Crea sito

Treccia di pane con lievito madre

Treccia di pane con lievito madre

Oggi mio marito da deciso di fare la treccia di pane con lievito madre. Fare il pane in casa è ormai una piacevole abitudine per mio marito. Per lui è un piacere impastare; e vedere gli impasti lievitare e raddoppiare di volume è per lui motivo di orgoglio. Ormai sono quattro anni che usa il lievito madre, e con i suoi impasti di pane, pizze e focacce, sta contagiando molti nostri amici, che ci chiedono il lievito madre, per imparare a loro volta.

Treccia di pane con lievito madre

 

Dosi:

  • 400 gr. di farina
  • 300 gr. di lievito madre
  • 250 ml d’acqua
  • 6 gr. di sale
  • 10 gr. di zucchero
  • 4 cucchiaini di olio

 

Preparazione:

Togliere il lievito madre dal frigo e porlo a lievitare per 8 ore. Per praticità mio marito effettua questa operazione la sera, in tal modo la lievitazione avviene durante la notte, e la mattina il lievito madre è pronto per essere impastato.

Lievito madre tolto dal frigo

Mettere tutti gli ingredienti, incluso il lievito madre, nella macchina del pane o nell’impastatrice, e impastare per 30 minuti. Se non avete né la macchina del pane, né l’impastatrice, lavorare a mano gli ingredienti, fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Una volta che l’impasto è stato ben lavorato porlo a lievitare in una ciotola, coperto con un canovaccio per circa 5 ore.

Questo è l’impasto dopo la lievitazione:

impasto dopo 5 ore

A questo punto bisogna dividere l’impasto in modo da ottenere 2 trecce.

Dividere in 2 l'impasto

Stendere l’impasto, cercando di ottenere una forma rettangolare

stendere l'impasto

Praticare 2 tagli, lasciando unita l’estremità superiore

Treccia di pane

Iniziare a intrecciare. Rivestire una teglia con carta da forno, e adagiarvi la treccia di pane. Fare lievitare per 2 ore.

treccia di pane con lievito madre

Questa sarà la treccia dopo la lievitazione:

treccia lievitata

 

Cottura:

Riscaldare il forno a 250° in modalità statico, e infornare a metà altezza per 30 minuti. Dopo 30 minuti abbassare la temperatura a 150° in modalità ventilato e spostare la teglia nel ripiano più basso del forno. Proseguire la cottura per altri 30 minuti.

La treccia di pane con lievito madre è pronta:

treccia appena sfornata

 

Questa volta, non posso dire che è una ricetta veloce da fare…però posso dirvi che vale davvero la pena..provare a fare il pane. Grazie per aver letto la ricetta.

18 Risposte a “Treccia di pane con lievito madre”

  1. Non sapevo metessi sotto anche tuo marito nel blog, ottima iniziativa e complimenti al marito, ha realizzato un’ottima treccia.

    1. Mio marito sa preparare diverse pietanze, ma in particolare è addetto al lievito madre, quindi si dedica maggiormente alla preparazione di pizze, pane e focacce.Sarà felicissimo dei tuoi complimenti. Grazie. Buona giornata.

  2. Ciao, blog meraviglioso! Ho una domanda su questa ricetta; la quantità di acqua manca negli ingredienti, o non la mette proprio?!!?
    Grazie

    1. Ciao. Grazie mille per i complimenti 🙂 e grazie per avermi fatto notare che negli ingredienti manca l’acqua. Non mi ero accorta di aver tralasciato questo ingrediente fondamentale. Di acqua ne occorrono 250 ml. Vado subito a correggere . Grazie ancora…

        1. allora buon lavoro..e mi raccomando fammi sapere…ricorda di maneggiare poco l’impasto…anche quando lo stendi cerca di toccarlo il meno possibile…così la lievitazione sarà perfetta. 🙂

