Involtini alle olive

La cena è sempre un grande dilemma, per lo meno nella mia famiglia. Sfogliando una rivista di 20 anni fa ho trovato un’idea davvero carina e originale: inizialmente mi sono spaventata, mi sembrava impossibile farla, invece si è dimostrata una ricetta di facile esecuzione. In pochissimo tempo avrete una cena degna di un re!
Gli involtini alle olive doneranno alla vostra giornata quel tocco in più. Sono un secondo piatto di carne veramente sfizioso.

Involtini alle olive

involtini alle olive blog 2

Ingredienti (dosi per 4 persone)
8 fettine di fesa di tacchino (600 g)
8 fette di pancetta affumicata
8 cipolline
2 cucchiai di paté di olive nere

4 foglie di salvia
Un rametto di rosmarino
Uno spicchio di aglio
2 cucchiai di vino bianco secco
Un dl di brodo
6 olive verdi
2 cucchiai di olio
Sale e pepe q.b

Procedimento
Mondate le cipolline e lessatele in acqua bollente salata per 10 minuti circa. Disponete su un piano di lavoro le fette di fesa, spalmate su ognuna un po’ di paté di olive nere, poi mettete al centro una cipollina e formate 8 involtini. Avvolgeteli con una fetta di pancetta e fermateli con uno stecchino di legno.
Scaldate l’olio e profumatelo con la salvia, il rosmarino e l’aglio, mondati e lavati: rosolatevi la carne in modo uniforme, quindi spruzzate con il vino, lasciate evaporare e aggiungete il brodo. Cuocete per 25 minuti, poi regolate di sale, pepate e fate restringere il fondo di cottura. Poco prima di spegnere aggiungete le olive snocciolate tagliate a metà. Servite gli involtini decorati, a piacere, con prezzemolo tritato.

involtini alle olive blog

Curiosità: il tacchino rientra nelle carni bianche, è quindi una delle carni più digeribili. Questo per la ridotta presenza di grassi e tessuto connettivo.
Il tacchino è una carne a ridotto contenuto di grassi saturi e ricco di proteine, più del pollo e del manzo. Contiene un’adeguata presenza di amminoacidi essenziali che permette il buon sviluppo e la crescita del tessuto muscolare e dei muscoli.

Precedente Spaghetti tonno e mais Successivo Pasta rustica

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.