Crea sito

Pane ai semi | Ricetta con licoli

pane ai semiPane ai semi | Ricetta con licoli

Il fine settimana di solito riattivo il mio licoli e ne approfitto per preparare il pane per la settimana e la pizza. Oggi vi propongo il pane ai semi, semplicissimo da realizzare e ottima fonte di elementi nutritivi.

Per chi non avesse il licoli può preparare una sorta di poolish – pre impasto – biga liquida partendo da pochissimi gr di lievito di birra, 100 gr di farina e 50 gr di acqua. Impastate il tutto e fate lievitare fino al raddoppio. Fatto questo usatelo come se fossero 150 gr di licoli rinfrescato 😉

Per una pagnotta da circa 1 kg:

  • 150 gr di licoli rinfrescato
  • 300 gr di acqua
  • 300 gr di farina 0
  • 300 gr di farina di grano duro
  • 1 cucchiaino di malto (o miele o zucchero)
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di semi di sesamo
  • 1 cucchiaino di semi di sesamo nero
  • 1 cucchiano di semi di lino
  • 1 cucchiaino di semi di papavero
  • (se preferite aggiungete altri tipi di semi a piacere 😉 )

A livello di tempistica, in genere, mi organizzo così: il pomeriggio prima faccio il primo rinfresco del licoli e la sera faccio il secondo, lascio lievitare tutta la notte, in mattinata impasto e la sera inforno.

Sciogliete il lievito con l’acqua e il malto.

Aggiungete poca farina alla volta e il sale.

Impastate fino ad ottenere un composto omogeneo e non appiccicoso, deve staccarsi con facilità dalla ciotola ma non deve essere duro.

Aggiungete i vari semi e amalgamateli all’impasto.

Fate lievitare nella ciotola per circa 3-4 ore.

Riprendete l’impasto e fate delle pieghe per rinforzarlo, ottenere un’alveolatura più uniforme e quindi una mollica meno compatta.

Adagiate un telo da cucina pulito e infarinato sulla ciotola e rimettete dentro l’impasto.

Fate lievitare almeno 5-6 ore.

Scaldate il forno alla massima temperatura.

Capovolgete la ciotola su una teglia, fate dei tagli sulla superficie del pane e infornate.

Nel forno, nel momento in cui inserite la teglia, potete non aggiungere nulla oppure aggiungere dei cubetti di ghiaccio, un pentolino con acqua nel fondo o spruzzare dell’acqua sulle parete in modo che si crei umidità. Tutto dipende dal forno e dal tipo di crosta che si vuole ottenere… solo sperimentando si trova la tecnica ideale 😉

Fate cuocere a 220° per circa 15 minuti (io ho il forno a gas quindi faccio cuocere a media altezza) e poi abbassate a 180° per altri 45 minuti circa. Gli ultimi 10 minuti fate cuocere con lo sportello leggermente aperto in modo che possa uscire l’umidità in eccesso.

Che il pane è cotto lo si vede visivamente ma anche “bussando” sul fondo, deve fare un bel suono “vuoto”, difficile da spiegare a parole ma anche quello si riconosce dopo un pò di tentativi 😉

Una volta cotto sfornatelo e fatelo raffreddare su una gratella in modo che fuoriesca tutta l’umidità in eccesso nella mollica e la crosta resti più croccante.

Se avete eseguito bene la ricetta nel momento in cui si sta raffreddando sentirete dei piacevoli scricchiolii della crosta 😉

Per leggere l’elenco completo delle mie ricette clicca qui

Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On PinterestVisit Us On TwitterCheck Our Feed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.