Gallette Sarde ( Gallettas )

Sas Gallettas , biscotti tipici sardi profumatissimi e morbidissimi da inzuppare nel latte o nel thé o da gustare semplicemente per spezzare l’appetito . Le ” Gallettas” probabilmente risalgono all’epoca della colonizzazione ” Catalano/Spagnola” , infatti la cultura alimentare sarda è eredità di diverse culture che colonizzarono quest’isola situata al centro del mediterraneo e quindi anche di passaggio per le flotte in navigazione provenienti da tutto il bacino , ricordiamo anche la nostra ” spianata sarda ” che infatti ricorda il “pane arabo” probabilmente lasciata in eredità dopo le colonizzazioni arabe iniziate nel 700 .

gallette sarde
Gallette Sarde ( Gallettas )

Torniamo alle nostre gallette sarde e come prepararle , la ricetta che vi propongo mi è stata tramandata e io le preparo cosi’ come mi è stato insegnato , niente frolla da poter spianare col mattarello , l’impasto è molto morbido quindi ogni biscotto va fatto singolarmente . Sicuramente il lavoro è più lungo e più impegnativo ma il risultato ricompenserà gli sforzi fatti ….

Gallette Sarde ( Gallettas )

Ingredienti

500 gr farina 00

2 uova

150 gr di zucchero

100 gr di strutto

120 ml di latte

2 limoni grattugiati

10 gr di ammoniaca per dolci

Prendere una ciotola capiente e versarvi le uova intere , lavorare con una frusta fino a renderle belle spumose , aggiungere lo zucchero e lavorare ancora 10 minuti . Mettere lo strutto fatto ammorbidire a bagnomaria o 30 secondi a microonde ( non deve essere liquido ma solo molto morbido), e continuare a lavorare finchè lo strutto non si sia amalgamato bene alle uova . Sciogliere l’ammoniaca per dolci nel latte (l’odore è sgradevole , evitate di respirarci sopra) , girate con un cucchiaino fin quando non vedrete una bella schiumetta in superficie . Ora aggiungere la buccia grattugiata di limone all’impasto e alternare il latte e la farina …

gallette sarde

Lavorate l’impasto energicamente che diventerà piu’ sodo ma sempre troppo morbido e appiccicoso  per poter essere lavorato con le mani…

gallette sarde

Terminate tutti gli ingredienti , mettete uno straccio sopra la ciotola e nel frattempo preparate un piattino con un po’ d’olio all’interno che vi servirà per ungervi le mani , preparate sul tavolo le teglie con della carta forno. Passate 10 minuti cominciate a fare i biscotti , ungersi le mani per poter toccare l’impasto senza rimanere imprigionate , prendere un cucchiaio d’impasto e fare una pallina grande come una noce metterla nella teglia e proseguire con le palline fino a riempire la prima teglia . Schiacciare le palline con le mani ( tenete sempre le mani unte) e poi con un tagliapasta infarinato creare la forma desiderata , togliere l’impasto in eccesso . Vi metto la foto con i passaggi e spero che siano chiari

gallette sarde

Potete farli anche semplicemente tondi se non avete un tagliapasta , ricordate che gonfieranno 3 volte il volume iniziale , mettete le palline ben distanziate fra loro prima di dar loro la forma . Ora  bagnate la superficie con un pennellino imbevuto di acqua e versarvi sopra abbondante zucchero semolato ( l’acqua servirà per far aderire bene lo zucchero in superficie). Accendere il forno e portarlo alla temperatura di 180 gradi e infornate  fino a una leggera doratura ( circa 10/15 minuti) . Se non avete mai realizzato questi biscotti vi consiglio di guardare la magia di questo biscotto che si gonfierà sotto i vostri occhi come un palloncino , il tutto è dovuto all’ ammoniaca che è un lievito molto potente , se lo sostituite con il lievito chimico in bustina per dolci non avrete lo stesso risultato , cosi’ come il risultato cambierà se farete una pasta abbastanza consistente da poter essere stesa con un mattarello . Insomma la bontà, fragranza e morbidezza di questi biscotti è dovuta proprio da tutti questi fattori ….

gallette sarde

 

Precedente Spaghetti con asparagi Successivo Frittata di asparagi con gorgonzola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.