Crumble di mele | Ricetta dolce inglese

Il crumble di mele, o “apple crumble”, è un dolce al cucchiaio tipico inglese.

La ricetta è molto semplice e prevede la cottura in forno delle mele, tagliate a pezzetti e saltate con la cannella, ricoperte da una copertura “briciolosa”, da cui deriva il nome del dolce.


INGREDIENTI
– 1 kg di mele (tipo Golden)
– succo di 1/2 limone
– 70 g di zucchero
– 20 g di burro
– 1 cucchiaino di cannella in polvere

per il crumble:
– 180 g di farina 00
– 120 g di burro
– 100 g di zucchero
– 1 baccello di vaniglia (o aroma di vaniglia)

Nota: Per la realizzazione del crumble, la versione originale utilizza lo zucchero di canna. Dopo aver provato sia con questo sia con lo zucchero bianco, preferisco quest’ultimo. A voi la scelta!

PREPARAZIONE
1) Pulite le mele, sbucciatele e tagliatele a pezzetti. Aggiungete il succo di mezzo limone.
2) Fate sciogliere il burro in una padella e aggiungete le mele a pezzetti, lo zucchero e la cannella in polvere. Fate saltare per circa 1-2 minuti.
3) Per realizzare il crumble, lavorate con le dita tutti gli ingredienti all’interno di una ciotola capiente, fino ad ottenere un composto bricioloso.
4) Imburrate una teglia (io ho utilizzato una teglia rettangolare) e versateci le mele. Coprite con il crumble.
5) Infornate a 180°C per 30-35 minuti, fino ad ottenere una copertura croccante.

L’ideale sarebbe servire il crumble di mele ben caldo, accompagnandolo a piacere da crema inglese o gelato alla vaniglia.

Torta tenerina – Ricetta ferrarese

La torta tenerina è un dolce a base di cioccolato fondente, tipico della città di Ferrara.

La caratteristica che la contraddistingue è la formazione di una crosticina in superficie, in contrapposizione all’interno che resta morbido. Per via di questa sua consistenza peculiare, in dialetto ferrarese veniva chiamata anche “Torta Taclenta”, ossia appiccicosa.

INGREDIENTI
– 200 g di cioccolato fondente
– 100 g di burro
– 140 g di zucchero
– 4 uova
– 50 g di farina

PREPARAZIONE
1) Tritare grossolanamente il cioccolato e scioglierlo a bagnomaria. Lasciare intiepidire leggermente (non deve superare i 32°C) ed unire il burro. Mescolare.
2) Montare gli albumi con metà dello zucchero.
3) In una ciotola capiente montare i tuorli con la restante metà dello zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Continuando a montare, versare il cioccolato a filo, che nel frattempo si sarà intiepidito.
4) Aggiungere delicatamente gli albumi montati, mescolando dall’alto verso il basso.
5) Aggiungere delicatamente anche la farina setacciata.
6) Imburrare e infarinare uno stampo, versare il composto e cuocere a 180°C per 30-35 minuti in forno statico.
7) Lasciare intiepidire e cospargere, a piacere, con zucchero a velo.

Pulire e cuocere il cavolfiore

Il cavolfiore è una verdura tipicamente invernale, caratterizzata da una testa (infiorescenza) composta da cimette (peduncoli fiorali) ingrossate e compattate tra di loro.
Esistono numerose varietà di cavolfiore, che presentano una colorazione che varia dal bianco candido, al bianco crema, ma anche al viola, a seconda della specie.

Come scegliere un cavolfiore:
Il cavolfiore deve essere sodo, compatto e privo di germogli verdi tra le infiorescenze. Deve essere inoltre privo di macchie e le foglie devono apparire resistenti e spezzarsi se piegate.

Come pulire e cuocere un cavolfiore:
Per pulire il cavolfiore bisogna eliminare la base e le foglie. A questo punto si può scegliere se cuocere la testa intera oppure dividerlo in cimette, staccandole delicatamente le une dalle altre. In entrambi i casi bisogna pulirlo bene sotto l’acqua in modo da eliminare eventuali residui di terra.

  • Testa intera
    Se decidete di cuocere la testa intera, quando pulite il cavolfiore, ricordatevi di incidere la base a forma di croce.
    Lessate la testa del cavolfiore in abbondante acqua salata. Naturalmente richiederà un maggior tempo di cottura, almeno 45 minuti. Per verificarne la cottura è sufficiente infilzare il cavolfiore con una forchetta: se cotto, la forchetta entrerà con facilità.
  • Cimette
    Cuocere le cimette separate tra di loro richiede molto meno tempo.
    Anche in questo caso bisogna lessarle in abbondante acqua salata per circa 10-15 minuti, verificando la cottura con la forchetta come visto al punto precedente.
    Si può, in alternativa, interrompere la cottura qualche minuto prima e concluderla in padella.

