Rosticceria catanese

È risaputo che in Sicilia si mangia bene, così come è altrettanto noto che buona parte della tradizione culinaria siciliana è costituita dalla rosticceria. Un viaggio in Sicilia deve essere caratterizzato dalla degustazione di almeno un prodotto tipico. Ogni provincia ha le sue specialità o le proprie versioni, legate anche alla storia e alle diverse tradizioni locali. Fermiamoci a Catania. Qui potrete trovare una ricca e gustosa rosticceria: le cartocciate, le bombe fritte o al forno, le cipolline, gli arancini, il paté di riso, il “rollò” con wustel e tantissime altre prelibatezze. Tutti questi prodotti rientrano nella categoria dello street food catanese. A Catania li troverete fin dalle prime ore del mattino sempre calde perché noi catanesi amiamo fare colazione anche con una di queste bontà. Adesso vi spiego come preparo la Rosticceria catanese. Utilizzerò la farina di tipo 1 del Molino Gaspari , che renderà più digeribile l’impasto . Vi consiglio di utilizzare questa farina, altrimenti se non l’avete a disposizione potrete utilizzare la manitoba.

Sponsorizzato da Molino Gaspari

Rosticceria catanese
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni12
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfarina tipo 1 / Manitoba (Oppure farina manitoba )
  • 250 mlAcqua
  • 20 gcubetto di lievito di birra
  • 10 gMiele
  • 25 gZucchero
  • 10 gSale
  • 40 gStrutto (O burro)

Per il ripieno

  • 200 gPassata di pomodoro
  • 300 gMozzarella
  • q.b.Olive nere
  • 200 gProsciutto cotto
  • q.b.Wurstel
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale
  • q.b.Origano

per spennellare la superficie

  • 1tuorlo
  • 2 cucchiainiLatte

Preparazione

  1. Iniziate a preparare l’impasto per la Rosticceria catanese mettendo nella planetaria la farina e il miele;

  2. pian piano aggiungete l’acqua con il lievito e lo zucchero.

  3. Appena avrete creato un panetto, aggiungete poco alla volta lo strutto

  4. e infine il sale. Lavorate l’impasto per altri 3 minuti. A questo punto sarà pronto.

  5. Rosticceria catanese

    Mettete l’impasto in una ciotola coperta da pellicola e fate lievitare per circa 2 ore fino al raddoppio. Quando l’impasto raggiungerà il giusto livello di lievitazione noterete che è ben idratato da tutti i fori che ha creato.

  6. Adesso diamo forma alle diverse preparazioni che costituiscono la rosticceria catanese. Iniziamo dai rollò con wurstel. Prendete una striscia di pasta e formate un grissino più lungo del wurstel,

  7. avvolgete l’impasto intorno al wurstel.

  8. Rosticceria catanese

    Adesso adagiate il “rollò” su una teglia con carta forno e preparate gli altri. A questo punto, preparate le cartocciate. Prendete un pezzo di pasta dal peso di 80/90 grammi, stendetela e mettetela sulla formina. Aggiungete la salsa di pomodoro precedentemente condita con olio, sale, origano e completate con dei pezzetti di mozzarella (n.d.r.: non esagerate perché poi in cottura la cartocciata si potrebbe spaccare).

  9. chiudete e togliete dai lati la pasta in eccesso. Se non avete lo stampo potrete farlo tranquillamente chiudendo i lembi della pasta con l’aiuto della forchetta.

  10. Rosticceria catanese

    Mettete a lievitare nella teglia anche le cartocciate. Ora dedichiamoci alle Cartocciate con i wurstel. Prendete una pezzo di impasto da 60/80 gr e stendetelo con il mattarello (ai lati allungate la pasta perché ci servirà per la chiusura). Aggiungete un cucchiaio di passata di pomodoro( sempre condito con olio, origano e sale) e un pezzo di mozzarella.

  11. Poggiate sopra mezzo wurstel;

  12. Rosticceria catanese

    chiudete la Cartocciata portando verso l’interno l’estremità piu’ lunga,

  13. Rosticceria catanese

    poi quella destra.

  14. Rosticceria catanese

    Anche la cartocciate con il wurstel mettetele nella teglia per la lievitazione. Ora prepariamo la Bomba. Prendete un pezzo di pasta di 60/80 gr e allargatela con le mani. Mettete all’interno prosciutto e formaggio.

  15. chiudete la bomba portando i lembi della pasta al centro;

  16. capovolgete e con l’aiuto delle mani date una forma rotonda.

  17. Anche per le bombe, man mano che terminate la preparazione, ponetele nella teglia per la lievitazione, sempre allo stesso modo del rollò e delle cartocciate. Infine occupiamoci delle pizzette. Prendete un pezzo di pasta da 80/90 gr, allargatela con le mani e così com’è mettetela nella teglia a lievitare.

  18. Coprite la teglia con la pellicola e fate lievitare per un ora circa (fino al raddoppio). Quando i pezzi di rosticceria avranno raggiunto la lievitazione, preparate in un bicchiere il tuorlo sbattuto con il latte. Spennellate la superficie di tutti i pezzi tranne delle pizzette, perché su quest’ultime andrà invece mezzo cucchiaio di salsa di pomodoro.

  19. In forno a 180 gradi per 20 minuti circa. Cinque minuti prima di completare la cottura, nelle pizzette ponete sopra la mozzarella e mezzo olivo nero privo dell’osso.

  20. Rosticceria catanese

    Completate la cottura fino a quando la mozzarella sarà del tutto sciolta. La Rosticceria catanese è pronta per essere servita. Vi aspetto nelle mie pagine social, su Facebook cliccando QUI e su Instagram cliccando QUI

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da claudiafoodblogger

Sono Claudiafoodblogger, ovvero Claudia Testa, quarantaduenne catanese, amante della cucina, delle tradizioni e dei viaggi. La mia passione nasce a 8 anni mentre guardavo un programma di cucina accanto a mia nonna. Mi sembrò di sentire i profumi delle pietanze che vedevo. Da allora la strada da seguire mi fu chiara. Non a caso mi sono diplomata all’istituto Alberghiero. Nei social network sono presente con una pagina Facebook chiamata “Le Ricette di Claudia” e su Instagram come “Claudiafoodblogger”. La mia cucina mira a coniugare semplicità e tradizione, senza trascurare qualche innovazione e le esigenze di chi per scelta o necessità fa diete particolari. Così propongo anche ricette vegane, vegetariane e per celiaci.

3 Risposte a “Rosticceria catanese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.