Diario della Pasta Madre

La pasta madre o lievito madre, la sua creazione e crescita.

Mi sono imbattuta in questo essere alcuni mesi fa ed è stato amore a prima vista, ma come non poteva essere se io amo mangiare i lievitati salati. Pane & pizza sono per me un godimento sensoriale e allora mi sono decisa ad iniziare l’avventura della sua genesi.

Ma come nasce la Pasta Madre?

Nasce da elementi semplici, acqua e farina e un’ingrediente catalizzatore che scatena la reazione della sua fermentazione, il miele (oppure frutta).
Non sono una maestra, anzi sono sempre pronta ad imparare e devo dire solo grazie a Nunzia del blog Miele di Lavanda, che mi aiuta sempre nei miei momenti di dubbio e che sarò sempre debitrice, ho deciso di creare una seconda PM passo passo con voi.
Di seguito andrò a descrivere il diario della nascita e crescita della mia PM Mimì ( e si… un nome alla creatura si doveva dare!)
Mimì è la mia seconda PM, la prima ha avuto un incidente di percorso purtroppo, è un’essere che ha bisogno di cure e amore e lei ti saprà ripagare tantissimo.
Troppo melensa? Chi possiede la PM lo sa e può capire, se invece la cosa ti incuriosisce , di seguito descriverò come procedere.
Per prima cosa dobbiamo procurarci un bel barattolo, diciamo che da 1 litro per iniziare va bene.

GIORNO 1: la creazione
Domenica 30/03/2014

Prendiamo  farina 00, controlliamo le proteine nella confezione e se ne troviamo che possiede almeno 12 g questa è ottima poiché è una farina forte, ancora meglio se nella confezione ci sono scritti i W (indicano proprio la forza della farina)
Attualmente nei supermercati c’è quella della Garofalo (non ci sono fini commerciali) e nella confezione trovi scritto sopra la sua forza: GUARDA QUI

Dopo la premessa ecco gli ingredienti:

200 g di farina 00
100 g di acqua
1 cucchiaino di miele (meglio bio)

la pasta madre 1
Gli ingredienti

In una ciotola mettiamo la farina, il miele e l’acqua tiepida (se è freddo, mentre in estate va bene a temperatura ambiente), con una forchetta diamo una mescolata sommaria, poi prendiamo l’impasto e lo lavoriamo con le mani per un poco, formando infine una palla e incidendo a croce la superficie.

2 pasta madre
Trasferiamo la neo pasta madre in un barattolo di vetro (sterilizzato precedentemente) possibilmente alto e stretto e copriamo la bocca di questo con un fazzolettino di cotone o lino, oppure con della pellicola da cucina che bucherelleremo.
Spostiamo il barattolo in un luogo lontano da correnti d’aria e lasciamo riposare per 48 ore.
Possiamo segnare con un elastico dove arriva la pasta madre per vedere il suoi progressi, ma se non vediamo movimenti così eclatanti non disperiamo, la pasta madre è ancora giovane.
Io gli ho dato un nome, si chiama MIMI’ e poi come la chiamerete???
Ci vediamo tra 2 giorni alla stessa ora.

Lunedì 31/03/2014

La pasta madre sta riposando, dalla palla che era si è afflosciata prendendo la forma del barattolo.
Nella superficie si è creata una crosticina e sono visibili delle bollicine minuscole.
Lasciamola riposare fino a domani.

Martedi 01/04/14

Procediamo con il primo rinfresco! (clicca sull’immagine per le istruzioni)

pasta madre 3

Mercoledì 02/04/2014

La nostra pasta madre riposa, ma guardate che sorpresa dopo neanche 24 ore dal rinfresco? La nostra PM mostra com’è bella e arzilla  😀

7

Giovedì 03/04/2014

Siamo arrivati al quinto giorno, la nostra PM è cresciuta e pronta per un nuovo rinfresco.
Seguite il procedimento cliccando sull’immagine
pasta madre 8

Venerdì 04/04/2014

Oggi la mia PM riposa…. shhhh!
Comunque oggi è cresciuta poco, probabilmente ha risentito dell’abbassamento di temperatura.
A domani per il prossimo rinfresco

Sabato 05/04/2014 rinfresco

Eccoci con il nuovo rinfresco, da oggi per altri 7 giorni rinfrescheremo tutti i giorni per rinforzare la pasta madre.
Clicca l’immagine per leggere il procedimento

9 pasta madre

 

Domenica 06/04/2014 rinfresco #1
Rinfreschiamo la pasta madre 200 g pm + 100 g di acqua + 200 g di farina 00
Ci rileggiamo tra 24 ore

Lunedì 07/04/2014 rinfresco #2
Rinfreschiamo la pasta madre 200 g pm + 100 g di acqua + 200 g di farina 00
A domani alla stessa ora

Martedì 08/04/2014 rinfresco #3
Rinfreschiamo la pasta madre 200 g pm + 100 g di acqua + 200 g di farina 00

Mercoledì 09/04/2014 rinfresco #4
Rinfreschiamo la pasta madre 200 g pm + 100 g di acqua + 200 g di farina 00
A domani.

Giovedì 10/04/2014 rinfresco #5
Rinfreschiamo la pasta madre 200 g pm + 100 g di acqua + 200 g di farina 00

Venerdì 11/04/2014 rinfresco #6
Rinfreschiamo la pasta madre 200 g pm + 100 g di acqua + 200 g di farina 00
Domani l’ultimo rinfresco prima di riporre in frigorifero la nostra pasta madre

Sabato 12/04/2014
Diario della pasta madre, siamo giunti alla fine della prima parte di questa avventura, ora inizia il bello!
Per il procedimento cliccate sulla foto.
10
Perfetto, siamo giunti alla conclusione del procedimento della nascita della pasta madre, ora non resta che pazientare alcuni giorni, ripetere qualche rinfresco e attendere che si fortifichi la nostra creatura poi possiamo iniziare a panificare.

Continua a seguirmi su Facebook
o
nella pagina di Google+

LE MIE PRODUZIONI CON PASTA MADRE

 

10 commenti su “Diario della Pasta Madre

  1. rina di mambro il said:

    carissima ….riguardo il lievito madre oggi pomeriggio farò il secondo rinfresco….sono al quinto giorno ……ti prego non mi abbandonare xchè da domani non so che fare…

  2. Sonia il said:

    Carissima,
    mi cimento per la prima volta in questa avventura utilizzando il tuo bellissimo diario. non potevo chiedere di meglio! per i neofiti un programma passo passo è l’ideale.
    Solo un chiarimento: quando finalmente sarò alla fine e potrò iniziare la panificazione, ho letto che si deve usare una parte della pasta madre prodotta (come lievito) e mantenere l’altra rinfrescandola regolarmente fino al successivo utilizzo. ma in quale percentuale o peso devo usarla se devo fare 500 gr di pasta per pizza per esempio? Il mio dramma principale è che no riesco mai ad ottenere un buon impasto che in cottura risulti soffice e leggero, quindi volevo fare il tentativo con pasta madre ma non ho idea di come procedere quando viene il momento di impastare per preparare la pizza (o gnocco, crescente, qualsiasi prodotto da forno lievitato insomma…).
    Grazie per l’aiuto!

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.