Potete utilizzare il cavolfiore per diverse preparazioni, come ad esempio gratinandolo con l’aggiunta di formaggi o potete anche utilizzarlo come condimento per la pasta o nella preparazione di minestroni.

Angelica salata – Ricetta treccia salata

Diverso tempo fa avevo provato la celebre Angelica delle sorelle Simili, una treccia di pasta dolce che avevo farcito con uvetta e spolverizzato di zucchero a velo. Considerando il risultato eccezionale, ho deciso di cimentarmi questa volta nella realizzazione dell’Angelica salata.
Per la farcitura ho scelto pancetta dolce, scamorza e prosciutto cotto, ma naturalmente si può variare in base al proprio gusto. Il risultato è stato, anche questa volta, fenomenale!

La ricetta non è particolarmente impegnativa, tuttavia richiede tempistiche abbastanza lunghe per via delle varie lievitazioni. Dedicatele il tempo che serve e ne rimarrete molto più che soddisfatti.

Provatela anche voi e fatemi sapere quali ingredienti avete scelto per la farcitura.

INGREDIENTI
per il lievitino:
– 13 g di lievito di birra
– 135 g di farina manitoba
– 75 g di acqua

per l’impasto:
– 400 g di farina manitoba
– 120 ml di latte tiepido
– 3 tuorli
– 120 g di burro
– 50 g di parmigiano grattugiato
– 20 g di zucchero
– 1 cucchiaino di sale

per la farcia:
– 120 g di pancetta dolce
– 100 g di scamorza
– 60 g di prosciutto cotto

PREPARAZIONE
per il lievitino:
1) Versate la farina a fontana su di una spianatoia e ricavate un foro centrale, dove andrete a sciogliere il lievito di birra nell’acqua.
2) Impastate bene e lasciate riposare l’impasto in una terrina, coperta con un canovaccio umido, fino al raddoppio del volume (un’ora circa).

per l’impasto:
3) Una volta raddoppiate le dimensioni, incorporate all’impasto del lievitino gli altri ingredienti, ricordando di lasciare il sale per ultimo. Impastate molto bene, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Lasciate lievitare di nuovo fino al raddoppio delle dimensioni, coprendo la terrina con un canovaccio umido (circa 2 ore).

Poco prima di riprendere l’impasto, cominciate a tagliare a dadini gli ingredienti per la farcia.

farcitura e realizzazione della treccia:
4) Trasferite l’impasto lievitato sul piano di lavoro, rilavoratelo brevemente e stendetelo con un mattarello. Dovete formare un rettangolo molto lungo e stretto, dello spessore di 2-3 mm.
5) Disponete su tutta la superficie la pancetta, la scamorza e il prosciutto cotto, precedentemente tagliati a dadini.
6) Arrotolate la pasta dal lato più lungo, facendo attenzione a stringere bene. Tagliate il rotolo a metà in senso longitudinale e intrecciate tra loro le due parti ottenute, lasciando la farcitura verso l’alto.
7) Richiudete la treccia a ciambella, facendo aderire bene le due estremità. Lasciate lievitare la vostra Angelica salata su di una teglia foderata con carta da forno fino al raddoppio (circa 30 minuti).
Per mantenere la forma, potete porre la treccia all’interno di uno stampo da ciambella. Io ho posizionato invece una tazza senza manico al centro, in modo da mantenere ben aperto il foro centrale.

8) Spennellate con un po’ di latte la superficie dell’Angelica salata e cuocete in forno preriscaldato a 200°C per circa 25 minuti.
9) Lasciate intiepidire e servite.

