Crescia di Pasqua, anche nota come pizza di Pasqua

La crescia di Pasqua, conosciuta anche come pizza di Pasqua, è una preparazione lievitata, che si presenta in varie forme, tipica del centro Italia, ma conosciuta un po’ ovunque. Sicuramente anche voi ne avete sentito parlare: è un soffice impasto a base di tanti tipi di formaggio, che si consuma nel periodo pasquale, nello specifico si usa fare colazione con la crescia proprio la mattina di Pasqua, con formaggi, salumi e uova sode. Devo dire che me ne sono innamorata: a parte la facilità di preparazione, adoro il suo gusto formaggioso. E’ una ricetta tradizionale, ed ho provato a prepararla seguendo le indicazioni di Sara Papa, ricetta sul numero attuale di “Cucina Moderna”, anche se ho modificato qualcosina.

Crescia di Pasqua, anche nota come pizza di Pasqua

Crescia di Pasqua, anche nota come pizza di Pasqua

Ingredienti per uno stampo da 22 cm di diametro, alto 18 cm (tipo panettone da 1 kg):

  • 18 g lievito di birra in cubetto
  • mezzo cucchiaino di zucchero
  • 485 g farina 0
  • 227 g latte parzialmente scremato
  • 3 uova piccole
  • 50 g burro
  • 80 g pecorino romano stagionato grattugiato
  • 100 g parmigiano grattugiato
  • 130 g emmenthal a cubetti
  • 8 g sale
  • 3 g pepe nero
  •  burro e farina per lo stampo

Per preparare la crescia di Pasqua, intiepidite il latte e sciogliete al suo interno il lievito e lo zucchero e fate riposare per 10 minuti.

In una ciotola, mescolate insieme la farina, il grana e il pecorino, unite il latte col lievito disciolto e amalgamate il tutto. Unite anche il sale e il pepe nero, le uova leggermente sbattute e, in ultimo, il burro sciolto. Lavorate l’impasto su di una spianatoia per 10 minuti, fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Fate lievitare per circa 2 ore (fino al raddoppio del volume) in luogo caldo. Al termine, incorporate all’impasto l’emmenthal a cubetti senza lavorare eccessivamente la crescia per non rovinare la lievitazione.

Imburrate e infarinate lo stampo, mettete al suo interno l’impasto e fate lievitare finchè non raggiunge il bordo. Riscaldate il forno a 170°C, funzione statica, e cuocete indicativamente per 45-50 minuti, fino a completa doratura.

Fate raffreddare su una gratella e consumate accompagnando con salumi, uova sode, formaggi etc.

Buon appetito!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook FORNO E FORNELLI per restare sempre aggiornato su novità e quant’altro.

Vuoi ricevere comodamente le tutte le ricette sulla tua posta elettronica? Iscriviti alla NEWSLETTER DI FORNO E FORNELLI, è gratuita! Clicca e procedi: vai al form di iscrizione.

Precedente Crostata salata fredda con base morbida Successivo Cheesecake salata senza colla di pesce

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.