Peperoni e pomodorini gratinati, una ricetta semplicissima e vegetariana per gustare un contorno semplicissimo! Mi sono piaciuti tantissimo, sono veramente saporiti e piuttosto leggeri, utilizzando i peperoni tondi, rimangono più digeribili! Non avevo a disposizione il pangrattato, perciò ho utilizzato la farina di semola rimacinata, un risultato sorprendente! I peperoni e pomodorini gratinati, oltre ad essere croccanti, hanno creato anche una salsina saporitissima e gustosa!  Veramente eccellenti! Si possono utilizzare anche i peperoni friggitelli, ma anche con i peperoni tondi il contorno diventa speciale! Ecco come preparare questa semplicissima ricetta, peperoni e pomodorini gratinati 🙂

peperoni e pomodorini gratinati

Peperoni e pomodorini gratinati

INGREDIENTI (per 3 persone):

  • 4 peperoni tondi piccoli
  • 150 gr di pomodorini ciliegino
  • 100 gr tra pecorino e parmigiano grattugiato
  • sale
  • pepe nero macinato
  • due cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • due cucchiai di farina di semola rimacinata

PROCEDIMENTO:

Laviamo i peperoni ed i pomodorini ciliegino.. Con un coltello affilato, pratichiamo un’incisione sul picciolo dei peperoni ed eliminiamo il torsolo e tutti i semini ed i filamenti interni. Tagliamo i pomodorini ciliegino a metà. Tagliamo i peperoni a metà e poi a striscioline. In una pirofila molto capiente, disponiamo i pomodorini ciliegino a metà e le striscioline di peperoni, aggiungiamo il pecorino ed il parmigiano grattugiato, il sale, il pepe nero macinato, la farina di semola rimacinata e l’olio extravergine d’oliva. Con le mani mescoliamo molto molto bene il tutto, fino a che ogni singolo pezzo di verdura non sarà ricoperto di gratinatura. Accendiamo il forno a 200° e, quando sarà ben caldo, inforniamo i nostri peperoni e pomodorini gratinati per circa 40 minuti a metà altezza. Appena saranno cotti e ben gratinati e dorati, estraiamoli dal forno e serviamo subito ben caldi. Sono ottimi anche a temperatura ambiente.

Si conservano in frigorifero in un contenitore ermetico per circa due giorni. Prima di servire scaldare.

SEGUI SABRY IN CUCINA

SU FACEBOOK

SU GOOGLE +

SU PINTEREST

SU TWITTER

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.