Gelato al caramello salato di Pierre Hermé – Ricetta estiva

Qualche anno fa sono andata a trovare la mia amica Caro, proprietaria del blog “Le Chateau des Gourmandises” (che vi consiglio di visitare, se ancora non lo conoscete). Tra una chiacchiera e l’altra, mi ha fatto assaggiare per la prima volta uno dei suoi cavalli di battaglia, lo strepitoso gelato al caramello salato di Pierre Hermé.
Inutile presentarvi questo prestigioso e celebre pasticcere francese, di cui conoscerete sicuramente i macarons, e in effetti la sua ricetta rispecchia appieno le aspettative.

gelato al caramello salatoPreparatevi ad un gusto alternativo, diverso dai sapori a cui siete abituati, e state certi che questo gelato al caramello salato vi lascerà senza parole.

gelato al caramello salato

INGREDIENTI
per il caramello salato:
– 150 g di zucchero
– 35 g di burro salato
– 50 ml di panna fresca

1° composto:
– 500 ml di latte
– 100 ml di panna fresca

2° composto:
– 3 tuorli
– 70 g di zucchero

PREPARAZIONE
per il caramello:
1) Versate lo zucchero in una padella antiaderente e scaldate a fuoco basso senza mai mescolare. Potete al limite muovere la padella per disporre lo zucchero in modo omogeneo.
2) Quando il caramello è pronto e appare quindi di un bel colore ambrato, versate la panna e mescolate velocemente con un cucchiaio di legno. Aggiungete poi anche il burro salato.
3) Lasciate da parte il caramello tenendo la padella coperta con un coperchio, in modo da non farlo solidificare.

per il 1° composto:
4) Fate scaldare il latte e la panna a fuoco medio fino ad ebollizione.

per il 2° composto:
5) Nel frattempo montate bene i tuorli con lo zucchero, per almeno 5 minuti.

preparazione del gelato:
6) Versate il caramello salato nel primo composto e mescolate bene finché non si sarà sciolto. Aggiungete quindi anche il composto di uova e fate cuocere fino ad ottenere una consistenza cremosa.
7) Versate il composto in una ciotola, coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per 1 notte (o comunque per almeno 11-12 ore).
8) Versate il composto nella gelatiera (seguendo le istruzioni del vostro apparecchio) e fate lavorare per 20-30 minuti.

Realizzate le decorazioni che più vi piacciono con il caramello, seguendo le istruzioni che vi ho indicato a questo link.

gelato al caramello salato

A questo link potete vedere la ricetta del gelato al caramello salato direttamente dal blog di Caro, da dove l’ho presa io.

Come fare decorazioni con il caramello – Consigli utili

Nell’articolo precedente sono stati spiegati i due metodi con cui preparare il caramello, ossia il metodo “a secco” e quello “bagnato”. Oggi, invece, vediamo insieme come realizzare delle decorazioni con il caramello, indispensabili per impreziosire le vostre creazioni, dolci o salate che siano.

decorazioni con il caramelloFondamentali in questa fase sono la preparazione di un bel caramello ambrato, che renderà maestose le vostre decorazioni, e la fantasia: date libero sfogo alla vostra creatività e sorprendete i vostri ospiti!

decorazioni con il caramelloPreparate il caramello con il metodo che preferite (qui potete trovare le indicazioni necessarie). Fate attenzione a non farlo bruciare e tenete sempre a portata di mano una ciotola con acqua fredda e ghiaccio, nel caso in cui doveste scottarvi o ustionarvi. Una volta pronto il caramello, togliete la padella dal fuoco e, con un cucchiaio, create delle linee intrecciate a formare ghirigori su un foglio di carta da forno. Potete, in alternativa, ungere un mestolo con poco olio e lasciarci colare sopra dei fili di caramello, creando in questo modo una sorta di calotta.

decorazioni con il caramelloPotete anche creare delle spirali aiutandovi con il manico di un cucchiaio di legno. Sbizzarritevi e siate fantasiosi!
Una volta che il caramello si è solidificato, potete staccarlo con molta delicatezza: è duro ma allo stesso tempo molto fragile.

Impreziosite i vostri piatti e fatemi sapere quali decorazioni con il caramello vi riescono meglio!

Il caramello – Nozioni base

Il caramello è il risultato della cottura dello zucchero, che viene fuso fino a modificarne la sua stessa natura. Trova ampio spazio in pasticceria e si sposa benissimo con il sale, le spezie, il cioccolato, la panna e la frutta, ma si può aggiungere anche ai piatti salati per conferire aroma o colore.

Ai diversi stadi di cottura dello zucchero corrispondono nomi e aspetti diversi, ma soprattutto utilizzi ben precisi. Tra i 160-165 °C lo sciroppo assume una colorazione ambrata uniforme. A queste temperature diventa molto importante controllare i repentini cambiamenti nella colorazione, per evitare che il caramello si bruci.

Caramello

Esistono diversi metodi con cui realizzare il caramello: metodo a secco e metodo bagnato.

