Patate ripiene

Le patate ripiene sono un piatto unico che soddisfa i gusti di tutta la famiglia! Avete nel frigo Philadelphia (o ricotta), prosciutto cotto, un po’ si parmigiano grattugiato e non sapete che farne? Eccovi la mia proposta: le patate ripiene! Sono la tipica ricetta svuotafrigo, un piatto che si prepara velocemente e sono molto personalizzabili, nel senso che potete variare le dosi in base al vostro gusto personale! Questa è la ricetta che ho provato io delle patate ripiene, poi date libero sfogo alla fantasia! Perciò, passiamo alla ricetta e alla preparazione delle patate ripiene!

Patate ripiene

Patate ripiene

  • 4 patate grandi

per il ripieno:

  • 1 uovo
  • 100 g Philadelphia
  • 60 g di parmigiano
  • 50 g di prosciutto cotto
  • 50 g di provola
  • 80 g di burro
  • sale, pepe

Per preparare le patate ripiene lavate e asciugate le patate (senza sbucciarle) e cuocetele al cartoccio avvolgendole nella carta stagnola e mettendole in una pirofila in forno ventilato 200° finchè non saranno morbide (provate con una forchetta, le mi ci hanno messo circa 1 ora). Cercate di scegliere tutte le patate della stessa dimensione (circa 300 g l’una).

Toglietele dal forno, lasciatele raffreddare per poco, poi aprite la carta stagnola e tagliatele poco più su della metà, prendete un cucchiaino e scavatele, conservando la patata che poi useremo come guscio e l’interno che ci servirà per riempire le patate. (i coperchi potete utilizzarli per fare un’insalata di patate).

Prendete una ciotola e mettete l’interno delle patate, la Philadelphia, l’uovo, sale e pepe, il parmigiano e mescolate.

Prendete le patate scavate, mettete sul fondo un po’ di sale, qualche cubetto di provola, un po’ di prosciutto e coprite con questo composto appena preparato e poggiate con la loro carta stagnola sulla teglia del forno. Cuocete in forno statico a 200°C per 20 minuti. Buon Appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.