Crea sito

Microonde – Trucchi e consigli

I recipienti: contenitori sì e contenitori no
Sì a vetro, porcellana, maiolica, pirex a arcopal, in recipienti dalla forma rotonda o ovale, ovvero privi di angoli. No invece ai contenitori in alluminio, metallo e terracotta e ai servizi di porcellana e ceramica con decorazioni in metallo (piombo, argento o oro).

I contenitori: un facile test

Metti il contenitore nel forno a microonde con un bicchiere d’acqua, azionando il microonde per un minuto alla massima potenza. Se il contenitore è caldo vuol dire che ha assorbito le onde e non è quindi adatto, se invece è freddo, potrà essere tranquillamente usato perché trasparente alle onde elettromagnetiche.

Energia: il risparmio assicurato

Il microonde non richiede il preriscaldamento della cavità e i tempi di cottura sono più brevi del 50-70% rispetto a un forno tradizionale. Inoltre, mentre nel forno tradizionale, il calore generato da una sorgente esterna si disperde, nel microonde l’energia è interamente concentrata sull’alimento e non viene “sprecata” nell’ambiente circostante.

Microonde mediterranee: agrumi & erbe

Per una spremuta d’arancia o succo di limone, ecco un trucco: metti i frutti nel microonde per 15, 20 secondi alla massima potenza ed otterrai subito una maggiore quantità di succo. Per essiccare le erbe, come salvia e rosmarino, senza bisogno di conservarle nel vasetto, basta metterle nel microonde per 40 secondi alla massima potenza, preservando intatti profumi e sapori.

Microonde & Bellezza: trucchi al femminile

Per rendere ancora utilizzabile un tubo di mascara seccato da tempo, basta riscaldarlo per 30-40 secondi nel microonde, insieme ad un bicchiere d’acqua. Se il problema invece è la depilazione, per sciogliere la ceretta bastano pochi secondi all’80% della potenza senza portarla ad ebollizione.

Microonde fragranti: grissini & Co

Se grissini o cracker hanno perso la loro originaria fragranza, si possono scaldare nel microonde per pochi secondi e torneranno gustosi e friabili. Pochi secondi bastano anche per tostare bene il pan grattato, da utilizzare per dare un sapore gradevole alla panatura di pesce o spiedini.

Microonde inedite: oltre la cottura

Per sterilizzare i vasetti ad uso alimentare, basta inserirne fino a 6 con due dita d’acqua e riscaldarli da 30 secondi a 2 minuti fino all’ebollizione, quindi estrarli e gettare il liquido.

Per scaldare i piatti prima di portarli in tavola: basta spruzzarli ad uno ad uno con acqua, impilarli e scaldarli alla massima potenza per 30 secondi.

Se il sale contenuto nella saliera si è inumidito, basta metterlo su un piattino per pochi secondi nel microonde e perderà all’istante la sua umidità.

Addirittura, un team di ricercatori della facoltà di Ingegneria ecologica dell’Università della Florida assicura che passare nel microonde, al massimo della potenza, spugne e strofinacci equivale a distruggere il 99% dei batteri nocivi.

Come convertire le ricette tradizionali

Non esistono ricette della cucina tradizionale e altre specifiche per il forno a microonde. Ogni ricetta tradizionale si può realizzare con il forno a microonde in metà tempo o addirittura con un terzo del tempo, preservando le proprietà nutritive e senza bisogno di aggiungere condimenti.

Questa tabella fornisce alcuni esempi dei tempi di cottura delle ricette più familiari con il forno tradizionale e con il forno a microonde:

RICETTA COTTURA TRADIZIONALE COTTURA A MICROONDE

Quiche di verdure – Torta salata (45 minuti) 13 minuti – Funzione Crisp

Pizza/Focaccia (25 minuti) 12 minuti – Funzione Crisp

Polenta (1 ora) 15 minuti – Microonde

Arrosto (1 kg- 1 ora) 25 minuti – Funzione Crisp

Pesce al sale (1 kg- 40 minuti) 15 minuti – Funzione Crisp

Orata al cartoccio (8 hg- 35 minuti) 12 minuti – Microonde

Melanzane alla parmigiana (50 minuti) 20 minuti – Microonde

(http://www.whirlpool.it/)

[banner size=”468X60″]

5 Risposte a “Microonde – Trucchi e consigli”

  1. anche io m diletto col microonde e devo dire che cmq devi trovare le ricette adatte…niente da togliere pero al microonde…

    1. A me piace molto come elettrodomestico e lo uso parecchio, è chiaro che ci vuole molta attenzione soprattutto per i tempi di cottura ridotti e in questo caso avere le ricette giuste è fondamentale! Grazie per la visita, a presto

  2. grazie mille bella idea davvero e molto utile per chi come ma ha il microonde ma non lo sa usare un gran chè se non per riscaldare qualche piatto freddo!! ora mi stampo la pagina come promemoria!! 🙂

I commenti sono chiusi.