Crea sito

Marmellata di arance, pere, mele e cannella

Durante l’inverno questo meraviglioso frutto ci regala innumerevoli spunti per gustarlo al meglio. Ecco una ricetta per la marmellata di arance, con l’aggiunta di pere e mele, che la rendono ancora più delicata e speciale.

marmellata di arance
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura1 Ora
  • PorzioniOtterremo 7 vasetti da circa 350 gr.
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti:

  • 2 kgarance bionde (arance con la buccia spessa (navel))
  • 500 gdi pere e mele
  • Mezzolimone (il succo spremuto)
  • 1 pizzicodi cannella in polvere
  • 600 gzucchero (Si può aumentare fino a 700gr. se la gradite più dolce)

Vi occorreranno:

  • 3 Ciotole
  • 1 Pentola a bordi alti
  • 1 Frullatore a immersione oppure potete usare il Bimby
  • 8 Vasetti sterilizzati da circa 350 gr.

Preparazione

  1. Lavate le arance in acqua e bicarbonato e dopo sciacquatele bene

  2. Preparate una ciotola sulla bilancia, ed iniziate a tagliare le calotte delle arance, e di nuovo a spicchi la buccia.

  3. La buccia potete immergerla in acqua fredda e successivamente potete preparare le vostre scorzette di arance candite . Se non avete tempo, invece, potete congelarle ed utilizzarle per altre preparazioni al bisogno.

  4. Tagliate le arance a pezzettoni , fino ad ottenere il peso , tra succo e frutta , di 2 kg. e metteteli nella pentola a bordi alti che utilizzerete per la cottura della marmellata

  5. Aggiungete alle arance, 600 gr. di zucchero.

  6. Mescolate bene con un cucchiaio di legno e fate macerare per un’oretta, mescolando di tanto in tanto.

  7. Nel frattempo, sbucciate tre pere e tre mele fino a raggiungere il peso di circa 500 gr. di frutta pulita ed unite mezzo limone spremuto,

  8. Aggiuntete pere e mele, alle arance che stanno macerando con lo zucchero. Non aggiungo altro zucchero in quanto , in cottura le arance perderanno parte della loro acqua , riducendo il loro peso e quindi 600 gr di zucchero basteranno per la conservazione della vostra marmellata.

  9. Quando si sarà sciolto in parte lo zucchero, iniziate la cottura sul fuoco della vostra frutta, per circa 1 ora, a bassa temperatura.

  10. A quel punto potrete frullare il tutto con il frullatore ad immersione oppure all’interno del Bimby

  11. Rimettete sul fuoco, aggiungete (a piacere) un pizzico di CANNELLA , e la BUCCIA GRATTUGIATA DI UN’ARANCIA e fate addensare la marmellata fino a quando non velerà il cucchiaio come da foto. Potete fare anche la prova piattino, (precedentemente raffreddato in freezer) e quando la marmellata scivolerà lentamente sul piattino , significa che potrete invasarla.

  12. Una cosa importante: la marmellata di arance e’ come quella di amarene: inganna .. quando e’ calda. Infatti sembra liquida e poi quando si raffredda , invece e’ perfetta. Percio’ fate attenzione a non cuocerla troppo, per non rischiare di avere una marmellata solida. Quando la mettete sul piattino aspettate che si raffreddi un po’ e quello sara’ il risultato finale.

  13. Invasate a caldo e ponete i vasetti a testa in giu’ , sopra un tagliere di legno , fino a completo raffreddamento.

    Io ho ottenuto 7 vasetti da 350 gr.

  14. Il giorno dopo, potete sterilizzare i vasetti. Metteteli all’interno di un pentolone e copriteli con acqua fredda. Aggiungete carta da giornale intorno ai vasetti . Quando l’acqua raggiunge il bollore , abbassate la fiamma e sterilizzate per circa 30 minuti. Lasciate i vasetti nell’acqua fino a raffreddamento .

  15. marmellata di arance

    Ed ecco pronta una buonissima marmellata di arance! Non troppo zuccherata ma nemmeno troppo amara. E’ deliziosa sulle fette biscottate o sul pane fatto in casa . Delicata nello yogurt o all’interno di brioche appena sfornate.

  16. marmellata di arance

    BUONA COLAZIONE!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.