1) Metodo a secco
Mettete lo zucchero in un pentolino con fondo spesso e scaldatelo a fiamma moderata. Mescolate in modo da far sciogliere omogeneamente lo zucchero, fino a quando inizierà a liquefarsi. A questo punto per mescolare limitatevi a far roteare il pentolino.

Per ottenere una salsa al caramello, aggiungete poco alla volta la panna liquida in quantità pari allo zucchero utilizzato, continuando a mescolare bene. In alternativa aggiungete acqua e conservate il vostro caramello in un contenitore ermetico.

2) Metodo bagnato
Questo metodo è meno rischioso, in quanto si utilizza l’acqua per cominciare a sciogliere parzialmente lo zucchero ed evitare che si bruci. Utilizzate un quantitativo di acqua pari alla metà della quantità di zucchero. Aggiungete anche poco succo di limone per sfavorire la cristallizzazione.

Mettete in un pentolino dai bordi abbastanza alti lo zucchero, l’acqua e il succo di limone, quindi iniziate a far cuocere a fiamma moderata. L’acqua comincerà man mano ad evaporare. A 170 °C lo sciroppo comincerà a cambiare colore. Ricordatevi di mescolare roteando il pentolino, senza l’utilizzo di alcun utensile.

Come visto al punto 1), se volete preparare una salsa, una volta ottenuta la colorazione desiderata (attenzione però a non bruciare il caramello!) aggiungete la panna e mescolate bene. Per un caramello semplice, aggiungete invece acqua.

 

 

 

 

________________

Photo credit: <a href=”https://www.flickr.com/photos/clada74/4416860766/”>Ann@74</a> via <a href=”https://visualhunt.com/re/9a389b”>VisualHunt</a> / <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/”> CC BY-NC-SA</a>

Palline al cocco e cioccolato fondente – Ricetta dolce

Oggi vi propongo delle deliziose palline al cocco e cioccolato fondente, ottime per accompagnare il tè pomeridiano e ideali in ogni momento.

Se invece preferite velocizzare i tempi, potete dare al vostro impasto la forma di una torta. Di solito io preparo, partendo dalle dosi indicate negli ingredienti, sia una torta del diametro di circa 18 cm sia dei dolcetti. Se volete realizzare esclusivamente le palline al cocco, il mio consiglio è di dimezzare le dosi.

INGREDIENTI:
– 250 g di farina di cocco
– 300 g di biscotti secchi
– 150 burro
– 1 tuorlo
– 3 cucchiai di latte
– 3 cucchiai di zucchero

PREPARAZIONE
1) Tritate i biscotti aiutandovi con un mixer ed unite la farina di cocco, lo zucchero, il burro morbido, il tuorlo e il latte. Mischiate bene amalgamando tutti gli ingredienti.
2) Formate con le mani delle palline di impasto e tenetele da parte su di un vassoio, quindi lasciatele riposare per una ventina di minuti in frigorifero.
3) Fate sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria ed immergetevi le vostre palline aiutandovi con uno stuzzicadenti. Quindi mettetele in frigorifero, in modo che la copertura solidifichi.

Se invece preferite realizzare una torta, preparate l’impasto e versatelo in uno stampo a cerniera foderato con carta da forno. Compattate bene e lasciate riposare in frigorifero. Sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria e versatelo sulla superficie della torta (che avrete tolto dallo stampo) e sui lati. Lasciate rapprendere il cioccolato in frigorifero.

Eccovi l’interno delle palline al cocco e cioccolato fondente in copertura.

Torta della nonna | Ricetta dolce

La torta della nonna è un grande classico della pasticceria, con il suo guscio di pasta frolla ripieno di crema pasticcera e cosparsa di pinoli e zucchero a velo.

Ideale per il pranzo della domenica ma anche in ogni altra occasione!

INGREDIENTI
per la pasta frolla:
– 450 g di farina 00
– 200 g di burro freddo
– 2 uova
– 160 g di zucchero
– scorza di un limone

per la crema pasticcera:
– 750 ml di latte intero
– 3 uova intere
– 1 tuorlo
– 225 g di zucchero
– 40 g di maizena
– 25 g di farina 00
– scorza di 1 limone

per la decorazione:
– 40 g di pinoli
– zucchero a velo q.b.

