Non chiamatela Piadina ricetta con olio d’oliva e birra

Non chiamatela Piadina ricetta con olio d’oliva e birra……. Qui a casa le Piadine piacciono molto, quindi mi sono decisa a autoprodurle. Gli esperti sanno che la vera Piadina contiene inevitabilmente lo strutto, quindi le mie; non chiamatele Piadine!

Le mie Piadine sono gustosissime, contengono dell’ottimo olio evo Sabina Dop e una giusta dose di Birra Alta Quota che rende l’impasto morbido e speciale.  Veloci da preparare anche per chi non ha praticita’ di impasti e cucina. Sono veramente da provare, qui’ in casa sono state  super promosse, non credo che ne compreremo piu’ 😉  Vogliamo vedere come si fanno!

Cosa serve per 6 Piadine:

250 gr di farina Polselli doppio zero

3 cucchiai di olio evo Sabina DOP

7 gr di sale

1/4  di cucchiaino di bicarbonato

30 gr di Ginevra birra Alta Quota

100 gr di acqua

Metto tutti gli ingredienti nella planetaria ( o in una ciotola per impasto a mano).

Quando l’impasto e’ liscio, faccio una palla e la lascio riposare 20 minuti.

Divido l’impasto in 6 palle piu’ piccole.

Infarino il piano di lavoro e stendo una sfoglia fina con il mattarello dando una forma tonda.

Non chiamatela Piadina ricetta con olio d'oliva e birra Cuocio sulla padella antiaderente gia’ calda, appena si colora da un lato giro e faccio colorare anche l’altro lato.

Non chiamatela Piadina ricetta con olio d'oliva e birra e qui’ con tanta fantasia farciamo a piacimento, sia con il salato che con il dolce 😛

piadina con olio evo e birra ricetta questa e’ con prosciutto e scamorza 😛

Note su Ginevra Birra Alta Quota:

Birra ad alta fermentazione di colore leggermente ambrato e con un consistente perlage. Al naso si rivela entusiasmante ed esplode in note erbacee e floreali, evolvendo in frutta matura e agrumi.
L’aroma è ammaliante, frutto di una generosa luppolatura.
In bocca si percepisce il sapiente mix di malti che le dona un corpo consistente e raffinato che ben si lega all’amaro dei luppoli che conferiscono un bouquet di carattere.

Abbinamenti:
Ideale come aperitivo o per accompagnare antipasti leggeri, crudité, primi piatti vegetariani, formaggi freschi o leggermente stagionati, piatti piccanti

Non chiamatela Piadina ricetta con olio d'oliva e birra  perfette anche da arrotolare….. gnom gnom gnom 😀

Si ringraziano le Aziende: Sabina DOP, Birra Alta Quota e Polselli per aver fornito gli ingredienti!

Alla prossima………. Dolcissimamente Zuccherosa 😉

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da dolcissimamentezuccherosa

Sono quattro volte mamma, amo creare in tutti i campi, dal cibo alle pietre alla stoffa e via dicendo. Mi piace leggere, ascoltare musica, fotografare la vita, cucinare pasticciando :) ballare e tante altre cose. . Mi sono trasferita in campagna nel 2007. Scelta ottima per cio' che la natura riesce a trasmettermi... Insegno Reiki Usui tradizionale o Shiki Ryoho/Seichim Sekhem Reiki/Usui Teate dal 2001 nella sua semplicita'. La pasta di zucchero mi appassiona per un semplice motivo, vedere la gioia negli occhi dei bambini e' spettacolare; e' qualcosa che mi tiene legata alla mia parte fanciulla, quella che tutti dovremmo imparare ad alimentare. La PDZ come si chiama in gergo l'ho scoperta circa un'anno fa, ma la passione forte e' nata da pochi mesi. Qui' ho deciso di condividere le cose che ho appreso e ovviamente sono a disposizione per topper torte e tante altre cose! a volte la vita e' amara, quindi lasciatevi tentare da Dolcissimamente zuccherosa XD un bacio Gloria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.