Tartare di salmone

Tartare di salmone

La tartare di salmone è un piatto che io ADORO. L’ho mangiata per la prima volta al ristorante giapponese e da lì è stato veramente AMORE. lo trovo un piatto molto chic e da fare è facilissimissima! Può essere servita come antipasto o come secondo piatto, in ogni caso resta un piatto da leccarsi i baffi! Io la trovo uno dei modi migliori per gustare il salmone, che a volte da cotto risulta un po’ nauseante, mentre invece crudo è saporito e delicato al tempo stesso… proprio lo adoro questo pesce!

Tartare di salmoneIngredienti

Salmone fresco

Sesamo
Succo di limone
Salsa di soia
  • Per prima cosa pulite il salmone fresco. Se avete il trancio, dovrete avere la cura di togliere tutte le spine e la pelle, Se invece avete comprato il filetto, dovrete togliere solo la pelle.
  • Tagliatelo a pezzetti piccoli e regolari.
  • Conditelo con la salsa di soia, poco succo di limone e il sesamo.
  • Non mettete il sale perché la salsa di soia è già salata.

Per quanto riguarda il fatto di mangiare salmone crudo, è consigliato acquistare il pesce già abbattuto dal vostro pescivendolo di fiducia o nei market forniti. Io, per la prima volta nella mia vita, ho usato il salmone che avevo in freezer da due settimane e non mi è successo niente di male. Ho letto che bastano alcuni giorni in freezer per evitare il rischio dell’anisakis, vedete voi cosa preferite fare! Ho letto molte ricette di persone che lo hanno mangiato crudo dopo 3-4 giorni in freezer, quindi non credo che si corrano particolari rischi però sta a voi decidere!

Ti piacciono le mie ricette? Allora Seguimi su Facebook per rimanere sempre aggiornato!

Hai Pinterest? Allora segui la mia bacheca!

firmablog2

Ti potrebbe interessare anche...

Precedente Rigatoni con verza e pancetta Successivo Ravioli di carne al sugo fatti in casa