  3. Ciao Patcarchia,
    mi sono imbattuto in questo simpatico blog e sono rimasto piacevolmente colpito dalle immagini :-).
    Anche io mi dilettavo con la pasta madre, poi l’ho abbandonata, ma vorrei ricominciare.
    2 info:
    1. dall’impasto che fai (pane / treccia / pizza) togli un quantitativo di pasta madre da mettere in frigo per la prossima volta oppure ogni volta ne rifate di nuova?
    2. quanto togli la pasta madre la sera dal frigo e la metti a lievitare 8 ore ci aggiungete qualche cosa per riattivare la lievitazione oppure no?
    Grazie e buon divertimento

    1. Ciao. Grazie per aver lasciato il commento. Grazie dei complimenti per il blog e per le foto. Sulle foto ho ancora tanto da imparare…devo ammettere che impiego più tempo a scattare la foto che a cucinare.. :-). Dato che anche tu ti dilettavi con la pasta madre, sarai d’accordo con me nel dire che è una vera e propria passione. Il lievito madre, infatti va seguito e curato. Mio marito ne è appassionato, ed è lui che se ne prende cura, e si diverte a preparare gli impasti. Per quanto riguarda la prima domanda posso dirti che mio marito prende il lievito madre e lo rinfresca con 100 gr. di farina e 50 ml d’acqua. Poi lo divide in due. Una parte la rimette in frigorifero e una la usa per l’impasto che sia pane o pizza. Riguardo alla seconda domanda, se deve fare un impasto la mattina seguente, tira fuori dal frigo il lievito la sera. Se il lievito è abbastanza grande lo lascia così, se è piccolo lo rinfresca e lo fa crescere tutta la notte. Dato che noi impastiamo spesso, mio marito si è organizzato in modo da avere in frigorifero sempre due ciotole con il lievito, ognuna di 300 gr. circa. Spero di essere stata chiara. E’ più facile a farsi che a dirsi. Abbiamo già in programma di scrivere un articolo con le foto passo passo su come fare. Se hai altre domande chiedi pure. Grazie ciao.

  4. Qualcuno mi può aiutare? Il lievito madre che uso da tempo, pur mantenendo un buon potere lievitante ha perso quel caratteristico gusto acidulo. Come posso riacquistarlo?. Grazie a tutti.

    1. Ciao. L’odore del lievito madre, è acidulo. Con il tempo però questo odore diminuisce.L’odore comunque non influisce sul risultato. Se lo vuoi più acido prova a far passare più tempo tra un rinfresco e l’altro, ma bisogna tenerlo d’occhio, perché rischia di morire. Spero di esserti stata utile.

  5. premetto che fare il pane con la pasta madre mi appassiona tantissimo….lo faccio spesso,nonostante il poco tempo che ho a disposizione,ma i risultati non sono ottimi…il pane(c’è da dire che metto anche la farina integrale) è sempre pesante senza buchi,molto compatto…mi piacerebbe sapere dove sbaglio….grazie !!!!

    1. Ciao e grazie per il commento. Non conoscendo il procedimento che hai usato non posso rispondenti con precisione. I motivi possono essere diversi. Il primo è che il lievito è troppo debole. Il lievitino deve almeno raddoppiare di volume prima di essere aggiunto all ‘ impasto. Oppure il pane non è stato tenuto al caldo ben coperto. Oppure ha subito uno sbalzo di temperatura. Se è stato al caldo e prende una corrente poi non cresce più . Non credo che dipende dalla farina perché so di alcuni che hanno fatto partire il lievito proprio con la farina integrale. Potresti però fare una prova e usare la farina normale. Grazie e se hai altre domande chiedimi pure. Ciao

    1. Ciao. Non esiste una quantità esatta di pasta madre da utilizzare. Bisogna tener conto di diversi fattori ad esempio l’età della pasta madre. Io ho tanta pasta madre quindi mi piace utilizzarla, anche perché se se ne usa di più da quanto richiesto non succede nulla. E’ possibile usarne anche meno, allungando i tempi di lievitazione. Comunque per regolarsi queste sono le proporzioni: 15-30% di pasta madre su un 100% di farina. 45-80% d’acqua a seconda del tipo di lievitato, 0-10% d’olio se previsto, 0-2% di sale se previsto. Spero di esserti stata utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.