Crea sito

Purè di fave secche con cicoria

Purè di fave secche con cicoria

Purè di fave secche e cicoria. E’ un piatto povero per eccellenza della nostra cara Puglia. Un tempo ogni famiglia contadina coltivava le fave nel proprio terreno. Raccolte tenere e verdi nei mesi di aprile-maggio, erano usate come companatico in sostituzione dei pomodori e gustate in tanti modi possibili e con quello che a quei tempi era disponibile. A fine giugno venivano raccolte, pulite dai rametti secchi e messe al sole a seccare. Una vota secche si conservavano in recipienti di rame o coccio. Ricordo benissimo quando mia nonna mi faceva battere ogni fava per rompere il guscio con un apposito strumento per separare le fave dalla buccia. La cottura era pure semplice. Le fave ammollate dalla sera prima venivano poste in pentole di coccio e la cottura era solo quella di circondare il coccio con dalla brace e lasciarle li a cuocere dolcemente. Oggi i modi per prepararli sono cambiati, ma il sapore e il gusto e la tradizione rimane… Le fave si accostano meravigliosamente alle cicorie bollite e condite con un filo di olio di oliva a crudo.
Andiamo allo a preparare il purè di fave secche con cicoria!

pure di fave secche con cicoria
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura2 Ore
  • Porzioniporzioni per 4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per pure di fave e cicorie

Ingredienti

  • 500 gfave secche
  • patata (1 media)
  • 500 gcicoria
  • olio di oliva
  • sale
Piatto eccezionale accompagnato da dei bei crostoni di pane casereccio il gusto e la genuinità sono assicurate! Le fave sono oggi sono state rivalutate e considerate un piatto molto alla moda, vengono presentate come un piatto tipico dal gusto assolutamente originale, sopratutto se accompagnate con “cicorielle” e sevoni, verdure selvatiche dal sapore amarognolo buonissimo.

Strumenti per fare le fave

Strumenti

  • Pentola grande a bordi alti
  • Frullatore / Mixer

Preparazione

Come si prepara il purè di fave

  1. Mettere le fave in acqua per dodici ore in ammollo la sera prima del giorno in cui le devo preparare in maniera tale che al mattino sono pronte per essere cucinate.

  2. Il mattino seguente lavare le fave sotto acqua corrente e metterle in una pentola dai bordi alti.

    Aggiungere la patata sulle fave all’interno della pentola, in questo modo si avrà una purea molto più densa e cremosa. Coprire le fave con acqua e mettere a cuocere a fiamma vivace.

  3. Una volta eliminata tutta la schiuma, abbassare la fiamma a minimo e far cuocere per qualche ora, saranno pronte quando cominceranno a sfaldarsi. Quando saranno cotte girare energicamente le fave con un cucchiaio di legno fino a formare una purea.

  4. Se si desidera una crema più liscia utilizzare un frullatore ad immersione.

  5. Aggiungere il sale a piacimento.

  6. Mentre le fave cuociono, preparare le cicorie lesse.

    Pulire le cicorie, togliendo la parte radicolare e le foglie più ammaccate, lavarle molto bene

  7. Riempire una pentola con abbondante acqua salata e quando raggiunge l’ebollizione far cuocere le cicorie, saranno cotte quando le foglie si infilzano bene con la forchetta

    Quando anche le fave saranno pronte, mettere entrambe in un piatto di portata, irrorare con olio evo e servire con delle fettone di pane pugliese.

  8. Versione Bimby

    300 gr. di fave decorticate

    300 gr. di acqua

    1 patata piccola (50 gr. circa)

    50 gr. di olio evo

    sale q.b.

     

    Inserire nel boccale  le fave e l’acqua e cuocere per 15 min., 100° vel. 1 e in seguito per altri 15 min., temp. varoma, vel. 1.

    Unire olio e sale (poco): 5 min., 100°, vel. 4.

    Procedere come indicato sopra.

conservazione

Conservate il pure di fave e la verdura in frigorifero in un contenitore ermetico o coperto con la pellicola al massimo per 3 giorni.

Potete congelare il purè di fave e riutilizzarlo all’ occorrenza.

SEGUIMI SU

INSTAGRAM PINTEREST

PER TORNARE ALLA HOME

/ 5
Grazie per aver votato!