Arrotolato di vitello in pentola

L’arrotolato di vitello in pentola è un secondo piatto che mangio sin da bambina.

Adatto ai grandi pranzi in famiglia della domenica o festivi come la Pasqua,piace sia ai grandi che ai bambini perchè risulta essere molto morbido e saporito grazie alla cottura molto lenta della carne.

L’arrotolato che di solito acquisto io è già farcito dal macellaio con prosciutto all’interno e pancetta e  rosmarino all’esterno.

Non vi resta che provarlo 😉

 

 

arrotolato di vitello in pentola
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    120 minuti
  • Porzioni:
    6/8
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Arrotolato di vitello (circa 1 kg) 1
  • Carote 1
  • Gambo di sedano 1
  • Cipolle 1
  • Olio extravergine d’oliva 1 filo
  • Dadi (oppure del sale) 1
  • Acqua q.b.
  • Vino bianco 1/2 bicchiere
  • Rosmarino 1 rametto

Preparazione

  1. In un tegame dai bordi medio-alti aggiungere un filo d’olio e rosolare a fiamma alta l’arrotolato di vitello in tutti i lati per sigillare la carne.

  2. Quando la carne sarà ben rosolata unire la carota pelata e tagliata a pezzi,il sedano e la cipolla puliti e tagliati a metà e il rametto di rosmarino.

  3. Lasciare rosolare anche gli odori e poi sfumare con il vino bianco.

  4. Quando sarà evaporato aggiungere dell’acqua fino a poco più della metà dell’altezza dell’arrotolato,poi il dado o del sale se si preferisce e mettere il coperchio.

  5. Cuocere a fiamma bassa per circa 2 ore,questo sarà più o meno il tempo che impiegherà l’arrotolato a cuocere e il sughino a ritirarsi al punto giusto.

  6. Quando il sughetto sarà abbastanza ritirato ma non troppo togliere l’arrotolato dal tegame e lasciarlo raffreddare completamente.

  7. Eliminare la retina e tagliarlo a fettine di massimo un centimetro ciascuna.

  8. Mettere di nuovo le fettine di arrotolato nel tegame con il loro sughino e scaldarle prima di servirle insieme alle carote.

  9. Questo è un piatto jolly perchè con la carne si otterrà il secondo mentre con il sughino ottenuto si potrà condire la pasta per preparare anche un ottimo primo piatto.

Note

  • Conservare l’arrotolato di vitello per 2 giorni in frigorifero dentro un contenitore con coperchio.
  • Io di solito utilizzo il dado come da ricetta di famiglia,ma ovviamente a piacere si può sostituire con una presa di sale.
  • Per ottenere una salsa di accompagnamento all’arrotolato si possono frullare le verdure (eliminando il rosmarino) con il sughetto ottenuto con un frullatore a immersione e diluirla con poco latte se dovesse risultare troppo densa.

Se ti è piaciuta la ricetta condividila con i tuoi amici e lascia un mi piace QUI sulla pagina facebook del blog per non perdere le nuove ricette,a presto!

Ti consiglio anche di dare un’occhiata ai Saltinbocca alla romana,deliziosi! Clicca QUI

Precedente Arrosticini di pollo in agrodolce Successivo Calamari ripieni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.