Gyoza (ravioli alla griglia)

I Gyoza sono i ravioli alla griglia giapponesi, possono essere ripieni di carne, di pesce o vegetariani. Noi prepareremo la ricetta classica ripiena di carne di maiale e cavolo cappuccio. L’origine dei Gyoza è cinese, i loro parenti stretti sono i Jiaozi cinesi, si accompagnano molto spesso al ramen che è anch’esso un piatto di origine cinese. Vediamo qui come preparare i nostri meravigliosi ravioli alla griglia.

Guarda qui la video ricetta
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaGiapponese

Ingredienti

Per il ripieno

250 g carne macinata di maiale
350 g cavolo cappuccio (morbido)
70 g cipollotti freschi
5 g sale
50 ml acqua
1 cucchiaio sake
1 cucchiaio salsa di soia
1 cucchiaino zucchero di canna (o bianco)
1/2 cucchiaino brodo di pollo (granulare)
1 cucchiaino aglio (tritato)
1 cucchiaino zenzero (tritato)
1 cucchiaino olio di sesamo
Qualche sale
Qualche pepe
40 dischetti di pasta (pasta per gyoza congelata)
2 cucchiaini olio di riso (o di semi)
2 cucchiaini olio di sesamo

Per la salsa

1 cucchiaino salsa di soia
1 cucchiaino aceto (o succo di limone)
1/2 cucchiaino Rayu (olio piccante)

Strumenti

1 Coltello
1 Tagliere
1 Padella
1

Passaggi

Iniziamo a preparare la farcitura per i nostri meravigliosi Gyoza.

Tritiamo molto molto finemente il cavolo cappuccio

Lo mettiamo su una ciotola e versiamo un cucchiaino di sale

gyoza

Lo massaggiamo molto energicamente per qualche minuto e facciamo uscire la sua acqua

Strizziamo il cavolo, scoliamo l’acqua e lo mettiamo da parte su una ciotolina

Adesso tritiamo in maniera altrettanto fine i cipollotti e li mettiamo da parte

Tritiamo allo stesso modo anche l’aglio e lo zenzero

In una ciotola capiente mettiamo la nostra carne macinata di coppa di suino, un pizzico di sale, un cucchiaino di zucchero, un cucchiaino di brodo granulare di pollo, un cucchiaio di salsa di soia, un cucchiaio di sake, un po’ di pepe bianco, un cucchiaio di olio di sesamo. Iniziamo a mescolare, mescolando con la mano il calore di questa scioglie un po’ il grasso della carne, aggiungo un cucchiaio di acqua e continuo a mescolare per bene tutti gli ingredienti.

Quando la carne si è ammorbidita e gli ingredienti si sono amalgamati per bene aggiungo il cavolo cappuccio e continuo a mescolare

prepariamo il ripieno per i gyoza

Dopodichè aggiungo l’aglio, i cipollotti e lo zenzero e continuo ancora.

Stediamo il nostro ripieno per i ravioli su una teglia e iniziamo a formare nostri gyoza

Prendiamo un dischetto di pasta e lo appoggiamo sul palmo della mano poi prendiamo circa un cucchiaino abbondante di ripieno e lo mettiamo al centro del dischetto di pasta, bagnamo con i polpastrelli i lembi esterni della sfoglia per farla aderire e pieghiamo a mezzaluna il nostro raviolo.

Iniziamo a pizzicare la nostra sfoglia per sigillarla ed ecco fatto.

prepariamo i gyoza

Su una padella mettiamo 2 cucchiaini di olio di riso, stendiamo per bene tutti i nostri gyoza e accendiamo il fuoco medio alto.

ravioli alla griglia

Quando i gyoza iniziano a rosolare aggiungiamo un dito di acqua calda in modo da ricoprirli per un terzo della superficie e chiudiamo la pentola con il coperchio e cuciniamo per 4 o 5 minuti.

Gyoza

Adesso apriamo in coperchio, quando l’acqua è quasi del tutto evaporata aggiungiamo 2 cucchiaini di olio di sesamo

Gyoza

Controlliamo che la superficie dei gyoza aderente alla padella sia bella dorata e croccante e spegniamo il fuoco. Appoggiamo un piatto da portata sopra i nostri ravioli e li capovolgiamo sul piatto ruotando la padella.

I nostri ravioli alla griglia sono pronti per essere gustati. Al centro del piatto ho messo anche dei germogli di soia bolliti. I gyoza vanno mangiati assieme ad una salsina fatta con salsa di soia, aceto e rayu (olio piccante)

Gyoza

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da gioia in cucina

Sono una giapponese che vive in Italia da molti anni, ho creato il mio canale youtube e questo blog per farvi conoscere e scoprire i piatti della tradizione culinaria del mio paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »