Baccalà alla vicentina

……..ma che meraviglia questa ricetta , non avevo ancora avuto occasione di assaggiare il baccalà in questa versione ma devo dire che è  sicuramente un ottimo utilizzo di questo prodotto, molto delicato ma gustoso allo stesso tempo, una ricetta perfetta per le stagioni piu fredde da servire con una polenta bianca tipica del veneto.

Dosi per 4 persone

4 tranci di baccalà  già  ammollato e dissalato

2 cipolle bianche dolci

Olio o burro

Farina q.b.

Sale pepe bianco

Peperoncino e aglio a piacere…io si ovviamente

Latte 3/4 di lt

 

Accertarvi che i tranci di baccalà  siano perfettamente spinati, intanto in una padella mettere a scaldare dell’olio  di oliva con una nocciola di burro, dell’aglio  liofilizzato e delle scagliette di peperoncino piccante, aggiungere le due cipolle tagliate molto, molto sottili,salare e pepare il tutto,  fare diventare la cipolla trasparente, aggiungere un po di acqua per ottenere una cottura stufata e non rosolata. Quando il fondo di cottura sarà  pronto , passare i tranci di baccalà nella farina, poi passarli nella padella con il fondo e fare rosolare bene da entrambi i lati per pochi minuti, fate questa operazione con molta cura e attenzione perché  il trancio tende a sfaldarsi subito. A questo punto aggiungere il latte e coprire con un coperchio a  fuoco molto leggero per 2 ore circa,  controllare la cottura e che non asciughi troppo. Quando il latte si sarà addensato, con attenzione e con l’aiuto  di un minipimer,  emulsionare il sughetto , senza frullare il pesce e possibilmente lasciando i tranci intatti, saranno più  belli da servire, otterrete così  una bellissima cremina gustosissima.

C’è  chi ama servire il baccalà  mantecato e quindi sfaldato, ma io non amo le pappette e quindi , cone dicevo, preferisco servire il baccalà  in tranci interi.,  ma se voi volete la ricetta tradizionale prevede in effetti la mantecazione del baccalà.

Servite comunque ben caldo e con una buona polenta bianca.

 

natale, Secondi di pesce , , , ,

Informazioni su patrizia razza

.Benvenuti nella mia Cucciccia, che altro non è che la storpiatura del tipico dolce natalizio "Struffoli" o "Cicerchiata" che da piccola non sapevo pronunciare..............da allora in casa mia è sempre stato così e quindi quale nome migliore per indicare la "mia" personalissima cucina!! Il mio blog nasce per divertimento, passione e anche praticità, mi piace creare un vero e proprio pozzo di informazioni ,segreti e ricette per me ,le mia famiglia, i miei figli e i miei amici.................è un modo per condividere e donare . Benvenuti allora e se vi piace ditelo e lasciate anche voi un q.b. di vostro da condividere con me!

Precedente Cinghiale in umido Successivo Girelle di frittata farcite

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.