Biscotti con scarti e polpa dell’estrattore

L’idea per questi  biscotti con scarti e polpa dell’estrattore mi è venuta quando ho iniziato ad utilizzare il nuovo acquisto da tempo desiderato: l’estrattore.

Premetto che per necessità di salute ero costretta ad inserire soltanto frutta e verdura ben sbucciata e ben lavata, quindi, al vedere uscire tutta quella bella polpa di frutta, l’idea di doverla buttare via proprio non mi piaceva. Era uno spreco intollerabile!

Ho quindi cercato un po’ sul web, esaminato le mie ricette di pasta frolla, messo insieme un’ipotesi di ingredienti ed ho avviato la sperimentazione cercando anche di ridurre i grassi e gli zuccheri.

La prima volta ho utilizzato parecchio burro ed erano davvero golosi, poi ho tentato con il solo olio di semi e comunque erano molto buoni.

Per la consistenza dipende molto anche dal contenuto della polpa che potrebbe essere più o meno umida. Sempre la prima volta che li ho preparati, infatti, l’impasto era venuto davvero molliccio ed ho dovuto realizzare i biscotti con due cucchiaini e poi schiacciarli dando la forma, come dei cookies, tanto che avevo pensato ad un conclamato insuccesso, invece il gusto era davvero strepitoso!

La seconda volta invece aveva la consistenza tipica della pasta frolla, tanto che ci ho fatto anche una crostata, preferendo però i biscotti.

Quindi non preoccupatevi di come vi risulterà l’impasto, l’importante è fare i biscotti e cuocerli, il gusto è sempre assicurato!

Biscotti scarti estrattore
  • Preparazione: 15-20 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 40 biscotti
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 100 g Scarto dell'estrattore
  • 300 g Farina
  • 90 g Olio di semi
  • 125 g Zucchero
  • 30 g Cereali integrali
  • 25 g Mandorle
  • 1 cucchiaio Vermouth
  • 1 Uovo
  • 1/2 bustina Lievito in polvere per dolci

Preparazione

  1. In una ciotola capiente preparare la farina, io ho usato metà farina 1 macinata a pietra e metà farina 0. Unire lo zucchero. (Vengono bene anche sostituendo i 125 g di zucchero con 65 g di zucchero e 20 g di Stevia ). Unire il lievito.

    Aggiungere al centro delle polveri la polpa scartata dall’estrattore, l’olio, il liquore, l’uovo, le mandorle tritate ed i cereali schiacciati grossolanamente a mano.

  2. Impastare fino ad ottenere un’impasto il più possibile omogeneo.

    Non preoccupatevi se venisse molliccio, come spiegato dipende anche dal tipo di frutta e verdura utilizzata per l’estratto.

  3. Realizzare i biscotti. Se l’impasto ha la consistenza della frolla stenderlo con il mattarello e tagliare i biscotti con il coppa-pasta. Se è molliccio prelevare delle palline di impasto con l’aiuto di due cucchiaini e poi schiacciarle sulla leccarda rivestita di carta forno dando la forma del biscotto.

  4. Biscotti scarti estrattore

    Cuocere i biscotti in forno caldo a 180° per 20 minuti o comunque finché saranno un po’ dorati.

    I biscotti con polpa e scarti dell’estrattore sono pronti, ma fate attenzione…perché uno tira l’altro!!

  5. Se volete potete seguirmi sulla mia pagina Facebook Presto e bene con Bea o sul mio profilo Instagram!

  6. Biscotti scarti estrattore

Consigli

I biscotti con scarti e polpa dell’estrattore si conservano anche per 10 giorni.

Non spaventatevi se l’impasto è morbido, è normalissimo!

Precedente Crostata di ricotta e ciliegie Successivo Ciambella del riciclo in fornetto Versilia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.