PREPARAZIONE DELLA TORTA DELLA NONNA
1) Disponete la farina a fontana ed unite il burro tagliato a cubetti.
2) Amalgamate velocemente gli ingredienti con la punta delle dita, quindi aggiungete lo zucchero, le uova e la scorza grattugiata di un limone.
3) Impastate velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formate una palla, avvolgetela con della pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per mezz’ora.
4) Scaldate il latte in un pentolino a fuoco basso, a cui avrete precedentemente aggiunto la scorza del limone tagliata a striscette (fate attenzione a non tagliare anche la parte bianca).
5) In una ciotola lavorate le uova intere e il tuorlo con lo zucchero, quindi unite anche la maizena e la farina, fino a ottenere un composto omogeneo.
6) Nel frattempo il latte avrà sfiorato il bollore. Spegnetelo, rimuovete la scorza del limone ed unite un po’ di latte al composto di uova.
7) Stemperate bene, quindi rimettete il latte sul fuoco e aggiungete anche il composto di uova.
8) Mescolate continuamente con una frusta per una decina di minuti, per evitare la formazione dei grumi. Quando la crema si sarà addensata per bene potrete spegnere la fiamma.
9) Versate la crema pasticcera in una pirofila bassa e ampia, poi ricopritela con della pellicola trasparente, facendo aderire la pellicola alla crema. Lasciate intiepidire a temperatura ambiente.
10) Dividete la pasta frolla in due panetti, Aiutandovi con due fogli di carta da forno, stendete ogni panetto ad ottenere due dischi dello spessore di 2-3 mm.
11) Imburrate ed infarinate una teglia da crostata del diametro di 26 cm e posizionateci la frolla, anche sui lati. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta.
12) Versate al suo interno la crema pasticcera e ricoprite con il secondo disco di frolla, sigillando bene i bordi con l’aiuto di una forchetta. Bucherellate la copertura.
13) Distribuite i pinoli, premendo sulla pasta frolla leggermente con le dita.
14) Cuocete in forno preriscaldato a 160°C per 50 minuti nel ripiano più basso, quindi spostatelo nel ripiano centrale e cuocete a 180°C per 10 minuti.
15) Lasciate raffreddare la vostra torta della nonna, quindi cospargetene la superficie con lo zucchero a velo.

 

Torta di mele sbriciolata | Ricetta dolce

Oggi vi propongo un’alternativa alla classica torta di mele, ossia la torta di mele sbriciolata.
Il nome che le ho dato deriva dal fatto che la torta è formata da uno strato di pasta, sovrastato da uno strato di mele ed è coperta dall’impasto rimanente sbriciolato a dare una sorta di crumble.

torta di meleProvatela e fatemi sapere se vi è piaciuta!

torta di meleINGREDIENTI
– 550 g di farina
– 190 g di zucchero
– 2 uova
– 4 mele grandi
– 1 bicchiere di olio di semi
– 1/2 bustina di lievito per dolci
– qualche goccia di aroma alla vaniglia (FlavourArt)
– liquore (vedere la preparazione per le variazioni analcoliche)
– marmellata
– zucchero a velo

PREPARAZIONE
1) Tagliate le mele a pezzetti e bagnarle con un po’ di liquore.
(Per una versione non alcolica, bagnate le mele con del succo di limone diluito con un po’ d’acqua).
2) In una terrina, lavorate lo zucchero con le uova, quindi aggiungete l’olio, il liquore (o il latte in alternativa), qualche goccia di aroma alla vaniglia, la farina e il lievito setacciati.
Lavorate il composto con le dita: non deve risultare compatto, ma tendere a sbriciolarsi. Se dovesse risultare troppo secco, aggiungere pochissimo latte.
3) Stendete circa i 3/4 della pasta sul fondo e sui lati di uno stampo rettangolare precedentemente rivestito con carta da forno.
4) Versate quindi sulla pasta uno strato di marmellata e coprite il tutto con le mele tagliate a pezzetti.
5) Sullo strato di mele, sbriciolate la restante parte di impasto, in modo da coprire tutta la superficie della torta.
6) Cuocete in forno preriscaldato a 175°C per 45 minuti.
7) Lasciate raffreddare, quindi spolverizzate con lo zucchero a velo.

torta di mele

Torta panna e nutella | Ricetta dolce di compleanno

Se mi seguite da tempo, ormai saprete che mi piace molto preparare le torte a strati ed oggi vi mostro la torta panna e nutella, che ho realizzato in occasione di un compleanno. E’ un dolce molto invitante e dal sapore delizioso, vi piacerà di sicuro!

torta-panna-e-nutellaLa base è costituita da un pan di spagna classico, mentre la farcitura è a nutella e panna montata. La decorazione è composta da panna montata e da scaglie di cioccolato fondente.

