Giardiniera campagnola di verdure fresche con aceto di mele

La giardiniera campagnola di verdure fresche con aceto di mele è una ricetta assolutamente light. Nella preparazione vanno, di preferenza, scelte le verdure bio più croccanti e di grande impatto cromatico. Va bene in ogni periodo dell’anno, però se la servite durante le feste, il successo è assicurato per molti motivi non ultimo quello che la giardiniera è invitante per antonomasia. Ho scelto di arricchire questa ricetta con foglie di alloro e bacche di ginepro per creare così una prelibatezza che si possa accompagnare a vari tipi di pietanze: dagli antipasti di salumi cotti o crudi ai bolliti di carne e di pesce. Inutile ricordare che l‘aceto di mele biologico gioca un ruolo importante per la conservazione ed allo stesso tempo dona alle verdure un sapore intrigante. L’effetto cromatico è salvo ed è divertente vedere i commensali che si cimentano alla ricerca del loro colore preferito. Questa ricetta, fatta in casa, potrebbe anche trasformarsi in una simpatica idea regalo per i vostri amici e parenti. In questo caso il contenitore non può essere anonimo, ma bensì scelto con gusto e decorato nel migliore dei modi e qui mi affido alla vostra fantasia.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni6/8 vasetti
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 mlAceto di mele (bio)
  • 500 mlAcqua
  • 10 gSale grosso
  • 6 foglieAlloro
  • 18 baccheGinepro
  • 20 gZucchero
  • 300 gCarote (bio)
  • 200 gCipolline (bio)
  • 100 gscalogni piccoli (bio)
  • 200 gpeperone giallo (bio)
  • 200 gpeperone rosso (bio)
  • 300 gZucchine (BIO)
  • 200 gGambi di sedano (bio)
  • 150 gcetriolo (bio)
  • 150 gfinocchio (bio)

Preparazione

  1. Lavate e tagliate le verdure, i pezzetti non devono risultare troppo grandi, per le carote e le zucchine va bene il taglio a bastoncino, spessore un cm e lunghezza circa 8 cm, il sedano a pezzetti di circa 2 cm, gli scalogni possono essere tagliati a metà, le cipolline intere, il cetriolo tagliato a rondelle di 1/2 cm, il finocchio a piccoli spicchi, i peperoni a strisce di circa 1,5 cm. Mettere aceto, acqua, sale e zucchero bianco, alloro e bacche di ginepro in una pentola capiente e portate a ebollizione a fuoco lento. Le verdure vanno cotte tutte separatamente. Fermate la cottura quando i pezzetti sono ancora croccanti, in genere bastano 5 min, invece per le verdure più sottili tipo il cetriolo sono sufficienti 2 min. Man mano che le verdure saranno cotte mettetele in un colapasta e lasciatele raffreddare, tenendo da parte il liquido di cottura. Distribuite a strati le verdure cotte nei vasetti sterilizzati (vedi i consigli alla fine della ricetta), aggiungendo una foglia di alloro e tre bacche di ginepro per ogni vasetto, coprite completamente con il liquido di cottura.

Consumazione

  1. In genere viene consigliato il consumo dopo un mese di riposo e la consueta pastorizzazione per una conservazione sottovuoto. (v.conservazione) Questa giardiniera l’ho consumata solo dopo qualche giorno di riposo e dopo un mese conservata in frigo: comunque deliziosa! Una volta aperto il vasetto, il contenuto va consumato nell’arco di 3 o 4 gg al massimo

Sterilizzazione dei contenitori

  1. Mettete i vasetti e i coperchi in una pentola con un canovaccio, dimodoché non si rompano, versate l’acqua e fate bollire per 40 min.

Conservazione

  1. Per una corretta conservazione vi rimando alle linee guida del Ministero della Salute. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona, degli strumenti utilizzati e sul trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione.

Note

Per tornare al menu clicca qui https://blog.giallozafferano.it/rosaflori/ Vorresti altre idee? Vai a questo Menu Ferragosto oppure lascia un commento.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Mini cake "Christmas Pudding", ricetta del riciclo Successivo Salsa Besciamella ricetta per piatti al gratin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.