Crea sito

GAMBERONI CON ARANCIA

Ricetta di Beatrice Pieroni – Questi gamberoni con l’arancia sono un insolito piatto di mare in cui i crostacei, liberatisi del loro guscio, si avvolgono del profumo e del sapore del frutto e del balsamico. Celebrato il rito sul fuoco e velati da pecorino di nobile schiatta, si offrono a voi per essere ammirati, gustati, ricordati.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 ggamberoni
  • 1arancia
  • 3 cucchiaizucchero di canna
  • 2 cucchiaiaceto balsamico
  • mezzo bicchiere di vodka
  • mezzo cucchiaino di paprika forte
  • q.b.sale e pepe

Per i gamberoni con l’arancia sono necessari

  • Fornello
  • 2 Padelle
  • Coltello
  • Tagliere
  • Tagliatartufi

Lavate bene i gamberoni, asciugateli poi togliete la testa, il guscio e il sottile condotto nero dell’intestino che si trova lungo la schiena. Sbucciate l’arancia a vivo e mettetela da parte. Per sbucciare a vivo un’arancia , con un coltello ben affilato , eliminate la buccia fino ad arrivare alla polpa e separate gli spicchi, oppure tagliatela a rondelle e poi fatele a pezzetti.

Fate scaldare un filo d’olio nella padella e buttateci i gamberoni, aggiungendo sale, pepe e una spolverata di paprika. Fateli scaldare bene e
sfumate con mezzo bicchiere di vodka. Lasciate sul fuoco al minimo.

Nel frattempo mettete sul fuoco una padella con gli spicchi di arancia e lo zucchero di canna. Appena si glassano, cioè quando lo zucchero sarà attaccato all’arancia, aggiungete l’aceto balsamico e fate cuocere e saltare per qualche minuto.

Unite le arance ai gamberi e servite con sottilissime scagliette di pecorino stagionato.
  1. Gamberoni con l'arancia
Il piatto si può preparare sia con i gamberoni freschi che con quelli congelati, che devono essere di buona qualità. Per mantenerne intatto il gusto sarebbe meglio lasciarli scongelare naturalmente.
Le quantità indicate negli ingredienti rappresentano un antipasto o parte di un menu di degustazione.
Il piatto va servito moderatamente caldo e consumato dopo la preparazione, perché le caratteristiche di profumo e sapore si disperdono col raffreddamento e il passare del tempo. Per questo non è conservabile più di tanto e, ovviamente, non congelabile.
/ 5
Grazie per aver votato!