Risolatte home-made con cacao amaro in polvere (cannella o confettura)

Ciao a tutti,

ieri, per merenda, ho preparato (ed assaggiato per la prima volta!) il risolatte: era da tempo che avevo intenzione di provarlo. Lo replicherò senz’altro perché mi é piaciuto molto.

In una pentola ho scaldato il latte aromatizzato (con lo zucchero semolato bianco, l’aroma di vaniglia e l’aroma di limone).

Quando il latte ha cominciato a bollire, ho versato il riso (crudo) e, di tanto in tanto, ho mescolato con un cucchiaio di legno, durante tutto il tempo di cottura (circa 30 minuti).

Quando il riso ha assorbito tutto (o quasi) il latte, ho spento il fuoco ed ho travasato il risolatte in una ciotola.

Ho spolverizzato la superficie del risolatte di cacao amaro in polvere (o con la cannella) e l’ho mangiato a cucchiainate!

Infine, ho travasato in un’altra ciotola Il risolatte avanzato e l’ho lasciato raffreddare a temperatura ambiente. Dopodiché, l’ho conservato in frigorifero nell’attesa di consumarlo questa mattina (con la confettura ai frutti di bosco e zenzero). Io ho voluto gustarmelo caldo (ma lo si può mangiare addirittura freddo, non solo tiepido o appena cotto!), quindi ho semplicemente versato un po’ di latte scaldato sul risolatte, ho mescolato e, prima di addentarlo, ho aggiunto in cima ad esso una cucchiaiata di confettura ai frutti di bosco e zenzero.

Ho letto che il risolatte si può conservare in frigorifero per due giorni in un contenitore coperto da pellicola da cucina. Mentre, é sconsigliata la congelazione.

 

Precedente Quinoa porridge caldo con confettura ai frutti di bosco e zenzero home-made Successivo Piadina "Mustà" home-made