Crea sito

Scampi e gamberi crudi

Scampi e gamberi crudi! Se proprio c’è un cibo per il quale impazzisco più degli altri è proprio il pesce, sì, lo adoro proprio. Pesce, crostacei, molluschi; al naturale, marinati, al vapore, spadellato, al cartoccio, carpacci, tartare. Nonostante ci siano dei rischi come quelli di contrarre delle patologie (parassitosi, intossicazioni soprattutto nella consumazione di molluschi bivalvi che si alimentano filtrando l’acqua) e malattie (epatite o salmonellosi), la consumazione di pesce crudo, abbattuto a norma di legge, apporta innumerevoli benefici. Oggi vediamo come poter pulire gamberi e scampi per poterli mangiare crudi.

Scampi e gamberi crudi

Scampi e gamberi crudi

Partiamo dal fidarci del nostro pescivendolo, chiediamo sempre se il pesce possiamo mangiarlo crudo, non chiediamo è se fresco bensì chiediamo se lo ha già abbattuto.

Prendiamo il gambero, lo giriamo a testa in giù e tenendolo nella mano sinistra, con l’aiuto della punta di un coltello, gli togliamo il carapace e le zampette (la testa e la coda io l’ho lasciata solo a scopo decorativo), togliamo anche la testa e la coda se non servono, disponiamo quindi tutti i gamberi su un piatto. Per gli scampi invece girarli a testa in giù, tagliare con delle forbici le parti laterali appuntite e mettendo il dito sotto la testa, estrarre lo scampo.

N.B. I gusci, le teste e le code non buttatele perchè sono ottimi per fare dei fumetti con i quali aromatizzare paste e risotti. Servono per rafforzare il sapore di mare nelle preparazioni.

A questo punto prendiamo il gambero o lo scampo ed andiamo a togliere il filetto intestinale, quello nero. Per fare questa operazione si può procedere in 2 modi:

a) incidiamo la parte superiore con un coltello per la lunghezza del gambero, lo apriamo un pò e togliamo il filetto nero;

b) inserire lo Diapositiva1stuzzicadenti o verso la coda o a metà, curvarlo un pò e tirare il filetto (questo metodo lo consiglio io per non rovinare la polpa)

A questo punto condire con dell’olio al limone o all’arancia…

Seguici anche su:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *