Cinghiale in umido

Dopo mille estati trascorse in toscana siamo diventati dei veri estimatorì ed intenditori di carne di cinghiale, ci piace in tutte le salse e in tutte le ricette classiche prima fra tutte il cinghiale in umido,  perfetto per l’attuale  stagione autunnale ancora di più  servito con polenta e funghi come ho fatto io…

 

Dosi per 4/5 persone

1kg di carne di cinghiale meglio se surgelata perché  aiuta la frollatura e rende la carne più tenera

1 carota

1 porro

1 spicchio d’aglio

1 cipolla

1 costa di sedano

Olio

Peperoncino rosso

Sale

Pepe

1 lt di passata di pomodoro

Alloro

Salvia

Rosmarino

Vino bianco

1 cucchiaio di farina

 

Preparare la carne a cubetti di media grandezza, passarli poi in una padella capiente ben calda per circa 10/15 minuti per fare spurgare bene un po di liquido della carne che altrimenti la renderebbe troppo forte nel gusto e troppo selvatica, disporre poi la carne spurgata a parte , buttare il liquido secreto e versare nella padella l’olio  con un trito di sedano ,carota,cipolla, porro e lo spicchio d’aglio, salare e pepare e fare rosolare,  ma non troppo,  non deve caramellare  ma stufare , aggiungere un po d’acqua  e aspettare che si asciughi un po e che la cipolla diventi trasparente. Disporre adesso nella padella con il fondo di cottura ottenuto, la carne e fare rosolare bene, aggiungere le erbe aromatiche  eliminare lo spicchio d’aglio,  aggiustare di sale e pepe, aggiungere il peperoncino, versare del vino bianco e fare evaporare, legare adesso il tutto con un cucchiaio di farina. A questo punto aggiungere la passata di pomodoro e del brodo o dell’acqua  coprire il tutto e portare a cottura molto lentamente a fiamma bassa, ci vorrano 4 ore circa per ottenere uno spezzatino gustoso, concentrato e tenerissimo.  Controllare di tanto i tanto, girare ed aggiungere del liquido se necessario.

Una volta pronto servire ben caldo, io ho fatto un anello di polenta e l’ ho servito al centro di questo con degli ottimi funghi trifolati a parte. ….un classico ma fantastico.

 

Ma che freddo fa!!, natale, Ricetta a cottura lenta in hot pot, secondi di carne

Informazioni su patrizia razza

.Benvenuti nella mia Cucciccia, che altro non è che la storpiatura del tipico dolce natalizio "Struffoli" o "Cicerchiata" che da piccola non sapevo pronunciare..............da allora in casa mia è sempre stato così e quindi quale nome migliore per indicare la "mia" personalissima cucina!! Il mio blog nasce per divertimento, passione e anche praticità, mi piace creare un vero e proprio pozzo di informazioni ,segreti e ricette per me ,le mia famiglia, i miei figli e i miei amici.................è un modo per condividere e donare . Benvenuti allora e se vi piace ditelo e lasciate anche voi un q.b. di vostro da condividere con me!

Precedente Riso al curry ........di casa mia Successivo Baccalà alla vicentina

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.