Taralli pugliesi ricetta tradizionale

I taralli pugliesi sono una ricetta tradizionale, e sono sicuro che chiunque di voi ne mangiato almeno 1 nella sua vita: sono piccoli e croccanti, se ne trovano in commercio di tantissimi gusti e sono perfetti come spezzafame, oppure per un aperitivo tra amici. Finalmente ho trovato una ricetta che vi permetterà di ottenere un risultato perfetto. Buona lettura!

Taralli pugliesi ricetta tradizionale
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    80 pezzi
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 500 g farina 0
  • 125 ml Olio di oliva
  • 200 ml Vino bianco secco
  • 18 g Sale
  • 5 g Semi di finocchio (potete anche abbondare)

Preparazione

  1. Per preparare i taralli pugliesi come prima cosa setacciate bene la farina e formate una fontana su una spianatoia. Al centro mettete il sale e i semi di finocchio selvatico, versate l’olio e, a filo, il vino, cominciando a impastare.

  2. Impastate fino a che tutti gli ingredienti saranno bene amalgamati e l’impasto non si attaccherà più alle mani. Coprite con un canovaccio e fate riposare per 30 minuti.

  3. Prelevate tanti pezzetti di impasto (se volete essere estremamente precisi potreste pesare il tutto, fino ad ottenere pezzetti da 10 g l’uno), formate da ogni pezzetto un bastoncino lungo 10 cm e poi arrotolate e chiudete per formare il tarallo. Premete per bene sulla chiusura per evitare aperture in cottura. Poggiate i tarallini così formati su un canovaccio.

  4. Portate a bollore una pentola con acqua e bollite 10 taralli pugliesi alla volta: scolateli con una schiumarola quando saranno venuti a galla e poggiateli a scolare su un canovaccio pulito.

  5. Disponete i taralli su due leccarde da forno coperte con carta forno, non metteteli troppo vicini, e fate asciugare i taralli all’aria per 6 ore: con questo piccolo trucco, datomi da una pugliese doc, i taralli saranno croccanti e asciutti.

  6. Fate cuocere in forno statico preriscaldato a 200°C per 35-40 minuti o fino a che non saranno perfettamente dorati. Fate raffreddare completamente e conservate fino a una settimana (se ci arrivano) in una latta o in buste ermetiche per alimenti. Buon appetito!

Note

RESTIAMO IN CONTATTO!
FACEBOOK: pagina ufficiale
PINTEREST: tutte le mia bacheche
YOUTUBE: tutte le mie video ricette
INSTAGRAM: foto e vita e di tutti i giorni

Se vuoi ricevere tutte le mie ricette iscriviti alla NEWSLETTER, è gratuita: vai al form di iscrizione.

Precedente Brutti ma buoni alle nocciole Successivo Menù di Pasqua dall'antipasto al dolce

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.