torta-panna-e-nutellaINGREDIENTI
per il pan di spagna:
– 75 g di farina 00
– 75 g di maizena
– 5 uova
– 150 g di zucchero
– qualche goccia di aroma alla vaniglia FlavourArt

per la bagna analcolica:
– acqua
– zucchero

per la farcitura e la decorazione:
– 800 ml di panna fresca
– 30 g di zucchero
– 500 g di nutella
– 50 g di cioccolato fondente

PREPARAZIONE
per il pan di spagna:
Per preparare il pan di spagna seguite il procedimento qui indicato. Ho utilizzato uno stampo a cerniera del diametro di 24 cm, così da ottenere degli strati un po’ più alti.
La vanillina è invece stata sostituita con qualche goccia dell’aroma liquido alla vaniglia.

per la bagna analcolica:
Per realizzare la bagna, ho portato ad ebollizione in un pentolino un po’ di acqua con un cucchiaio di zucchero. Vi consiglio di aggiungere lo zucchero poco per volta, assaggiando la bagna di volta in volta, così da regolarvi in base ai vostri gusti.
Potete invece eventualmente decidere di realizzare una bagna alcolica oppure di aromatizzare questa.

per la farcitura e la decorazione:
1) Montate la panna fresca con 30 g di zucchero (come sempre, anche in questo caso vi consiglio di assaggiarla mentre la montate, così da valutare se è dolce a sufficienza. Io preferisco non eccedere per non rendere troppo dolce la torta).
2) Con l’aiuto di un coltello affilato, ricavate delle scaglie dal cioccolato fondente.

come assemblare la torta panna e nutella:
1) Tagliate il pan di spagna in tre strati.
Posizionate il primo strato all’interno di un anello (se non ce l’avete non importa) e bagnatelo con la bagna analcolica.
2) Scaldate la nutella al microonde o a bagnomaria, in modo da renderla più fluida e quindi più facilmente spalmabile. Stendetene metà sul primo strato di pan di spagna.
3) Inserite 2/3 circa della panna montata in una sac à poche monouso senza beccuccio e tagliatene la punta, così da ottenere un’apertura di circa 1 cm. Realizzate ora dei cerchi concentrici sul pan di spagna, utilizzando metà della panna contenuta nella sac à poche. Pareggiatela leggermente aiutandovi con un cucchiaio.
4) Posizionate ora il secondo strato di pan di spagna e ripetete la sequenza di bagna-nutella-panna montata.
5) Posizionate quindi l’ultimo strato di pan di spagna e bagnate anch’esso. Lasciate quindi un attimo in frigorifero a rassodare.
6) Togliete l’anello e cospargete la superficie della torta con la restante panna montata, tenendone un po’ da parte per la decorazione.
7) Con una sac à poche munita di beccuccio, realizzate delle decorazioni di vostro gradimento sulla torta, quindi disponete al centro le scaglie di cioccolato fondente.

Lasciate riposare in frigorifero la vostra torta panna e nutella per qualche ora.

Strudel di pere e ricotta | Ricetta dolce invernale

Oggi vi propongo la ricetta dello strudel di pere e ricotta, ideale nel periodo invernale accompagnato da una tazza di tè caldo o da una cioccolata.

strudel-di-pere-e-ricottastrudel-di-pere-e-ricottaINGREDIENTI
– 1 rotolo di pasta sfoglia quadrata (per farla in casa qui trovate la ricetta)
– 3 pere
– 1 cucchiaio di liquore
– 250 g ricotta
– 1 cucchiaio di zucchero
– qualche goccia di aroma alla vaniglia (FlavourArt)
– 1 manciata di uvetta
– savoiardi sbriciolati grossolanamente

PREPARAZIONE
Prima di iniziare, mettete l’uvetta in acqua e lasciatela in ammollo per un paio d’ore.
1) Cuocete le pere con il liquore senza farle disfare e lasciate che si raffreddino.
2) Unite la ricotta con lo zucchero, qualche goccia di aroma alla vaniglia e l’uvetta ben strizzata.
3) Srotolate la pasta sfoglia e stendeteci sopra il composto di ricotta.
4) Cospargete quindi con i savoiardi sbriciolati, quindi aggiungete le pere.
5) Arrotolate la pasta sfoglia ripiena su se stessa, facendo aderire bene i lati esterni per evitare che fuoriesca il composto.
6) Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 40 minuti.
7) Lasciate raffreddare e spolverizzate infine il vostro strudel di pere e ricotta con lo zucchero a velo.

