Crea sito

Crostata bigusto con marmellata e ricotta agli amaretti

Voglia di una crostata golosa per la vostra colazione ma senza burro? Allora dovete assolutamente provare questa deliziosa crostata bigusto! Con marmellata e ricotta agli amaretti, una morbida frolla all’olio ed un ripieno golosissimo! Un peccato resistere!! Vediamo insieme il procedimento:

crostata bigusto
  • Preparazione: circa 15 Minuti
  • Cottura: circa 30-40 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: circa 6-8 persone
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

Frolla all'olio:

  • 350 g Farina 00
  • 2 Uova
  • 100 g Zucchero
  • 90 g Olio di semi di mais
  • 1 cucchiaino Lievito in polvere per dolci
  • q.b. Ceci secchi (per cottura in bianco)

Per la farcitura:

  • 400 g Ricotta (fresca)
  • 3-4 cucchiai Zucchero
  • 370 g Marmellata (pesca o altri gusti)
  • 3-4 Amaretti
  • q.b. Cannella in polvere

Preparazione

  1. Stampo 22-24 cm

    Preparazione pasta frolla all’olio:

    Pesate tutti gli ingredienti che vi servono per la frolla, così da averli tutti sotto mano. Prendete una ciotola capiente e rompete le uova all’interno. Aggiungete lo zucchero e l’olio e mescolate subito con una forchetta tutti gli ingredienti tra loro. Ora versate a pioggia la farina e continuate a mescolare. Poi incorporate il lievito per dolci e lavorate con le mani fin quando gli ingredienti secchi avranno assorbito quelli liquidi. A questo punto rovesciate tutto il composto su una spianatoia e impastate velocemente con le mani fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Prendete una teglia per crostate, rivestitela con un foglio di carta forno e sopra stendete la frolla facendola aderire bene anche sui bordi. Lasciate da parte un po’ di frolla per realizzare le strisce decorative. Stendete sulla frolla un foglio di carta forno e sopra sistemate i ceci o fagioli secchi per la cottura in bianco. Fate cuocere per circa 10 minuti la crostata in forno preriscaldato in modalità statica a 170°.

  2. Nel frattempo prendete la ricotta e setacciatela per bene in un colino. Mettetela poi in una ciotola, unite 3-4 cucchiai di zucchero, 3-4 biscotti amaretti sbriciolati con le mani (potete anche metterne qualcuno in più in base ai vostri gusti), una spolverata di cannella in polvere e amalgamate con un mestolo. Assaggiate per vedere se è necessario aggiungere qualche altro cucchiaio di zucchero in base ai vostri gusti.

    Mi raccomando: la ricotta deve essere fresca e ben asciutta, altrimenti durante la cottura rilascia liquidi e la frolla rischia di “ammollarsi”. Per sicurezza potete metterla a scolare un’ora prima in un colino e poi setacciarla per eliminare i grumi.

  3. Trascorsi i 10 minuti togliete la crostata dal forno, eliminate i ceci e la carta forno, versate sul fondo la ricotta e livellate con una spatola, per finire sopra sistemate la marmellata. Decorate la superficie con le strisce di frolla e rimettete in forno a 160° per altri 20-30 minuti circa (il tempo di cottura varia a seconda del forno, appena la crostata comincia a colorire potete sfornarla). Una volta pronta fate completamente raffreddare prima di toglierla dallo stampo. Et voilà, la vostra golosissima crostata bigusto è pronta per rendervi felici 🙂 Alla prossima ricetta!

    Ricetta e Foto Gabry © copyright – tutti i diritti riservati

  4. Anche tu sei un amante delle crostate fatte in casa? allora ti consiglio di leggere anche queste ricette 🙂

    Crostata mascarpone e ricotta al Rum con gocce di cioccolato

    Crostata crema alla vaniglia e amarene

    Crostata crema alla vaniglia e amarene

    Crostata al cacao con ricotta e marmellata di amarene

    Se non vuoi perderti nemmeno un articolo di questo blog iscriviti alla newsletter e riceverai gratis tutte le mie ricette nella posta elettronica 🙂 Dimenticavo, diventa fan della mia pagina facebook per essere sempre aggiornato 😉 Mela Cannella e Fantasia

Note

Pubblicato da Gabry

Il mio nome è Gabry (o meglio Gabriella!), ho 36 anni e sono abruzzese doc!! Sono una ragazza semplice, con un grande cuore ♥ Non sono una cuoca di professione, piuttosto mi definisco una “pasticciona” ai fornelli! Però, tra esperimenti, successi e fallimenti, quando indosso il mio grembiule mi sento felice...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.