RO è avere la residenza di là, oppure una ditta all’estero , o …un parente romeno a cui intestarla . La finanza e le polizie sono allertate per le auto targate estere i cui proprietari sono residenti in Italia ; in altri casi il proprietario ”estero”è un semplice prestanome che con te non ha gradi di parentela ecc ..ecco c’è il sequestro del veicolo e per te una bella denuncia .

  12. Ciao, io sto immatricolando un’auto in Romania intestata a mia suocera dove ho effettuato una delega notarile di comodato d’uso che include la mia ragazza ed io, successivamente l’ho tradotta in inglese e in italiano per poter circolare in tutta europa.
    Nella tua chiarissima recensione parli che dev’essere dimostrato il grado di parentela. Io non sono sposato ma convivente, devo portare in giro (nei documenti dell’auto) lo stato di famiglia?

    PS: Adesso l’assicurazione KASKo in romania ha un canone di 550 euro con generali…

    1. Ciao Giuseppe pagato ad Agosto 234 euro circa, aumentata ma non troppo quest’anno si viaggia con AXA . La tua ragazza è romena quindi la suocera è sua madre . Per tagliare la testa al toro , porta una copia dell’atto di nascita nel cruscotto dove si evince il grado di parentela tra la suocera e la tua ragazza , e dato che non costa praticamente quasi nulla pure stato di famiglia/residenza… così nessuno avrà da ridire .Unito all’atto di comodato d’uso sei in una botte di ferro. Il mio grado di parentela con il suocero è…mio figlio con lo stesso cognome e il marito pure per logica .Non solo la targa personalizzata riporta i dati del bimbo: iniziali nome cognome sia sue che del genitore (praticamente identiche al padre) e anno di nascita ’09 .Pù facile di così 😛 .In Ungheria i poliziotti mi chiesero chi era il sig.proprietario dell’auto e mio figlio disse…mio nonno .Non sai che risate!

  13. Scusa , buongiorno , io sono residente in italia e lavoro come broker viaggiando e sostando per motivi di lavoro , quindi senza avere un sede fissa . Possiedo una autovettura cilindrata 1.9 dci , 88 KW , motore diesel , acquistata nel luglio 2005, euro 3 , ferma da circa 2 anni ed ora vorrei immatricolarla in Romania con nuove targhe – Inoltre sono titolare di una LTD in Inghilterra e vorrei appunto intestare la macchina a questa società , autorizzando l’autista alla guida del veicolo . Chiedo se è possibile immatricolare il veicolo alla LTD oppure se la LTD deve avere sede secondaria in Romania , oppure qualche altra forma – Inoltre , cortesemente potrei conoscere i costi finali , perchè leggevo che vi era una tassa sull’inquinamento che costa 1200 euro che rende poco conveniente portae l’auto in romania – – grazie – cordiali saluti

    1. Per avere le targhe romene devi comunque avere società sul territorio romeno , le targhe sono collegate ad una persona fisica e giuridica (società) . La tassa inquinamento più essere molto salata se l’auto è vecchia e con emissioni inquinanti alte .Per assurdo intestare il mio 150 kw (2001) è costato di più che un TIR di due anni

  14. Ciao Simona. Perché e importante essere intestata a un parente l’auto? C’e qualche articolo di legge che ti tutela? Anch’io ho la macchina targata MM, proprietario mio padre residente in Ro, fin’ora tutto ok. Ma i giorni scorsi un mio conoscente alla guida di una auto con targhe romene intestata a sua mamma, viene multato dalla polizia in base al art 132 perché non può guidare un auto con targhe estere per più di un anno anche se il proprietario e la mamma residente in Ro. Cosa e cambiato? Oppure non avevano ragione a fare la multa? Grazie!

    1. ciao la prima che sento! Ci fermano sempre ma nessuno di noi ha mai avuto problemi con la polizia .Per caso l’auto non è uscita dal territorio? Mi spiego per legge il veicolo targato estero DEVE uscire dai confini entro 364 giorni .Tassativamente deve uscire dal confine ed il proprietario per sicurezza deve avere un documento in mano , giusto per stare tranquilli. Per assurdo ,però, anche la polizia deve dimostrare di sapere che la macchina è in Italia da 365 giorni e più .Basta fare un giretto di alcune ore in Slovenia (avere sul vetro la vignetta slovena ) e il gioco è fatto .Auto uscita dal territorio prima dell’anno . NOi andiamo più volte a Baia Mare e in qualsiasi modo siamo fuori dall’Italia 😀 La revedere ,ciao Simo

      1. Non lo so esattamente se avevano o no la vignetta slovena sul vetro (in inverno sono stati in Ro, quindi 4 mesi fa) ma alla fine gli avevano detto di non lamentarsi che 1 – 2 multe ogni tanto possono pagare , visto che risparmiano abbastanza con la macchina targata Ro.