strudel-di-pere-e-ricotta

Crostata ricotta e cioccolato | Ricetta dolce

La ricetta che vi propongo oggi è quella della crostata ricotta e cioccolato. La pasta sbriciolata sopra dà un aspetto molto invitante a questo dolce, soprattutto in combinazione con una bella spolverata di zucchero a velo.

crostata ricotta e cioccolatocrostata ricotta e cioccolatoINGREDIENTI
– 300 g di farina
– 100 g di zucchero
– 100 g di burro
– 1 uovo
– 1 bustina di lievito per dolci

per il ripieno:
– 500 g di ricotta
– 100 g di zucchero
– 100 g di cioccolato fondente
– qualche goccia di aroma alla vaniglia (FlavourArt)

PREPARAZIONE
1) Versate la farina, mischiata col lievito, a fontana ed unite il burro tagliato a cubetti.
2) Amalgamate velocemente gli ingredienti con la punta delle dita, poi aggiungete lo zucchero e l’uovo.
3) Lavorate fino ad ottenere un composto omogeneo.
4) Imburrate ed infarinate una tortiera, quindi usate 2/3 dell’impasto per foderare il fondo e i lati.
5) Mischiate bene lo zucchero, la ricotta e l’aroma alla vaniglia, quindi aggiungete anche il cioccolato tagliato a pezzetti.
6) Versate nella tortiera il ripieno di ricotta e cioccolato, quindi sbriciolateci sopra la pasta restante, coprendo così la superficie.
7) Cuocete in forno preriscaldato a 175°C per 45 minuti.
8) Lasciate raffreddare, sformate la torta e cospargetene la superficie di zucchero a velo.
Ecco pronta la vostra crostata ricotta e cioccolato.

crostata ricotta e cioccolato

Torta di mele senza burro | Ricetta dolce

Oggi vi propongo la ricetta della torta di mele senza burro di mia madre. In questo periodo infatti, con l’abbondare di questo frutto, è un bel modo per utilizzarle.

torta-di-mele-senza-burroQuesta ricetta prevede l’utilizzo del liquore; se preferite una versione analcolica, adatta quindi anche ai bambini, potete semplicemente sostituire al liquore del latte.

torta-di-mele-senza-burroINGREDIENTI
– 300 g di farina
– 180 g di zucchero
– 3 uova
– mezzo bicchiere di olio di semi
– 3 cucchiai di liquore (oppure 3 di latte)
– qualche goccia di aroma alla mela FlavourArt
– marmellata q.b.
– 4 mele grosse, di cui una tagliata a spicchi e tre a pezzettini
– zucchero a velo per decorare

PREPARAZIONE
1) Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso.
2) Aggiungere l’aroma, l’olio, il liquore, la farina e il lievito. Se il composto dovesse risultare molto denso, aggiungere un po’ di latte.
3) Stendere i tre quarti del composto in una teglia imburrata ed infarinata (io per comodità ho usato una tortiera tonda in silicone), quindi inserire le mele a pezzetti evitando la zona del bordo e coprire con un velo di marmellata (per renderla un più liquida aggiungere un cucchiaio di liquore oppure di latte).
4) Ricoprire grossolanamente con il composto rimasto e decorare con le mele tagliate a spicchi.
5) Aggiungere un po’ di marmellata fra gli spicchi di mela.
6) Infornare in forno preriscaldato a 175°C per 50 minuti circa (fare la prova con lo stuzzicadenti).
7) Aspettare che si raffreddi completamente prima di sformare e spolverare con lo zucchero a velo.

Ecco pronta a voi la vostra torta di mele senza burro… buon appetito!

torta-di-mele-senza-burrotorta-di-mele

Torta panna e frutti di bosco | Ricetta torta di compleanno

Le torte a strati sono le mie torte preferite da preparare e questa torta panna e frutti di bosco è ormai diventato un classico a casa. L’ho già preparata numerose volte, ma continua ad essermi richiesta perché è davvero buona.

torta-panna-e-frutti-di-boscoLa base è il classico pan di spagna, mentre la farcitura è a base di marmellata e panna montata. La decorazione prevede anch’essa panna montata e dei deliziosi frutti di bosco.

torta-panna-e-frutti-di-boscoINGREDIENTI
per il pan di spagna:
– 75 g di farina 00
– 75 g di maizena
– 5 uova
– 150 g di zucchero
– qualche goccia di aroma alla vaniglia FlavourArt

per la bagna analcolica:
– acqua
– zucchero
– succo di rabarbaro(se non trovate il succo potete fare una normalissima bagna con acqua e zucchero)

per la farcitura e la decorazione:
– 800 ml di panna fresca
– 30 g di zucchero
– 150 g di marmellata di fragole
– 300 g di frutti di bosco (fragole, lamponi, more)

