Crea sito

Focaccia ripiena: ovvero porcata svuotafrigo!!!!

Guardate quà che ho combinato lo scorso sabato dopo aver fatto pulizia nel frigo!

Trovo queste ricette raccogli-porcher….er avanzi un modo per fare economia domestica, perchè messo tutto dentro una focaccia, puoi benissimo non mangiarla (altrimenti sai che ciccia!! Pulisco il frigo una volta a settimana!) ma insacchettarla e congelarla. Capiterà di avere degli ospiti inattesi! Quale occasione migliore per improvvisare, magari un aperitivo?


Gli ingredienti base della mia focaccia sono:

400 g. di farina 0
100 g. di farina di grano duro
25 g. di lievito di birra
250 ml. di acqua
5 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio raso di sale fino

impasto tutti gli ingredienti e formo una palla che lascio lievitare in una bacinella coperta con un canovaccio. 
Ci vorranno almeno 1 ora e mezza.

prendo 1 terzo dell’impasto lievitato e lo stendo col mattarello, ci fodero un tegame, quello dove si cuociono gli arrosti per la precisione, perchè voglio una focaccia molto alta.

Ora, come ripieno sta a quello che il frigo ci fornisce, da me c’erano:
6 sottilette
150 g. di prosciutto cotto, quello con la faccia dell’orsetto disegnata, che Camilla ha voluto comprare e poi puntualmente non ha mangiato
4 fette di prosciutto crudo tagliato sottile
1 ventina di pomodorini ciliegina che io ho messo sopra, così mio marito li ha potuti togliere..o pazienza non si può avere tutto dalla vita!

Ho messo gli ingredienti sopra all’impasto già steso, poi ci ho sistemato sopra l’impasto rimanente ed ho fatto lievitare per un’altra oretta, coperto con un canovaccio dentro al forno.

Nel momento di cuocere ho tolto il canovaccio ed acceso il forno…..in 40 minuti ho ottenuto una meraviglia!

Pubblicato da martina

Blog manager per la piattaforma blog Giallozafferano ( Gialloblog) e blogger per hobby. Nel mio blog racconto di me attraverso le ricette che mi piace cucinare... per tutto il resto c'è facebook!

21 Risposte a “Focaccia ripiena: ovvero porcata svuotafrigo!!!!”

  1. Complimenti per l’iniziativa….senti quando abbiamo un sacco di cose, prossime in scadenza e non utilizzabili a breve in frigo..ti chiamiamo, se ti inventi una cosa simile…sarebbe perfetto!Ma davvero poi le congeli? E quando le riutilizzi? Sono ugiali come appena fatte??

  2. Grazie gunther ti ho risposto..Giovanna assaggia pure!Manu e Silvia…si rimane uguale, aturalmente non deve stare in congelatore un anno, ma al massimo 3 mesi e poi ci vorrebbe un congelatore come il mio che sta a – 18 gradi. Comunque anche per i vari compleanni faccio così, cucino in settimana e congelo.Se riuscita e sapere più o meno l’ora in cui vi serve, basta farla uscire dal congelatore 2 ore prima, va tolta dal sacchetto subito, altrimenti si inumidisce.Oppure va bene anche riscaldata in forno se vi serve proprio in un lampo! L’unica cosa è che se avanza va buttata, non si può ricongelare.Ma provate!!! E’ divertente vedere che viene fuori!Martina

  3. si…hai davvero ottenuto una meravoglia…ma ho capito bene? tagli a fette e congeli? come faccio io con la ciambella? idea bellissima:-) grazie per tuttoAnnamaria

  4. capito che roba!!! ma come si fa a fare sta benedetta dieta???? ma ste foto co ste cornicete bellissime me lo dite come si fanno???baciotti

  5. bhè non sembra affatto preparata con gli avanzi è fantastica e morbida e hmmmm quasi quasi domenica…passo da te che se svuoti il frigo…magari ci salta fuori un’altra cosina buona buona!!! hehehePippi

  6. sara’ uno svotafrigo, ma ha proprio un bell’aspetto! Ma come fai a farla cosi’ alta? Il segreto e’ stenderla e poi farla lievitare di nuovo?ciao! Silvia

  7. Martina certo che lo farò non sai le cose che ci fa nel microond è sempre lì a sperimentare eheheheh mi fa ridere perchè alla sua età è più tecnologica di me!!!!! un bacio Pippi

  8. In effetti, è una porcata che, come dice mia cognata, fa la sua “porca” figura… Brava Martina! Deve essere buonissima, peccato non poterne assaggiare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.