Il sale

Per gli antichi Romani il sale era particolarmente prezioso; non a caso il termine salario, ancora oggi utilizzato per indicare la retribuzione di un lavoratore dipendente, fu coniato in quegli anni per dare un nome al compenso dei legionari.

sale

La salatura degli alimenti, oltre ad essere necessaria per conservare meglio alcuni cibi, ha pertanto anche un profondo significato culturale.

Fabbisogno di sale

La dieta degli italiani apporta in media quasi 12 grammi di sale al giorno, superando di dieci volte le reali necessità.

Partendo da tali valori la semplice riduzione dell’apporto di sodio nella dieta a non più di 100 mmol/die (6 g di sale) permette di ridurre la pressione arteriosa di 2-8 mmHg.

Nel periodo estivo, quando la sudorazione aumenta, cresce anche il fabbisogno di sodio, specie negli sportivi. In una dieta bilanciata si consiglia comunque di non assumere più di 6 grammi di sale al giorno.

Sale da cucina

Cloruro di sodio è il nome chimico del più comunemente noto “sale da cucina”; si tratta del sale sodico dell’acido cloridrico, che alla vista risulta cristallino ed incolore, caratterizzandosi per colore e sapore tipici.
Il sale da cucina è un esaltatore di sapidità, cioè favorisce (o dovrebbe favorire) la palatabilità dei cibi preparati.

Inoltre, rappresenta uno dei conservanti osmotici più utilizzati nell’industria alimentare.

Il sale da cucina è facilmente reperibile in natura, sia come cristallo terrestre (salgemma) che come elettrolita dell’acqua marina, dalla quale può essere estratto direttamente (desalinizzazione) o indirettamente dai cristalli depositati sul terreno.

Uno dei metodi più antichi per la raccolta del sale marino da cucina è l’evaporazione solare dell’acqua di mare, operata nelle così dette saline; inoltre, nella produzione del sale marino viene effettuata una certa raffinazione, che prevede la separazione, quindi l’esclusione, di altri tipi di sale dal cloruro di sodio.

Artificialmente, l’evaporazione dell’acqua può essere ottenuta mediante l’utilizzo della corrente elettrica.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/sale-da-cucina.html

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/sale.html

Salva

Precedente Mandarini cinesi caramellati – Anna P. Successivo Lo zucchero