Verdure con pancetta

Le verdure con pancetta sono un contorno saporito, nutriente e delizioso. Si abbiana a tutti i piatti principali che cucinate, ma con un buon crostone di pane abbrustolito può diventare lui stesso un piatto di portata!
In famiglia è andato a ruba, c’è chi si è litigato anche l’ultima cucchiaiata.
Sicuramente è un modo alternativo per cucinare questo salume, che solitamente si usa in un piatto di pasta, o si mette nel panino. L’avete mai provato con le verdure? Be’, c’è sempre la prima volta.

Verdure con pancetta

pancetta con le verdure 2

Ingredienti (dosi per 4 persone)
400 g di pancetta affumicata
Una cipolla
Una carota
Un broccolo
Dado vegetale q.b
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale e pepe q.b

Procedimento
Tagliate la pancetta a listarelle. In una casseruola scaldate l’olio, aggiungetevi la pancetta e fate rosolare bene. Tritate grossolanamente la cipolla, tagliate a dadini la carota precedentemente spuntata e pelata, mondate il broccolo. Aggiungete le vostre verdure alla pancetta, fate insaporire. Aggiungete un po’ di brodo caldo, spolverizzate con un cucchiaino raso di dado vegetale, un pizzico di sale e una macinata di pepe.
Quando il broccolo sarà cotto a puntino, potete togliere dal fuoco.
Ovviamente aggiungete il brodo ogni qual volta ce ne sia bisogno. Potete benissimo utilizzare il mio metodo, descritto in un post precedente: io scaldo una caraffa d’acqua nel microonde e uso quell’acqua calda come liquido di cottura.

pancetta con le verdure

Curiosità: spesso la pancetta viene usata per sostituire il guanciale, ma che differenza c’è tra i due salumi?
La pancetta è più reperibile, in quanto si ricava dal tessuto adiposo sottocutaneo dell’addome del maiale, e viene venduta in due forme: pancetta tesa, salata all’origine e fatta stagionare 20 giorni, o pancetta arrotolata, che viene condita con varie spezie e fatta stagionare per più tempo.
Il guanciale invece si ricava dalla guancia e dal collo del maiale. Viene fatto stagionare almeno 3 mesi e, un’altra particolarità, è che viene condito esternamente con sale, pepe e spesso anche con aglio, salvia e rosmarino.
Un’altra differenza sostanziosa risiede nelle calorie che forniscono: 100 g di pancetta forniscono 458 kcal, mentre 100 g di guanciale ne forniscono 655.

Precedente Tortiglioni in insalata allo zafferano Successivo Pasta impazzita

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.