PREPARAZIONE
pan di spagna:
Per la realizzazione del pan di spagna seguite il procedimento qui indicato. Ho utilizzato per questa torta uno stampo a cerniera del diametro di 24 cm, in modo da ottenere degli strati un po’ più alti. Ho inoltre sostituito la vanillina con l’aroma liquido alla vaniglia.

bagna analcolica:
Per la bagna ho portato ad ebollizione in un pentolino un po’ di acqua con un cucchiaio di succo di rabarbaro ed un cucchiaio di zucchero. Il mio consiglio è quello di aggiungere lo zucchero poco per volta, assaggiando la bagna di volta in volta, così da regolarvi in base ai vostri gusti.

farcitura e decorazione:
1) Montate la panna fresca con 30 g di zucchero (anche in questo caso il mio consiglio è quello di assaggiarla mentre la montate, così da valutare se è dolce a sufficienza. Io preferisco sempre non eccedere per non rendere troppo dolce e stucchevole la torta).
2) Tagliate qualche frutto di bosco a pezzetti e conservate gli altri per la decorazione.

come assemblare la torta panna e frutti di bosco:
1) Tagliate il pan di spagna ottenendo tre strati. Posizionate il primo strato all’interno di un anello (se non ce l’avete potete benissimo assemblare la torta senza di esso) e bagnatelo con la bagna analcolica.
2) Inserite 2/3 circa della panna montata in una sac à poche monouso senza beccuccio e tagliate la punta ottenendo un’apertura di circa 1 cm. Fate ora dei cerchi concentrici sul pan di spagna, utilizzando metà della panna contenuta della sac à poche. Pareggiatela leggermente aiutandovi con un cucchiaio.
3) Disponete qualche frutto di bosco tagliato sul primo strato di panna montata, facendo leggermente pressione per farlo aderire bene.
4) Posizionate ora il secondo strato di pan di spagna e ripetete la sequenza di bagna-panna montata-frutti di bosco.
5) Posizionate quindi l’ultimo strato di pan di spagna e bagnate anch’esso con un po’ di bagna. Lasciate quindi un attimo in frigorifero a rassodare.
6) Togliete l’anello e cospargete la superficie della torta con la restante panna montata, tenendone un po’ da parte per la decorazione.
7) Con la sac à poche munita di beccuccio realizzate delle decorazioni di vostro gradimento sulla torta, quindi disponete al centro i frutti di bosco.
Per una maggiore lucentezza, io li lucido con un po’ di tortagel.
Lasciate riposare in frigorifero la vostra torta panna e frutti di bosco per qualche ora.

torta-panna-e-frutti-di-boscotorta-panna-e-frutti-di-bosco

Pasta frolla all’olio di Luca Montersino | Ricetta base

Qualche tempo fa stavo cercando un’alternativa alla classica pasta frolla e, parlando con Caro del blog Le Chateau Des Gourmandises, mi è stata fortemente consigliata la pasta frolla all’olio di Luca Montersino.

Il procedimento ricorda un po’ quello per la maionese ma non spaventatevi, sarete soddisfatti del risultato finale.
Con questa pasta frolla all’olio potete preparare biscotti, tartellette, crostate e quanto più vi piace.

pasta frolla all'oliopasta frolla all'olioINGREDIENTI
– 470 g di farina 00
– 100 g di zucchero
– 120 ml di olio di semi
– 3 uova
– 1 cucchiaino di lievito per dolci
– 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

PREPARAZIONE
1) Frullate con il mixer ad immersione, in un recipiente alto e stretto (io ho usato quello in dotazione col mixer), le uova e l’olio di semi per almeno 10 minuti, fino ad ottenere un composto cremoso.
2) Trasferite il composto appena ottenuto in un mixer da cucina e frullatelo assieme allo zucchero.
3) Aggiungete, sempre nel mixer da cucina, anche la farina ed il lievito. Fate amalgamare gli ingredienti per ottenere il vostro impasto della pasta frolla.
Se non avete un mixer da cucina potete eseguire il procedimento a mano, disponendo la farina a fontana e unendo il composto fluido.
4) Avvolgete la pasta frolla con della pellicola trasparente e lasciatela riposare per almeno mezz’ora in frigorifero, quindi è pronta per essere usata a vostro piacimento.

Con questa ricetta ho realizzato degli ottimi biscotti, ideali soprattutto per la prima colazione.

pasta frolla all'olio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...