Crea sito
2

Brioche col tuppo

Print Friendly, PDF & Email

 

Le Brioche col tuppo sono un classico della pasticceria Siciliana. Dalla forma inconfondibile, vengono accompagnate da granita o gelato. Grazie alla ricetta di “Sweet Magic” ho potuto scoprire la bontà delle Brioche col tuppo

La ricetta non è  impegnativa e il risulato è spettacolare. Le Brioche col tuppo sono molto soffici, e restano morbide anche dopo qualche giorno . In famiglia le abbiamo gustate farcite con cioccolato, una goduria pazzesca 🙂

 Brioche col tuppo - wings of sugar blogBrioche col tuppo

Ingredienti:

  • 250g di farina 0
  • 250g di farina 00
  • 75g di zucchero
  • 75g di margarina
  • 10g di sale
  • 8g di lievito di birra fresco
  • 170ml di latte
  • 1 cucchiaino di miele
  • 2 uova
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 tuorlo per spennellare

Procedimento:

  1. la sera
  2. in una ciotola grande, impastate le farine con il miele e il lievito sciolto in un pò di latte , e la vanillina
  3. aggiungete sempre impastando un uovo alla volta
  4. sciogliete lo zucchero nel latte e unitelo all’impasto, poi in ordine il sale e la margarina
  5. (se usate la planetaria l’impasto deve staccarsi dalle pareti della ciotola, a mano invece dovete impastare una decina di minuti)
  6. mettete l’impasto ottenuto in una ciotola unta, coprite con un foglio di pellicola e lasciate lievitare tutta la notte
  7. al mattino
  8. prendete la pasta, formate 10 palle da 100g ciascuna che saranno le brioche e 10 palline da 10g che ssaranno i tuppi
  9. lavorate ogni palla tirando i lati verso il basso, formando una cupoletta, pigiate con un dito al centro della superfice e posizionateci sopra la pallina piccola
  10. disponte le brioche su carta forno a lieviate ancora, circa due ore, ma dipende dalla temperatura del posto in cui le metterete a lievitare, potrebbe volerci anche meno tempo
  11. spennellate le brioche col tuppo con il tuorlo sciolto con un goccio di latte e infornate a 180° per 20 minuti circa

Cliccate sulle immagini per ingrandirle

  • Pentoladoro
    2 Marzo 2015 at 18:33

    Che meraviglia, da buona siciliana non posso che provare a farle!

  • Martolina
    29 Aprile 2015 at 18:50

    Che spettacolo di ricettaaaaaa