Pizza Napoletana 24 h di lievitazione

  • DifficoltàMedia
  • Porzionidosi per 4 pizze tonde
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 627 gfarina w 350
  • 395 mlacqua
  • 18 gsale
  • 1 glievito di birra fresco

Per condire

  • passata di pomodoro
  • mozzarella
  • salsiccia
  • funghi
  • pesto di pistacchi
  • mortadella
  • farina di semola

Preparazione

  1. Per realizzare questo impasto ho utilizzato la planetaria col gancio ad uncino, se voi non l’avete potete fare tutto a mano, ci vorrà solo un po’ di forza.

    Mi raccomando rispettate tutti i tempi di riposo e lievitazione.

    Se volete fare la pizza al sabato sera e indicativamente cenare per le 8:30, dovrete partire a fare tutti i passaggi non oltre le 19:00/19:30 del venerdì sera.

  2. – Versiamo la farina nella planetaria e azioniamo a velocità bassa per 30 secondi.

    – Aggiungiamo il lievito sbriciolato e lasciamo lavorare un altro minuto.

    – Iniziamo ad aggiungere a filo l’acqua (la dovremo aggiungere in 5 volte, non tutta insieme) lasciando sempre lavorare la planetaria.

    Vedrete che si inizieranno a formare tanti grumi.

    – Quando sono passati 2 minuti aggiungete ancora acqua

    – Dopo altri 2 minuti aggiungete la terza parte d’acqua e vedrete che l’impasto inizierà a formarsi a malloppi

    – Versiamo la 4 parte d’acqua e dopo poco vedrete che tutto l’impasto si ingloberà in un unico malloppo.

    – A questo punto spegniamo la macchina, aggiungiamo il sale e riazioniamola

    – Versiamo l’ultimo goccio d’acqua che è rimasto, l’impasto si incorderà, lasciamo andare 1 minuto poi spegniamo la planetaria e lasciamo riposare l’impasto 5 minuti.

    – Passato il tempo riazioniamo a velocità medio/bassa e lasciamo andare la planetaria per 5 minuti senza mai spegnerla.

    – Spegniamo la planetaria e lasciamo riposare l’impasto altri 5 minuti.

    – Riazioniamola per altri 5 minuti.

    Il nostro panetto è pronto.

  3. -Rimuoviamo l’impasto dal gancio e trasferiamolo in un contenitore ampio oliato precedentemente.

    – Senza toccare l’impasto chiudiamo il contenitore col coperchio e lasciamolo riposare per 10 minuti.

    – Riprendiamo l’impasto e facciamo 5 pieghe:

    prendiamo un lato e adagiamolo sul verso opposto, giriamo il panetto e facciamo la stessa cosa per 5 volte.

    – Prendiamo l’impasto con entrambe le mani e diamogli la forma classica del panetto tonda, non schiacciando al centro la ripiegando l’impasto verso sotto.

    – Mettiamo il panetto sul tavolo, mettendo le mani davanti al panetto come a formare un arco (attaccare al tavolo non alte), tiriamo il panetto verso il nostro corpo, giriamolo dal lato di destra o di sinistra e ripetiamo questa operazione per 5 volte.

    – Riponiamo il panetto nel contenitore, chiudiamolo e lasciamolo 2 ore a temperatura ambiente (non aprite mai il contenitore)

    – Trasferiamo il nostro impasto in frigo (senza mai aprirlo mi raccomando) e lasciamolo lievitare per 19 ore.

  4. Passato il tempo possiamo formare i nostri panetti:

    – Prendiamo per prima cosa 4 contenitori e oliamoli

    – Dividiamo l’impasto (senza schiacciarlo troppo mi raccomando) e pesiamo 250 g circa per ogni panetto

    – Diamo la forma ad ogni panetto, adagiamoli in ogni contenitori, chiudiamoli col coperchio e lasciamo lievitare a temperatura ambiente (20-25 gradi è perfetto) per altre 3 ore.

    La fase della lievitazione è finita.

  5. Azioniamo il forno alla massima potenza in modalità statica 30 minuti prima di cuocere le nostre pizze.

  6. – Cospargiamo il nostro piano di lavoro con la semola, prendiamo un panetto e con i polpastrelli schiacciamo il centro per poi arrivare verso il cornicione, lasciandolo mi raccomando, prendiamo l’impasto con una mano e spostandolo da una mano all’altra vedrete che si allargherà leggermente.

    – Adagiamo l’impasto sulla teglia da forno antiaderente (io ho usato quella tonda classica da pizza), sistemiamo l’impasto dandogli la classica forma della pizza e rischiacciando leggermente.

    – Condiamo il centro della pizza con la passata di pomodoro (io la condisco con un pizzico di sale e basilico tritato fine), se decidete di farla margherita e condirla a crudo non aggiungete altro, se invece volete condirla con salsiccia e funghi (per esempio) metteteli in questo momento.

    – Mettiamo la pizza in forno nel piano più basso (quello attaccato al piano) e cuociamola 5 minuti. (vedrete che il cornicione si è tutto gonfiato)

    – Passato il tempo prendiamola e condiamola con la mozzarella a cubetti e rimettiamola in forno nella parte più alta (aiutandoci con una griglia) a 220° azionando il grill e cuociamo altri 5 minuti (se non lo avete mantenente lo statico e cuocete 1 min in più).

    Tenete conto che ogni forno è diverso, magari fossero tutti uguali! Se vedete che ancora non ha preso un bel colore e che nella prima fase di cottura il cornicione non si è gonfiato, lasciate la pizza 1 minuto in più, non di più!

  7. Sforniamo la nostra pizza e gustiamocela 😛

  8. Se invece non l’avete farcita e per esempio volete condirla col pesto di pistacchi e la mortadella, è questo il momento per farlo 😛

  9. Questi sono giusto 2 suggerimenti per come servirla ma potete farlo come più vi piace 😀

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Lisa Guidetti

Sono una ragazza semplice con una grande passione per la cucina fin da quando ero bambina, mi ha ispirato la mia nonna che purtroppo ora non c'è più. Porto avanti le tradizioni culinarie del mio paese e sperimento sempre cose nuove! Per vedere i video delle mie ricette seguitemi su instagram :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.