Crea sito

Laurino liquore di alloro – Digestivo

Oggi, grazie come sempre alla mia P. F. I. (Personal Food Influencer) Chiara Vitali che mi ha fatto scoprire questa meravigliosa ricetta, vi faccio vedere come si fa Laurino liquore di alloro, un digestivo naturale che come dice Chiara “ve fa digerì anche il pranzo di Natale del prossimo anno!” 😛 Volete sapere come si fa? Seguitemi in cucina…

Volete ricevere ogni giorno sfiziose ricette facili e veloci in maniera totalmente GRATUITA? Iscrivetevi al mio canale Messenger. Come? Semplice:
Andate qui https://m.me/latatipasticciona e cliccate su INIZIA.

laurino liquore di alloro 700 X 875
  • DifficoltàMolto facile
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo30 Giorni
  • PorzioniPer circa 7.5 litri di liquore
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 3 lAlcol puro (90 gradi)
  • 4.5 lAcqua
  • 1 kgZucchero
  • 40 foglieAlloro (fresche (non secche))

Preparazione

  1. Lavate e asciugate le foglie di alloro.

  2. Mettetele in un contenitore a chiusura ermetica e ricopritele interamente con l’alcol.

  3. Mescolate con un mestolo di legno e chiudete accuratamente il contenitore.

  4. Posizionatelo in un luogo fresco e asciutto, meglio se al buio, e lasciate macerare per un mese.

  5. Una volta alla settimana scuotete il contenitore e rimettetelo a riposare.

  6. Trascorsi i 30 giorni, preparate lo sciroppo.

  7. Mettete l’acqua a scaldare (senza farla bollire) e scioglieteci lo zucchero.

  8. Lasciate raffreddare e nel frattempo filtrate l’alcol con l’aiuto di una garza, per eliminare eventuali impurità.

  9. Quando lo sciroppo sarà completamente freddo, mescolatelo all’alcol filtrato.

  10. Imbottigliate, lasciate riposare un mese e cin cin con il vostro Laurino liquore di alloro.

Il consiglio de la Tati pasticciona

Ovviamente è possibile realizzare anche meno quantità, basta diminuire le dosi degli ingredienti mantenedo la proporzione. Ad esempio:
1 l di alcol

1,5 l di acqua

350 gr di zucchero

20 foglie di alloro

La quantità di foglie di alloro è sufficiente a sprigionare la balsamicità del prodotto, ma è possibile aumentarne la quantità secondo i vostri gusti.

Se volete, potete mettere in infusione anche qualche bacca, oltre alle foglie. L’importante è lavarle accuratamente prima di metterle nell’alcol.

*** Se vi piacciono le mie ricette, seguitemi anche sulla mia pagina facebook “la Tati pasticciona” Grazie! ***

Come sempre, se realizzate questa o qualsiasi altra mia ricetta, vi invito a farmi avere la foto: la inserirò con grande piacere nell’album FATTI DA VOI.

Mi trovate anche su PINTEREST e INSTAGRAM.

Per tornare alla HOME, cliccate QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.