  15. Ciao, è possibile acquistare un’auto (in questo caso un piccolo furgone) usato in Romania a mio nome e successivamente portarlo in Italia e reimmatricolarlo? In Italia mi sono già informato su costi ecc ma non so come funziona in Romania, quali sono costi e procedure, ecc. ecc. Grazie

    1. La procedura al ”contrario” mai fatta ,ma sicuramente si .Non saprei dirti la procedura esatta per farlo . Le auto con targa estera, romena in questo caso , intestate a persone che risiedono in italia entro l’anno DEVONO essere re-immatricolate con targa italiana. Ciao Simo

  16. Ciao Simo. Cosa sta cambiando con le nuove modifiche al codice della strada nel recente decreto sicurezza adottato al Senato?

    1. Ho letto il decreto Tonelli alcuni gg fa , ed onestamente è una grandissima presa per i fondelli ,per chi ha effettivamente una ditta in Ro .E non parliamo di prestanome come succede in Bulgaria . cit :finta residenza fiscale all’estero di una società che con questo escamotage può immatricolare un veicolo oltreconfine e avere una targa straniera, pur svolgendo la propria attività lavorativa prevalentemente in Italia. Stesso discorso vale per un privato straniero residente nello Stivale. …

      la questione è per chi effettivamente HA una ditta in Romania o chi come me ha l’auto intestata ad un residente in Ro. Cerco di informarmi meglio con amici delle forze dell’Ordine

  17. Per che parla anche del fatto che si può continuare a usarla se hai un contratto di noleggio o comodato, se ho capito bene. ..

    1. Non ho letto tutto il decreto ,o perlomeno non ricordo quella frase specifica, ma in comodato gratuito sarebbe il nostro caso . Noi abbiamo fatto un’atto notarile che conferma l’uso gratuito con obbligo a noi due di guidare l’auto .Per assurdo se volessi prestarla ad un’amico, anche solo per un’ora,
      sarebbe vietato

    1. nulla se non che chi ha un contratto di noleggio o uso comodato gratuito , dovrebbe essere al sicuro .

  18. Quindi come il nostro caso dobbiamo essere a posto. Leggevo da qualche parte che comunque l’ entrata in funzione del cambiamento cds sarà entro 30 settembre 2019 (se non si sono sbagliati a scrivere).

    1. cit : Un veicolo con targa estera può circolare in Italia solo se in esso è presente la documentazione che comprovi l’autorizzazione data dal proprietario al suo utilizzo in Italia per un periodo di tempo prestabilito e riportato sulla documentazione stessa.

      Ovviamente si tratta di auto in leasing, a noleggio o concesse in comodato a residenti in Italia. Se la documentazione non è stata prodotta scatta una multa da 250 a 1.000 euro, ci sono poi 30 giorni per presentare il documento mancante. Se non lo si fa, scatta il fermo amministrativo del veicolo. Rimangono altri 60 giorni successivamente per mettersi in regola, scaduti i quali viene riconsegnata al conducente l’auto con targa straniera, ma viene inflitta una multa da 705 a 3.526 euro. Per l’entrata in vigore c’è agitazione ma non una data certa

      1. Niente contratto di comodato tra persone fisiche. E valido soltanto se proprietario della macchina e una società con sede al estero. Altrimenti il residente italiano da più di 60 gg. alla guida del mezzo con targa estera viene multato con 500 + euro e sequestro dell’auto. Una legge entrata in vigore da oggi a domani senza lasciare tempo per metterti in regola. E secondo me abusiva, anticostituzionale e anti europea per il riguardo del sequestro e della confisca della proprietà altrui.

        1. giusto un paio di ora fa io ed amici abbiamo discusso di questa cosa . Dany ha confermato che alla TV Romena avvertivano della nuova legge italiana , e come dici tu tutto dalla sera alla mattina . Siamo tutti inc.neri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.