Tortino di Sgombro a beccafico con cuore di cipolla in agrodolce su crema di patate allo zafferano

INGREDIENTI Per due persone 

250 GR POLPA DI SGOMBRI FRESCHI

100 GR MANDORLE SGUSCIATE E PELATE

1 ARANCIA BIOLOGICA (Scorza)

1 LIMONE BIOLOGICO 

30 ML TUORLO D’UOVO ( 1tuorlo)

2 PRESE FINOCCHIETTO SELVATICO

2 PRESE PREZZEMOLO TRITATO

10 GR PINOLI

10 GR UVA PASSA

30 GR PANGRATTATO

2 CIPOLLE BIANCHE

1 CUCCHIAINO DI ACETO

1 CUCCHIAINO DI ZUCCHERO 

OLIO Q.B.

SALE Q.B.

PEPE Q.B.

PER LA CREMA DI PATATE 

150 GR PATATE 

1 PIZZICO DI ZAFFERANO IN POLVERE 

1 GIRO OLIO EVO 

SALE Q.B.

PROCEDIMENTO 

Iniziate preparando il ripieno di cipolla. 

Tagliate finemente la cipolla a julienne fatela appassire in padella con un filo d’olio evo a fuoco lento (20/25 minuti) a cottura ultimata aggiungete lo zucchero e l’aceto.

Ottenete la polpa di sgombro battendo al coltello i filetti ricavati, lavoratela  in un contenitore insieme gli altri ingredienti in ricetta pan grattato, pinoli, uva passa, prezzemolo, finocchietto, scorza di limone e arancio grattugiata sino ad ottenere un impasto morbido simile a quello per fare le polpette aggiustate di sale e pepe. 

Per realizzare il tortino introducete parte dell’impasto in un piccolo coppa pasta rotondo aggiungete un cucchiaino di cipolla e coprite con altro impasto facendo si che la cipolla si trovi all’interno del tortino proprio al cuore, compattate togliete dal coppa pasta e panate delicatamente con le mandorle precedentemente tritate. 

Cuocete in forno statico a 190’ per 8/10 minuti sino a doratura delle mandorle. 

PER LA CREMA DI PATATE 

Bollite le patate, una volta cotte inseritele in un frullatore ad immersione aggiungete l’olio il sale e per ultimo lo zafferano sino ad ottenere una crema liscia e omogenea.

Servite i vostri tortini adagiandoli negli appositi contenitori finger su uno strato di crema di patate . 

Buon appetito 

TAVULA MISA E PANI MINUZZATU

Precedente La Scala dei turchi al Palacongressi di Agrigento Successivo Mandorlara: Finale “Il piatto dell’eccellenza” Primo classificato il Ristorante Villa Maijsa con lo Chef Giuseppe Moscato