Crea sito

Frittura di calamari e moscardini

La frittura di calamari e moscardini è il secondo piatto perfetto per tutte le occasioni!

Impossibile resistere alla frittura di calamari e moscardini. Prelibato, succulento, profumato è quel classico ed intramontabile secondo piatto di mare che mette appetito al primo sguardo.
Prepararla è molto semplice ma richiede qualche accorgimento per ottenere una cottura perfetta del pesce senza alterarne il sapore e mantenerlo croccante.
Seguite tutti i miei consigli e preparatela anche voi.
Sono certa che riscuoterà un successo strepitoso sulle vostre tavole 😀

frittura di calamari e moscardini
  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Calamari 800 g
  • Moscardini 400 g
  • Semola di grano duro rimacinata 250 g
  • Olio di semi di arachide 1,2 l
  • Sale fino q.b.
  • Scorza di limone (grattugiata) 1

Preparazione

  1. frittura di calamari

    Iniziamo la preparazione della frittura di calamari e moscardini occupandoci dalla pulizia dei calamari.

    Consiglio: utilizzate calamari freschissimi e non troppo grandi, ma di medie dimensioni, in modo da ottenere una cottura veloce ed uniforme.

    Sciacquiamo il calamaro sotto l’acqua e stacchiamo delicatamente la testa dal mantello (teniamola da parte).

    Estraiamo la penna di cartilagine trasparente che si trova al centro mantello.

  2. frittura di calamari

    Laviamo il calamaro sotto l’acqua ed eliminiamo le impurità e le interiora che si trovano all’interno del mantello.

    Sarà ben lavato quando non risulterà gelatinoso.

    Incidiamo con un coltellino la parte finale del mantello in modo da riuscire a prendere con la mano un lembo di pelle.

    Eliminiamo la pelle e le pinne laterali staccandole via (se ne verranno molto facilmente).

  3. frittura di calamari

    Infine, riprendiamo la testa, separiamola dai tentacoli tagliandola con delle forbici in modo da staccarla dalla parte sottostante con gli occhi.
    Eliminiamo il dente centrale dal centro tentacoli tirandolo via verso l’alto.

    Sciacquiamola sotto l’acqua e teniamola da parte .

    Procediamo in questo modo per tutti i restanti calamari (potete però acquistarli già puliti !)

  4. Terminata la pulizia tagliamo ogni calamaro in strisce larghe circa 1 cm con l’aiuto di un coltello.

    Lasciamo integre le teste.

    Teniamoli da parte.

  5. frittura di calamari

    Occupiamoci anche dei moscardini: eliminiamo le interiora, il becco che si trova al centro dei tentacoli e gli occhi.

    Laviamoli accuratamente sotto l’acqua e mettiamoli a scolare in un colino assieme ai calamari.

  6. frittura di calamari

    Asciughiamo sia i calamari che i moscardini con carta assorbente.

    Facciamo questa operazione molto accuratamente perché dovranno risultare ben asciutti per ottenere una frittura croccante.

    Sistemiamoli su un vassoio “senza sovrapporli” e riponiamoli in freezer per circa 10 minuti.
    Questo è uno dei miei segreti per ottenere una frittura croccante grazie allo shock termico con l’olio bollente.

  7. frittura di calamari

    Mettiamo sul fuoco una capiente padella con abbondante olio di arachide ed aspettiamo che arrivi in temperatura.

    Riempiamo un sacchetto di plastica per alimenti con la semola rimacinata.

  8. frittura di calamari

    Appena l’olio sarà in temperatura (basterà provare ad intingere uno stuzzicadenti e sarà ben caldo se si formeranno delle bollicine) passiamo i calamari, pochi per volta, nella semola. Basterà inserirli all’interno del sacchetto, chiuderlo e sbattere energicamente in modo da far aderire uniformemente la panatura.

    Prima di tuffarli nell’olio cado scotoliamoli molto accuratamente in modo che perdano la semola in eccesso.

  9. Friggiamo i calamari, pochi per volta (in modo da non far abbassare la temperatura dell’olio) in abbondante olio bollente, girandoli da entrambi i lati.

  10. frittura di calamari

    Appena iniziano a dorarsi (ci vorranno pochissimi minuti) possiamo sgocciolarli e disporli su un vassoio con carta assorbente (o carta paglia) in modo che perdano l’olio in eccesso.

    Consiglio: Evitiamo di sovrapporli nel vassoio man mano che procediamo con la frittura in modo da evitare che si impregnino d’olio e che con il calore e l’umidità perdano la croccantezza. Anche il sale andrà aggiunto solo alla fine per evitare che non si asciughino ed assorbano olio!

  11. frittura di calamari

    Procediamo in questo modo anche per i moscardini.

  12. frittura di calamari

    Solo una volta terminata la frittura e prima di servirla  impreziosiamo la frittura di calamari e moscardini con un pizzico di sale e con la scorza di limone grattugiata che conferirà un profumo irresistibile e darà al palato una piacevole freschezza.

    Consiglio: non bagnatela con il succo di limone perché andrebbe ad alterare il sapore del pesce e renderebbe la frittura molliccia. La scorza grattugiata sarà invece perfetta!

  13. frittura di calamari

    La frittura di calamari e moscardini è in assoluto uno dei miei piatti preferiti.
    Preparatela anche voi e vederete che bontà!

  14. frittura di calamari

    Se vi piacciono le mie ricette, venite a trovarmi sulla mia pagina Facebook (cliccando qui) , su Instagram (cliccando qui), su Pinterest (cliccando qui) e divertitevi con me in cucina per rendere ogni piatto un arcobaleno di colori e sapori ! 🙂

    Potete seguirmi anche su YouTube (troverete il mio canale cliccando qui) e restare aggiornati anche sulle mie video-ricette.

    Scorrendo in fondo alla pagina troverete altre mie ricette consigliate 😀

    Per tutte le altre ricette visitate il mio blog –> cliccando qui.

    Basterà sfogliare il menù e troverete tante ricette semplici e sfiziose. Sono a vostra disposizione per qualsiasi dubbio, domanda o chiarimento per cui non esitate a contattarmi 😀

    Isabella

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.